RACCONTI Degli Amici OMAVV in tour
OMAVV in tour PDF Stampa E-mail
Votazione Utente: / 0
ScarsoOttimo 
Scritto da Administrator   
Venerdì 22 Gennaio 2010 14:09

OMAVV in tour!!! - STAFFOLO - MUSICA IN FESTA 25/26/27/28 luglio2008 (del nostro amico Tuba - tratto dal sito ufficiale)

Quattro giorni stupendi, indimenticabili, per cui qualsiasi parola dirò sarà sprecata ed insignificante rispetto alla magnifica esperienza vissuta, le eccezionali persone incontrate, il clima di amicizia irripetibile che le occasione del genere sanno creare lasciando il ricordo appiccicato nella mente di chi lo ha vissuto, per sempre. Quattro giorni in festa, iniziati con l'arrivo a Staffolo (AN) nella notte di venerdi 25 luglio e terminati lunedì 28, in cui la OMAVV ha provato a staccare il cordone ombelicale da mamma Banda per provare a camminare da sola. Occasione dell'uscita è stata la manifestazione 'Musica in Festa' di cui Damiano Cerioni (e vi racconterò di lui più avanti) ne è organizzatore, coordinatore, PR, promoter, spazzino bidello e libero pensatore, insomma un factotum eccezionale. Il sabato, dopo un saluto formale con il sindaco, è proseguito nel migliore dei modi con visita e degustazione delle produzioni vitivinicole del verdicchio, di cui Staffolo è produttore di eccellenza. Nel tardo pomeriggio, al termine dell'effetto 'lingua felpata e bocca impastata con annebbiamento delle 7 cellule celebrali' si è entrati nel vivo della manifestazione dove quattro gruppi musicali si sono alternati suonando per il numeroso pubblico accorso nella piazza del paese.'Banda musicale di Staffolo', 'Banda di Obidos', Portogallo, gruppo musicale 'The _ica Brothers' e naturalmente la 'OMAVV'. Gruppi di assoluta eccellenza, musicalmente preparatissimi, intonazione, ritmica, interpretazione invidiabile che non ho potuto che ammirare ed apprezzare da tutti i punti di vista. In tutta sincerità la OMAVV era senz'altro sotto il livello medio, ma altrettanto sinceramente credo di poter dire che non ha sfigurato ed ha ugualmente divertito ed entusiasmato i presenti, questo grazie anche ai nostri accompagnatori che si sono fatti in 4 per applaudire e 'farci bello', grazie di cuore anche a loro. Abbiamo comunque fatto del nostro meglio ed è stato senza dubbio il miglior risultato di sempre, quindi per noi motivo di grande soddisfazione. Serata proseguita con degustazione ed assaggio di svariate damigiane di verdicchio, camionate di olive ascolane, piade etc. La domenica, giornata passata in compagnia al mare, ci ha rivisti impegnati nella sfilata di apertura della serata, dove 'Javier GIROTTO & ATEM Sax Quartet', ospite díeccellenza, ha dato una lezione di musica che ha lasciato a dir poco basito il pubblico presente.Serata proseguita con degustazione ed assaggio di svariate botti di verdicchio, vagoni di olive ascolane, piade etc. è risaputo che i polifenoli contenuti nel verdicchio fanno bene (se presi a piccole dosi), ma l'ultima damigiana che ci siamo scolati, ha dato qualche problema di lucidità. Cosicchè sino a tarda serata riunendo tutti i balordi di zona, abbiamo fatto scappare cani e gatti randagi con canti, balli, baci e abbracci profusi a tutti i passanti. Una serata indimenticabile. Unica. Nel migliore spirito di amicizia, tra persone diverse legate dalla sola passione per la musica. Lunedì 28, ultimo giorno di tour, lo si è dedicato al relax al mare, con pizzata e esibizione estemporanea alla festa della banda di Casazza di cui il nostro corno OMAVV (Marco) ne è parte. Il mio, o meglio, il nostro grazie, va in primis a Damiano Cerioni, braccio e mente di tutto ciò. Persona di eccezionale carisma e simpatia che muove le montagne con un pugno di mosche. Farà sorridere, ma immaginandolo in mezzo a portoghesi, spagnoli tedesche, francesi etc. con cui spessissimo si confronta, mi faceva sentire orgoglioso dell'italianità che sa diffondere, del bellissimo messaggio che a sua insaputa lascia nelle persone con cui interagisce. Grazie Damiano, grazie di cuore. Sono certo che il nostro incontro è solo il primo. Naturalmente Damiano (DAM per i frequentatori del nostro sito) è la punta dell'iceberg Staffolo. Senza la collaborazione di persone altrettanto fantastiche e delle mogli che si fanno in quattro dietro le quinte, queste cose non possono prendere forma. Non cito nessuno per non tralasciare nessuno, ma grazie anche a voi. Un grazie a chi ci ha portati a fare questa bella esperienza, il nostro Luigi, che pur non avendo mai la testa a posto quando si tratta di musica è meglio di un azzeccagarbugli. E infine grazie a chi, con lo strumento del sito, ha fatto in modo che si creasse questa opportunità di incontro, diversamente inimmaginabile. Staffolo, paesino medievale arroccato su una collina con uno sparuto gruppetto di case in mattoni e pietra abbracciate alle mura urbane, dove la terra, madre di uno splendido verdicchio, odora di zolfo ed il cielo è sempre blu. Staffolo, solitario sulla sua collina che sta a met‡ tra il cielo e la terra, paesello di 2000 anime e poco più ma con un cuore grande così, capace di smuovere le montagne con i pochi e semplici mezzi della passione e della buona volontà di chi si mette in gioco... Staffolo, guardalo, mangialo, bevilo, ascoltalo e GODILO! Io lo ricorderò così.

Il tuba