CARNEVALI Carnevale 2009
Carnevale 2009 PDF Stampa E-mail
Dim lights

 

TESTAMENTO DI MESSER CARNEVALE CARNEVALI NELL’ANNO DEL CARNEVALE 2009.

PROLOGO:

In nome del Popolo e così sia!
Addì, i 25 de febbraio dell’anno 2009
alle ore 21,00 e qualchecco’.

Avanti a me notaro pubblicu,
natu ‘nte stu paese, co’ a presenza dei
testimoni, scritti giò funnu, se
presentava de persona
Carnuale Carnuali
a me notaro pubblicu, conosciutu
…mutuè.
Che pensanno a certezza de a morte sua
e a u periculu dell’ora, sanu de tutti
i sentimenti dell’anima e de u
cervellu, benché malatu de corpu, de
testa sua ordina e lassa scrittu ello
che vene appressu:

FORMULA D’APERTURA

ATTENZIONE, ATTENZIONE…

Parla qui Carnevalone
che in procinto di morire
qualche cosa vi vuol dire.

E’ uno scherzo preparato
dai cronisti e il comitato,
qui nessuno è compromesso
chi si offende è un gran fesso.

A chi tocca, a chi non tocca
ve lo dico con la bocca.
Chi se stizza non fa niente…
dia la colpa al Presidente.
Ve lo dice Carnevale…
ogni scherzo e burla vale.
Quel che ho da dir, io lo proclamo…
state a sentir che incominciamo…

PASSEGGIATA ECOLOGICA

L’anno scorso pe’ puru casu
me l’ha fatta sotto u nasu…
Ve recordate u saccu da spazzatura
sott’ al comune? Che cojonatura!

Propriu ‘n ti lu momentu
che finìo de scrive u testamentu!
E’ mancata l’ora propizia
pe’ scrive su u testamentu st’ultima notizia:

Al Sinnico je l’ha fatta propriu dietru
illu che pare tuttu “santificètur”!
Il Sinnico s’è facciatu pure dal balcone
per ribadire con un sermone
a tutta l’intera cittadinanza:

“Insomma, qui ce vole più creanza!”

“Lo dico e lo ribadisco con fermezza
facciamola finita co sta monnezza!
La città sarà a tutti più gradita
quanto più la terremo pulita!”

Po’, pensa: (“Ma que me so suggestionatu?
a pensa’ che c’ho pure u nasu un po’ turatu!
Sento na puzza,… na schifezza!
Ma que sarà sta monnezza?!”)

“Non sarrà che in Giunta discutendo de legge
qualchidù ha lassatu un parde… scorregge?”

Po’ se ffaccia dal Balcone tuttu prudente
e vede un saccu puzzolente!

“Ma chi è statu la testa de… pupazzu
che ha missu a monnezza sotto u terrazzu!”

“Zittuuu! Rbocca e fa finta de coè”.
ja dittu subbitu u fiju de Vincè.

Tutta colpa dell’assessore Bacelli!
Nooo! U cervellu non ja fattu cilecca,
è che a moje spissu u tira pe’ na recchia!

All’ordine de Lorella risponde: obbedisco!
L’ha mannatu a rcoje a mondezza pure gio’ Sanfrancisco!
Po’ gnogno gnogno invece che lì ‘n cassonetto
l’ha lassata davanti al comune co’ ‘n bijetto:

“Cittadini, no a spannete, pe carità,
che scinno’ mojema fino a u Bachiru me fa rigà.
E sci possibile, no, ‘n turnu u paese,
che scinno’ do’ vo a spassu co a signora…

(… e co a cappella tirolese!)”


I MAGI D'ORIENTE

A Natale a chiesa st’anno era tutta splendente
c’era pure a stella cometa rlucente!
Cumu l’aia taccate non s’è saputu
Peresse se tinia su co nu sputu!

Che Osanna che c’è stata
quanno a stella da u suffittu s’è staccata!

Pe sicurezza me so nascostu lì a sacristia…
Fra lume e scuru ho vistu tre ommini neri.

Ho salutatu per cortesia.
Mi rispostu te che non c’eri?
Po’, quanno ho vistu che rlucìa,
me so accortu che era i re Magi!

Que sta a fa si pupi u giornu dell’Epifania?
Que s’è spersi cumu ca’ randagi?
Po’ ma spiegatu don Giovanni co i vangeli:

“Sul presepio non han trovato un posticello!”
“Ma no o sapìa che dalle parti, l’alberghi è tutti pieni?
Non c’era postu mancu pel Bambinello!”

“Nooo”,- ha dittu don Giovanni stralunatu!-

“Dico quello della piazza, che st’anno, è stato ristretto;
perché Pagnotta è propriu incavolatu
dice che è u sua e non me ne dà più manco un pezzo!”

“Pe’ sta volta il Sinnico allora m’ha detto:
u presepio u famo nuà, co te non me ce stizzo!

Però non ce mette il bagnetto,
quillu non se po’, è ‘n abuso edilizio!”

“Mo’ l’ho comprati, sti Magi du li metto?
Lì ‘l magazzì del comune che almeno non se roppe!
Per carità no! Il sindaco m’ha detto!
De Madonne ce n’è pure troppe!

Pollonara, tra quelle che stacca e quelle che tacca su
lì u magazzì, de postu non ce n’è più”.

Me fa specie che unu tostu e fucusu cumu lu
c’ha bisogno de tute le donne nude taccate su!
Peresse è’ un po’ de tempu che je va magra,
que c’ha bisugnu de na pasticchetta de Viagra?!


MESSA IN LATINORUM

Adesso co’ stu Papa todesco,
tante cose n’e capiscio, non ce riesco!
Ha decisu che il latino pòle esse
a lingua pe’ prega’ e pe’ di’ e messe!

Per me era mejo, pe’ novità, che ‘nte chiese
pregammo tutti in lingua inglese!
Oh yes, vèry mach, dujudù,
che ce facesse a grazia qualchidù!

Che sci sentete se vecchiette
a di’ u rosariu a sera a e sette…
Altru che adunanza pia,
pare de sta’ lì ‘nti ‘n’osteria!

Una dice: “Mater sdolorata”,
l’altre responne: “virgo sputorata”,
più che de senti’ l’orazioni
senti un mucchiu de imprecazioni!

Anche allu poru Sant’Antò abate
più de una je n’ha cantate!
Sarrà perché c’ha vicinu lu porcu sbisuntu
che i staffulà je cantaa: Sant’Antò resti tuntu…
aderemo cer nuì… et antico documento…

Don Gioanni se sta a da’ da fa’.
“Cuza dite, continuamo a prega’ in staffula’!?”
E vole chiede a (inchino) Monsignore Sua Eccellenza
de accordaje almeno sta dispensa.

Ma sarà fadiga co’ stu Papa, che volete!
Figuramoce che vole pure rigirà u prete.
Pretenne che a chiesa sia tutta piena
e a messa a vole fa di’ de schiena.

Chissà que ne pensa nell’Alto dei cieli!
Quaggiò ce se impegna pe pensalle!
Insomma ha decisu che ai fedeli
Je dee propriu girà … le spalle!

Ma se sa, a Staffulu non simmo troppu praticanti
e lì a chiesa non ce ne va tanti!
Sua eccellenza a don Gioanni je tira e recchie
perché non rempe mancu na corriera co e vecchiette!

Pare che j’ha dittu: “In sospeso ti tengo
e pe la cresima non so si a Staffulu ce vengo!”

LEZIONI DI TANGO

Al sinnico tocca chiamallu Sua Eccellenza.
Pe’ parlaje tocca chiede udienza!
Tocca pijà u numeru e mettese a fa’ a fila.

C’è chi spetta dal duemila!
Allora qualchidù pe’ falla corta
u ‘ncontra quanno passa for de porta.
Pe potecce un po’ parlar u ‘nvita a pijà un caffè lì ‘l bar.

“Sinnico veni qua, veni a be’ co’ sta gente!”
“Te rengrazio ma c’ho ‘n impegno urgente!”
“Daje, veni a be’ con nua’ un uischi…”
“Ma scherzi, mica posso corre rischi!”
“Ma pijerari un sugo de frutta!”
“T’ ho dittu no, c’ho propriu fretta!”
“Ma daje un caffè espresso!”
“Ma si mattu, po’ a notte non dormo
(…e sci non dormo, me vene voja de fa’ sesso!)
“Ma allora pija un caffè d’orzo!”
“Nooo! Sci no po’ a notte dormo
(…e sci dormo, sorzo!”)
Fiju mia ma in forma c’ho da esse
e a mojema j’ho dittu non ce pensesse!
A campagna elettorale comincia adesso,
niente vino, niente pranzi…e non se ne parla de sesso!
---------------------------------
Ma a solita impiegata (che se fa l’affari sua)
m’ha dittu: “io ‘nte a bocca c’ho ‘n aciu d’ua…
Ma se propriu su u testamentu te ce casca,
fa parlà a… Marasca!
(e Marasca ha parlato…)

“Ma no o sapete, stu democristiano,
è gitu a scola de latino-americano?
E subitu alla prima ha approfittato
pe balla’ co’ na ballerina su u palcu del teatro!?

Po’ stu spudoratu, da vero Cavaliere,
è capace de di’ che non sono cose vere!
Ma l’immo saputa para dall’assessori suoi
cumu se vanta de esse un plèiboi!

Ha raccontatu al suo vice Tesei:
“Alla ballerina jo dittu: - che bella alcaciofa che sei!
M’ha respostu mentre ballavamo il tango:
- Alcalde!, che uomo de rango!”

“Quel che era mamma mia!
A guardao dritta lì l’occhi,
è cumu se me dicìa:

- Daje, perché non me tocchi!”
A moje, a sera, lì casa l’ha rimproverato:

“Sauretto te vedo un po’ eccitato!
Non te basta un mparde docce,
chissà come facei a guardalla lì l’occhi!
Se non je rigai mango ntì le pocce! »

IL GIARDINIERE

Occhiu a si mariti tutto casa e lavoro,
che quanno sta’ suli pensa sulu per loro!
A sera in poltrona e ciabatte,
u giornu però… mète e batte!

E’ facile riconosceli è tutti na razza,
non facimmo i nomi sci no s’incazza!
Raccontamo a favola dei tre porcellini,
anzi pe’ di mejo: dei tre Pierini!

Un solo nome, un identico destino:
quello de chiamasse Pierino.
Non temete non fate i paurosi,
ho dittu che non parlo de Pierino Ombrosi!

A primavera resveja i sentimenti,
però c’è da sta’ anche un po’ attenti!
Te pare che nisciù te s’è n’accortu
che stai a fa’ u gallittu lì ‘nte l’ortu?

“E’ un po’ trascuratu stu giardi’
è ora che me metto un po’ a rpuli’”
Dicia tuttu impettitu lì davanti
pe’ rchiama’ l’attenzione de du’ badanti!

E po’ co ‘na scaletta è montatu su a cerasa,
ella che sta, giustu giustu, dietro casa.
Ha tiratu fori a sega e forbici pe pota’

S’è leatu a giacchetta…
prima è sgappata una, po’ dopo l’altra polacchetta!
Du brae donne, ce manchiria!
Ma se sa, je piace sta pure in compagnia.

E de ‘mparaje l’italiano non je parìa vero
a lu birbacciò de Piero!
Lu vulìa fa a vorpe jotta!

Ma no ‘o sapìa che lì de sotta,
affacciata al balconcino,mo c’ha ella de Torino?

“Giandujotto neh… cosa fai?
Rientra subito in casa neh… e chiudi la cantina
altrimenti te la scordi la gattina!”

L'UOMO GALANTE


‘N antru è ‘n amicu mia… fidatu
e sulu a me m’ha raccontatu:
“Me raccomando non di’ coè,
sai che me fido sulu de te!

Non me succederà più
de offri’ da be’ a qualchidù!
Specie po’ pe’ fa il galante,
de offri’ a ‘na signora ‘nu spumante.”

“Va a pensa’ che ‘a matina de bonora
te ‘ncontro da Barbo’ sta signora.
Da omo raffinato, da omo di mondo
jo offertu… un analcolico biondo!.”

(Ma respostu la signora)

“Preferisco al solito sciapo crodino
un bicchiere de gin e spumantino,
ché altrimenti il dolce me lappa,
ché prima me so fatta mezza grappa!”

“Mei cojoni la signora mia!
A di’ che astemia me parìa!”
Pe’ staje dietro, mo ce stèro
me so’ biutu un uischi intero!

“Me parìa che eri venuta a prende’ il pane
pe’ compagnallu co un po’ de salame!”
“S’è per quesso, amico mio, preferiscio a lonza
e po’… me pare che a porti grossa sta sbronza!”

“Appoggiatu co’ un gumitu lì u banco’,
ho proatu allora a faje sta confidenza:
- Ade’ c’ho pure na fija piccola, guarda un po’…

Cara mia io sto un po’ in astinenza…”
Risponde la signora davanti a tanto ardore:
“Ma se c’hai un po’ de tempu…
controllame u motore!

LA BOTTEGA DELL'ARTE


Ma ade’ gemmo a guarda’ da ‘n’ antra parte;
gimmo a sfroscia’ lì ‘a Bottega dell’arte.
Prima fadigava solo soletto,
me paria a bottega de Geppetto!

Ade’, da quanno ha missu l’aiutante…
de persone atturnu ce n’ha tante!
J’è aumentatu de sicuru u lavoro,
ma ella que c’avrà e ma d’oro?!

Ce vidi sempre, senza orario,
unu che pare un segretario!
E po’ passa indifferente illu d’Apiru
che va a spassu co’ u ca’ niru!

E ce vedi a sera a fa’ tappa lì
persino la lenza de Scalì.
Po’ se ferma pure quillu co’ u machino’
pure lu vole sistemà …un comò.

Piaceria a tutti un mocconcellu
…fadigà de pennellu!
Ma me pare che non c’è cosa da fa,
e u pennellu sciuccu a casa tocca rportà.

Ah, ma a dittu de a gente
cuscì non pò dura’ pe’ niente!
Pare che ade’ ce se messa de ponta
‘a moje… e a ella no ja racconta!

Ja dittu: “Ma do vai, troa locu,
da quantu u usi pocu
tra si mobili d’antiquariatu
pure u mannicu te s’è tarlatu!

Eh, cari mia! Quanti sete a gi’ a spassu a sera…
L’unica cosa che v’è rmassa da fa
è sgappà de casa pe portà a piscià u ca’.

NUOVA VIABILITÁ

Que diaulu farrà s’Amministrazione!?
Mo tocca fasse pure scaltri!
Non ha riduttu pure l’illuminazione!?
Cumu famo a facce… l’affari dell’altri?

Pe’ fa’ du righe è giti giranno,
turnu u paese pe’ quasci un anno!
Po’ a fine Pollonara e Musculà
ha fattu e righe a coda de ca’!

Non è che non sa fa u mestiere
anche se a fadiga non s’i ‘mponne.
È che tutti e dui va guardenno sempre
… que c’è sotto e gonne!

Tuttu po’, pe’ fa ‘na cosa da ridiculi!
Drento u paese ha invertitu ogni segnale.
Ade’ pe’ bocca’ co’ ‘a machina fra i viculi
c’ho lassatu ‘na fiancata e pure un fanale!

Pe si viculi, Alberto de Jòle
gera chiedenno da più de ‘n mese:
“Qualchidù me sa di’ cumu se pole
sgappà co a machina da stu paese!”

Ma ‘a solita impiegata, nostra informatrice,
(se dice u peccatu ma no a peccatrice!)
c’ha raccontatu de ‘na strana intercettazione,
cuscì me pare che ade’ se dice!

Per casu, dall’ufficiu dell’Amministrazione,
ha sentutu una strana conversazione.
Co’ si cellulari se capisce pocu!
Ma sotto a cenera… coa u focu!

Unu da ‘na parte era Sauro, vedete un po’!
Mo sci era il Sinnico no ‘o so!
‘A voce non era ‘a stessa;
l’altra invece, sicura, era ‘na vigilessa.

(No o so, non è chiaru ancora sci era quella bionna o ella mora!)

Senta vigilessa: - a famo dritta o de traersu

“Verticale famo prima…
anche subitu, stamatina!
Ché orizzontale co’ Musculà...
Dico... tre ò m’ha toccatu a fajela fà!”

Ma dopo c’immo datu un taju
quanno immo saputu che Sauro è l’operaju!
Anco’ no’ ja fa, non capisce
cumu se dee disegnà e strisce!

Lu’ vurria tantu ‘na consulenza,
da ‘na persona con po’ d’esperienza.
A vigilessa j’ha dittu: “Io no, che c’ho da fa’”,
Insomma Sauro… i capitu che a Consulenza non t’a dà!

CHIACCHIERE DA BAR

Eh… la vita ‘nti stu paese
riserva pure grandi sorprese!
Lì il bar fa a chi più grosse e spara,
magari scordannose de lea’ ‘a tara!

I mariti racconta e grandi imprese
che po’ fa u giru de tuttu u paese!
Non c’è da fassene grandi colpe
però…’na ò corre u cà, ‘na ò a volpe!

Poche sere fa, davanti a a du bicchieri
unu facia l’amicu prodigu de pareri
all’altru che se vanta de esse un pleiboi
che invece peresse porta du corna cumu i boi.

“Dà retta a me che so ragioniere,
u libru de e corna c’ha du colonne:
una pe’ il dare e una pe’ l’avere!
Senza distanzio’ fra omini e donne.”

“Ma allora ce pole esse il casu
che pe ogni corna che a mojema je metto
qualchidu’ sotto u nasu
me mette l’antenne sul tetto?

I capitu te? L’amicu te fa u simpaticu e te se liscia.
È cumu il culu co a camiscia,
po’ quanno co’ mojeta i lassi sóli
pròa a cacciasse in mezzo ai lenzoli!


LA VERA PASSIONE


Tutti i santi finisce in gloria!
Esta è ‘na storia che sapimmo a memoria!
Simmo tutti felici pe’ Fiore
che alla fine a ritroatu… l’amore!

Ce piagnìa li puritti de Franco e Marì:
“Era tantu contentu, gera sempre a scamà lì a vigna!
Ma nuà jo dicemmo, sta a sintì:
lassa perde Marco, va’ a… scamà co Lavigna!

Po’, un giornu, l’immo capitu da a faccia
“Daje, dateme da be’ ‘n’ antra tazza”
- e co l’occhi rusci cumu a feccia -
dicia: “mo’ do a stroo ‘n’antra ragazza?”

Pure “Quelli che il calcio” era preoccupati
perché a pallo’ non se vidia più i risultati!
Ja dittu il mister con tono contegnoso:
“Ste ultime partite me pari un po’ legnoso”

E ja fattu eco Lionà: “Rendimento carente,
nel gioco di testa sei proprio assente!
Devi segui’ il tuo uomo con la coda dell’occhio
ché sinnó te fa fa a figura del Finocchio!”

Po’ c’ha pensatu pure Carotto
che nello sport mette tutto l’ingegno:
“Da quanno t’ha lassatu, si bellu che cotto,
oltre a e gamme c’hai pure a zocca de legno!”

Ma Gilberto j’ha datu un bel consiju:
“Fai troppe cose tutte insieme, fiju!
Po’, dopo, ella de te se sbarazza
o vì, o pallo’, a politica!, pora ragazza!”

“Ah no! Sci deo lassa’ qualchicco’,
- Ha respostu Fiore a sa gente trista -
toccatime a ragazza, persino u pallo’
ma non me toccate u Partitu Socialista!”

Alla fine però tutto è finito bene…
Marco e Lavinia di nuovo insieme!
Gio’ da piedi chi se la pijatu in culu
è lu poru Franco che a scama’… mo ce va da sulu!


RISCHIO INCENDI

Oggigiorno u problema dell’estate
non è l’arsura de a campagna,
ma quillu de e macchie brusciate,
de sta cosa tutti ce se lagna!

Ce sta sempre qualche sciaguratu!
Qualcun altru è propriu stronzo:
fuma e po’ butta ‘a cica lì u pratu,
je darrio a lu’ focu cumu a un bonzo!

Ma ade’ in paese c’è a Civile Proteziò
che va a controllare il bosco.
Se porta tuttu l’occorrente per l’operaziò:
…vino, pecorino e salame del posto!

Ade’ tutti potimmo sta più sicuri!
Sempre in coppia da uomini veri,
responsabili ma con spirito allegro,
pare illi dell’amaru Montenegro!

Dice unu: “Simmo stati a fa’ e vedette
da a sera a e nòe a matina a e sette!
Guardemmo u monte e gió a valle
… non ve dico che rotta de palle!

A fadiga più grossa intendi
non era de sorvejà l’incendi.
Ma de sta a senti’ tutte ‘le ore
e storie de donne… de Luca de Fiore!”

CONTRO LA MONOTONIA

Oggigiorno se sente su a televisione,
(ma non se scherza mancu a casa nostra!)
ogni sorta de stranezza e perversione!
Anche chi c’è chi je piace mettese in mostra!

Vene a Staffulu unu co’ ‘na moje riccia
che ‘a fotografa come in una rivista:
coperta de giojelli e de pelliccia
ma co’ ‘a natura… sempre in bella vista!

Ce sta ‘n’ antra coppia ormai canonica
che sci no fa all’aria aperta non je vène,
è per questo che lì ‘n passu de Follonica
ha fattu lea’ i palitti co’ e catene!

Se vede che tutti e dui proa più gustu
a fasse insieme ‘na carezza
all’aria aperta fra scuru e lustru,
sentenno addossu un po’ de brezza…

Ma tutto si fa ancor più bello,
tantu che u maritu fiotta cumu un toro,
quanno la signora è nuda co’ solo il cappello…
fattu de pilu de castoro!

Staffulà, que volete fa’, non giudicate male
ve ‘ssicuro che lu non è un maiale.
È che senza sta stranezza
non riga mancu a mezza!

E po’ a pensacce fittu fittu
non sarà che pure a Banda certe sere,
co la scusa de fa un po’ de profittu,
ha missu su ‘na casa de piacere?

A Banda organizza a prova dei letti
e chiama a raccolta coppie esperte.
Dice pe venne i materazzi…
Mah, chissà si ce mette pure e coperte?

Mo’ che ce rpenso è a solita troata,
serve pe pagasse a gita organizzata!

U BRAU RAGAZZO

Eh, lì a zocca c’ho un pensieru,
pe lu fiju de Dolciotto, Daniele!
Corre sempre pu paese interu
ma e ragazze propriu n’e vede!

E’ brau che rasenta a perfezione!
Dolce cumu un confettu cannellino;
ma pensa sulu alla Protezione
e a organizza’ la festa del vino!

Lu’ è tranquillu, non se ne pija.
Dice che tantu a va a troa’ ‘na braa fija:
“Te pare che non troo il grande amore,
sci l’ha stroata pure Marco Fiore!”

L'OCCHIO CLINICO

Ma pe’ unu un po’ tardotto,
ce n’è ‘n antru che... alla faccia!
Pur chiamannose Dolciotto,
de passerotte ce va a caccia!

Un esclusivo interesse professionale:
“Non magnà sempre a pizza
ché te pole fa un po’ male”
dicia un giornu a Laura Manizza!
(l’assistente sociale)

Ha respostu quella: “Ma… Dolciotti,
non sapevo che anche lei mi controllasse!
Oltre agl’assessori, sti vecchiotti,
che quando passo mi fan le lastre!”

“Ah, ma io so Pacifico… non te preoccupà!
Però me pare che ti si incicciata.
Non è pe’ di’ ma non sarrà…
…che pure moiema tre ò me s’è ingrassata!”

QUATTRO SANTE

De sti tempi non se sta più allegri
c’è sempre a paura dei furfanti.
Capace che te frega u portafoju mentre preghi
anche sci de quatrì non ce n’hai tanti!

Pe’ fortuna che lì a Pro loco c’è un presidente
che appena s’è accortu che lì a Chiesa dei frati
non c’era più u quadru de e quattro sante,
ha datu l’allarme: “C’è stati i latri!”

Ma l’assessore l’ha rassicuratu seduta stante:
“L’immo prestatu a Catania u quadru co e quattro sante!
Non te preoccupa’, se quattro sante ce tinimmo care,
da chì a du’ mesi e rmittimmo sull’altare!”

Ma dopo ave’ riflettutu su stu fatto,
Pecorino ha fattu due più due fa quattro:
“Quattro sante a Staffulu? Non s’è mai viste!
No’ e rcapi mangu fra e catechiste!”

E poi, con un’ ulteriore riflessione
ha dittu: “Ma allora se putrìa fa’ ‘na sostituzione!
In cambio de se quattro sante staffolane,
non ce putimmo fa dà quattro bbèlle siciliane?”

Sta attenti Pecorino
non far tanto il birichino
che se s’accorge la Ginetta
tre per tre, te mette a stecchetta!

SOLITE RACCOMANDAZIONI

Ade’ drento il comune, suppe scale…
Que dite staffulà, que ve pare?!
Ce fa un baffu Palazzo Barberini,
nuà c’immo i quadri de Severino Severini!

Unu che duìa fa ‘nu statu de famija,
stacìa sull’ingresso e se guardaa circospetto.
Taccatu lì a porta non lassaa ‘a manija:
“Adè que se dee pagà pure u bijetto ?”

Ma suppe scale ‘a mejo l’ha fatta ‘a vigilessa.
Al sinnico j’ha dittu: “Senza nulla toje,
a Staffulu ‘a vita è sempre ‘a stessa!
Sinnico manneme a fadiga’ a Moje!

Io qui dovrei fare solo la vigilessa,
pure a bandiera devo portà durante a Messa
e cose che non me compete non me fate fa’!
A bandiera fatela portà a Torregià!”

Il Sinnico, ha cedutu, e je l’ha fatta na promessa,
essa tutta contenta facia e scale come una contessa,
ma non so cumu, ha missu un piede male
e ha fattu col culu quattro scale!

S’è drizzata lesta lesta pe non fa’ vede’
che anche a forza pubblica qualche ò sta a sede’!
S’è drizzata lesta co e spalle a u muru,
pe non fa’ vedé che aìa sbattutu e chiappe del culu!

“Me sarria pure gita be’
-dicia- “De ruttu non c’ho coè!
Ma riga un po’ il Sinnico che invece de judalla,
je va ha da’ ‘na pacca su ‘na spalla!

Piagnenno ha dittu: “Sinnico, c’i fattu a posta,
‘a spalla mo mi l’i rotta oppure scomposta!”
Ha respostu il Sinnico: “Questa è bella!
Ma no’ m’i dittu che te sirvia ‘na spintarella?”

MARAMAO PERCHÉ SEI MORTO

Aivoja Parè, a di’ che non è vero,
te mancu te si n’accortu,
quissi te porta drittu al cimitero
perché te dice che si mortu!

E’ successu che ha sintutu sona’ il citofono.
Ha respostu: “Chi è che vene a troamme?”
“Salve come sta, sono il necroforo!”
“Porca Filomena, me tocco e palle!

Que è successu, chi è morto?
Non me fa pià sta paura!
Dimmelo subbitu, taja corto.
Questa è na disgrazia sicura!”

“Non si preoccupi -dice u beccamortuè
tutto fatto, bello e pronto
pure u manifestu da mortu.
Le manca sulu de pagà il conto!”

“Addì primo aprile del 2008.
È venuto a mancare all’affetto dei cari
il bidello de e scole elementari!”

“Ecco i fiori per il caro estinto.
Sci gradisce ade’ va il nero
potremmo mettere magari tinto
un tupé di capello vero!

E alla foto del caro estinto
spero che c’avrà già pensato!
Non me dica che su a pietra,
tocca a mette quella da cresimato!

Ah! ho qui con me pure il vestito.
M’hanno detto de fallu corcià
un palmu su calze e unu su e maniche
(m’hanno avvertito)
Provalo, che dopo nu poli cambià!”

A moje, sta pora disgraziata,
ce se mette pure a piagne
quanno sente, la sventurata,
che u maritu ha stiratu e gamme.

“Oh Dio mio non ce vulia,
prima u gattu, ma era vecchiu,
ade’ pure maritimu fiji mia!
Ma que ce s’è ruttu ‘nu specchiu?”

A mo ha persu ‘a pazienza lu purittu
“Que piagni, non vidi che non so’ mortu!?”
Responne a moje: “Ma chi ‘o dice, ‘sta zittu!
Capace che mancu te si n’accortu!”

Allora sgaggia più forte pe’ falla finita:
“Smettetela! Qui non c’è nessun morto!”
Ma l’altru più decisu l’ha ribadita:
“Per me lei di sicuro c’ha torto!

E po’ caro estinto… il vestito corto?
Chi lo paga che l’ho già confezionato!
Dovrei trovanne unu mezzo… de morto
viste le misure che ha ordinato!

Comunque se ce ripensa…
Se tante volte pensasse che…
Insomma si c’ha st’esigenza,
non se faccia percome e perché!”

“Non ce pensà de famme u funerale
- responne lu’ - che ho smissu ade’ de fadigare!
Io non ce l’ho propriu ste intenzioni,
a pensio’ non ja lasso a Berlusconi!”

Ma a pensacce bè, cari staffulà,
questa n’è mancu na novità.
Quella de datte pe mortu è nu rischiu professionale
tocca a i bidelli de a scola elementare!

E’ toccata pure a Franchina,
è successu tuttu nte na matina.

Essa stacia a scola con precisione oraria
(Perché c’ha più giudiziu de a Fiduciaria!)
U padre era gitu alla ASL a fa un certificatu:

-No u posso fa! – ha respostu l’impiegatu.
“Tu fija non me risulta, non c’è più”

“Non c’è più, que jè capitatu!
E’ morta?!, Famme corre!”

“Ma no, non corre – quellu je fa –
mica è morta adè: undici anni fa!”

IL TOTO ELEZIONI

Il mondo è cambiato, simmo nte n’altra era
ce curgimmo che sta pe arrivà primavera
no da e rondini, dai fiori e dall’acquazzoni
ma dal fatto che tocca fa ogni anno l’elezioni!

St’anno, de sicuru, se rvòta n’antra orta.
Quantu sta qualchidu’ a bussa’ lì a porta:
“Amicu mia, pe tu fiju, sta sicuru!”

“A di’ a verità non c’ho fiji
(c’avrio invece da tirà su…un muru!)
e po’ pare’ mia, que vòto, anco’ mo chiedi?
Io cumu sempre vòto… i bicchieri!

E po’ so’ pe’ l’alternanza, finché posso,
‘na ò vòto u biancu, naò u rosso.

Ma chi vole gi’ su, chi è su mattu?”
“Ragnu de sicuru, ha firmatu un pattu:
- ‘ancora cinque anni questo è il motto
e passo alla storia cumu Pacchiarotto! - ”

N’antru se dice, pare, c’ha l’intenzioni…
Illu che ade’ sta in tutte l’associazioni.
(No, non ve confonnete co’ Fiorino, gente
istu non fa sempre… u presidente!).

N’antru chissà sci ce rpròa pe’ a terza.
Una l’ha vinta, una l’ha persa!
Po’ esse’ che mo’ vole ‘a bella, fijoli!
(ma c’è da sinti’ que ne pensa Biagioli!)

‘N antru dicìa sempre:”compagni, compagni”
po’ dopo il Sinnico l’ha fattu Ragni;
chissà sci vòle rmettese in lizza,
vista che non c’ha più da stenne a pizza!

Votate a chi ve pare staffulà
però non ve fate infinocchià!
Vedete de non fa a figura dei cojoni
e non fate boccà i… cesaroni!

Nisciù ce deve di’ cumu votà
da suli duimmo rcapà!

E a croce a gimmo a mette
da quillu che più ce promette!
Guarda a Ragnu st’anno cumu è granne
pe rfà il sinnico ce rmane co e mutanne!

Anno ai musicanti pe Santa Cecilia
ja tiratu fori sulu mezza bottija…

St’ anno invece che vole rgi’ su
je vulia còce… un CALLARU de maccarù!

U CAMPU NOU

Ah, ma a festa, ella più grossa
co’ tutti che cumu matti se divertìa
è stata a festa giallorosa!
Pe’ Staffulu in prima categoria!

Carotto paria che portava l’óu!
‘A richiesta l’ha fatta prima de subbitu:
“Sindaco, ce vole u campu nóu!
Non fa che me fai u stubbitu!

Ade’ vojo vede’ chi ce ferma:
buttamo gió orti, case e tiramo dritti,
spianamo tuttu, pure a caserma
e rigamo fino a lì i banghitti!

E sull’onda della grande vittoria
grida il popolo staffolano:
“Magari magnamo pa’ e cicoria
ma i soldi pe’ fa u campu i troamo!”

E davanti alla porchetta, nel pieno dell’eccitazione
è senza frenu il tifoso staffolano,
mettendo d’accordu pure l’opposizione:
“Carotto, Sinnico: u voto sta ò tu damo!”

E po’ non se sente più gnente…
Un silenzio che pare di tomba.
Tocca parlà al presidente
No!, parla sempre Carotto! Il presidente ombra!

“Immo fregatu, magari pe’ un pilu,
issi montanari che vene gió dall’ Apiru.
Non ce frega propriu un caulu
sci a piagne è issi de Sampaulu!

Vorrà di’ che qualche partitella
ja farremo vede’ a Urbano de Cotichella!
Ma non se ricorda si sampaolesi chiacchieru'
che a pallo’ ha imparatu a giocà quassù?

Ade’, lassamuli gioca’ in mezzo a e merde!
E sci vene a Staffulu, dee sta zitti,
ché ci farremo gioca’ lì u pratu verde…

Ma su quillu de a ripa de i banghitti!
Ma dopo tutti sti festeggiamenti
è rigatu u periudu dei lamenti.

Ve paria de gi’ a fa’ na passeggiata
ma a prima categoria è na gran fadigata!

Co i soldi che c’aii presidente
non ci fattu propriu niente!
De sicuru non ve se chiedea de comprà… a Kaka.
Ma unu bonu sci, pe non favve troà… a piscià!

Valà fate bembè, tutte ste tribbulazioni!
Pure il mister ha datu le dimissioni.
Non ce putrio pensà che fra qualche mese
vene su Cotichella a sonà pe u paese!

E mo’ basta un po’ a litigà pe su pratu!
Pure vualtri amatori ete stufatu…
Sci è na scusa, a sera, pe scappà…
Mica è colpa mia sci e moji non va da’!

E adè pe finilla, sapete che ve dico:
se non ve mettete d’accordu fra calciatori
va a finì che ce rifò a mostra de e vacche e de i tori!

LA PITONESSA DI FOLLONICA

Oh, non s’è mai capitu il perché
e chiacchiere e sa sulu e donne.
A l’ommini non je chiede de que,
loro non sa mai cumu responne!

Versu Follonica sti ‘state ho sintutu
che mentre cenava lì de fòri,
una c’ha proatu a spipità u maritu
mentre magnava du pumidori:

“’A vicinata dice che ce sta un diaulu lì u fossu!
Lungu du’ metri, l’occhi picculi, u collu grossu!
Pensa te quantu ‘e racconta grosse quella:
se sarà sbajata co Lucio de Pannichella!

La bocca sfregnata dice che è un serpente!
Dice che é statu vistu a mullu gio’ u fossu.
Stranu che te non ne sai propriu gnente!
Non vurrio che me saltesse addossu!

Dice che è cumu ‘na serpa, no ‘a dei stuzzica’.
Sta lì u fossu a mullu e non è velenosa.
Ha dittu che non proa mangu a bezzecà.

Ma sci te pija, te stregne forte e po’ te succhia ogni cosa!
“Mamma! -dice u fiju- ma allora quessa
l’ho vista pure io: è nera ‘a pitonessa!
Me sa che da Follonica è rigata lì a palestra

Guarda che è vero, me l’ha dittu a maestra”.

(Mo’ va racconto Io para….)

Era na sera fra lume e scuru
c’era ferma na machina vicino a u muru.
Drento ce stava unu attempatellu
co a faccia da tontolo’ e mancu tantu bellu.

Stava tuttu abbandonatu
e co un occhiu stralunatu
“Mari’, guarda pare che j’ha pijatu un signorceguardi”.

“È vero Peppa, chiamammo a moje prima che sia troppo tardi!”

“Chiamammo a croce rossa!” “Ma que a chiamammo a fa’
tra Bebbo e Gabibbo è più i danni che fa.
Non c’è tempu da perde, tocca fa in fretta,
non vidi che su a bocca c’ha pure un po’ de bavetta!”

Ma dopo ‘na mezzoretta
da sotto u volante vene fori na zocchetta.

“Ma guarda su puzzò… pensa che pe a paura momenti non casco giò”.

“Propiu vero, a nuà ce paria che crepava, invece lu scialava!”.

A notizia staffula’ s’è diffusa,
pare che costa pocu troà na gattuccia che fa le fusa!

Allora pure na tardona staffolana
dicia de volé cumincià a tirasse su a sottana,
in tempo de crisi e de acque basse
tocca pure un po’ a ingegnasse.

Quanno essa ha fattu a proposta
(e ce vole a faccia tosta!)

Unu ja respostu: “Non ce pensà
che pe fa ste cose, si te che dei pagà!”

PREMIO CITTÁ DI STAFFOLO

St’anno in paese, tutti a spettà in trepida attesa,
que ce farà vedé, Domé, lì a chiesa?
Lì a chiesa dei frati, grandi preparativi cumu sempre.
Que ce farà vedé de sorprendente!?

È rigatu Fringuillu co un cammiu de ferracciu
Propriu lì davanti a u spacciu.
S’ommini j’ha dittu, sa robba a pijà do li gita?
Che è tutta robba ruginita!

Ah, l’unicu a capicce è u dottore:
perché anche lu è un cacciatore!

Ha dittu è un genio: se chiama Eliseo Mattiacci.

Fiji, de cazzate ne spara tante…

sta ò, c’ha missu pure i pallinacci!
Per quanto era emozionatu u giornu dell’inaugurazione
u dottore dicia: “me ce vene a pelle de cappone!”

Ma a gente che ste cose ne capisce o è maligna,
ha pensatu, de febbre c’avrà qualche ligna!
Invece chissà que avrà dittu Mattiacci
quanno ha vistu che calava i pallinacci!

“Non è che è passatu il maestro Carlo de Palunculu
pe gi’ a caccia dell’uccellu padulu!”

LA PUNTURA DELICATA

Sci ne vedi non ce credi!
perché a sentille è propriu tante!
Cumu quella de lu purittu
che se duia fa na puntura … sul GLANDE.

Na signora, ignara, s’è prestata
a faje sa puntura sulla parte indicata.
Su purittu, tuttu felice a pattuella s’è slacciatu
e, come pattuito, la parte delicata ja mostratu.

Sulu mo’ a signora ha capitu que era su GLANDE,
quanno l’ha vistu sgappà fora da e mutande.

Non te dico cumu c’è rmassa a signora,
e con quantu imbarazzo!
“A ciucciariello, a puntura t’a faccio anche ora.
Nun ce pensà però in coppa a u cazzo!”

MIRACOLO DI SANT'AGOSTINO

Miracolo! Guardate a Gustì!
S’è staccatu da terra cumu San Giuseppe da Capertì!
Ma a guardà mejo era unu
che, tenennulu pe u collu, l’aia taccatu l’ u muru.

Pe fortuna unu de colore niru passava li ò
e da su muru l’ha tiratu giò.
Ma ormai u dannu c’era statu
Gustì aia già… buscatu!

N’occhiu era niru e na canascia paonazza
e lu purittu s’è cunfusu pure a razza:
“Anghe tu fratello di golore?”
“Mi lasci perdere, non ci vedo dal dolore!”

“Dembi duri, amigo il paese è razzista”
“Ma che dice, quello era solo un italiano teppista!”.
Mancu quanno facia e multe, poru Gustì
era statu conciatu cuscì…

Pensate che quanno dopo qualche matina
è gitu su a banca a fa na capatina,
cumu sempre a fa’ na scorsa
pe vedé cumu gera in borsa…

A vice-direttora non l’ha ricevutu
perché lì per lì non l’aia rconusciutu.
“Cosa fai qui, perdigiorno!
Ce l’hai almeno il permesso di soggiorno?”

SUL LIVELLO DEL MARE...THE LEGEND

A sti ragazzi no je paria vero
facia e prove da un anno intero!
Il grande momento è finalmente rigatu
de sonà davanti a un pubblicu raffinatu!

“Sul Livello del Mare, simmo un gruppo emergente
piacimmo sicuru a tutta la gente!
Ma adè gimmo a sonà do n’immo sonatu mai
pensate staffulà, gimmo al Bar Flai!

Sapimmo sonà un saccu de brani noi
Volete sentì un pezzu … de i Pin Flòi?”

“Daje, forza, dacimmoce un tòno”
Se raccomandava a tutti, Cono!

“Me raccomanno - dicia illu che sta alla tastiera -
Prima de cantà giustative a dentiera!

E te me raccomanno, recordate de u basso
e su u palcu non gi sempre a spasso!”
Ha chiestu Perozzi a illu de a tastiera:
“Ma que dici me lasso a panciera?!”

Parte co tuttu l’occorrente eccitati quantu mai,
que succede quanno riga giò al Bar Flai?
“Tornammo a casa, tiramo via, rparti lestu
-ha dittu Cono- che chì, u locale è sotto sequestru!

Sci non tirammo via a tornà a casa sta sera
va a finì che qualchidù ce mette pure in galera!

Do gemmo nuà piòe, diluvia, tira vento
ogni concerto finisce in un tormento!”

Ma cambiatelu su nome, porca vacca!
Sci no, sete sempre sul Livello del Mare… ma de Cacca!

I FLINSTON

Anche st’anno voltamo pagina
ho fattu na passeggiata gio’ a Salmagina!
Nti lu quartiere do abita e persone più in vista
Il Sinnico, u Maresciallo, u Farmacista!

Ca…spita, però nisciù se lamenta nte la contrada?
C’era un mucchiu de pietre in mezzo a strada!

Po, c’era unu che mentre e pietre paccava
dicia forte: ”Laura, dammi la clava!”

Me so vicinatu, c’aio pure paura,
vistu mai un mattu scappatu da na casa de cura!

J’ho chiestu: “Chi ce abita ‘nte la casa de tufu?”
M’ha respostu senza guardamme ‘ntu musu:
Ah, ma no o sai, non hai visto?!
Qui ce abitano… i Fliston!

ANNIVERSARI

Pe il corso ha chiusu nico’
adè chiude pure l’associazio’…
E pensa’ che l’immo pure festeggiate
ma quesse, non ce versu, s’è tantu scojonate!

Quilli de u gruppu non troa più nisciù
che lì a festa je coce almeno i maccarù!
Quilli che balla è sempre più rari
anche se adè è tornati tutti i Bastari!

Donatella, a presidente, se dà da fa’
e qualche munellu è gita a cercà!
È arrivata a scuola con il Maestro Paoloni
e ai munelli ha fatto senti’ tante belle canzoni!

Anche a Banda i trenta anni ha festeggiatu:
che magnata! Però pure l’invitati ha pagatu!
Cumu sempre, i soldi je servia
pe fa’ na gita in compagnia!

È ora che va finite a portavve tutte e famije in vacanza
non me pare na bona creanza!
Diceste male de Donatella e Pitì
ma e moji è sempre e prime a partì!

Staffulà sete braa gente
e nti stu paese non ve manca propriu niente
però ve dico e me raccomanno
lassate perde a TV e u telecomanno!

Sci tutti drento casa ve chiudete
chiude tuttu, pure u prete!
Bisogna da’ na ma’ all’associazioni
ché lì a piazza è rmassi sulu li parde… lampioni!

Illi del Verdicchio non ja fa’ a fa’ i comitati.
Ce credo, discorre sempre quanno è tutti imbriachi!
Insomma, ha decisu de gi’ a fa’ compagnia per un poco
a illi fadigù de a Pro loco!

Nannì ha decisu de venne a pompa
ma non c’è nisciù che j’ha compra!
A u primu che a domanna’ je se ferma
“Giuro je venno pure a caserma!”

Po’ ha toccatu al balestruccio
chiude tiranno u catenaccio!
E qualchidù je c’ha taccatu un bijetto
“Se magnava tantu be’” c’era scritto.

Po’ pe’ faje compagnia
pure Aurelio è gitu via.
“Ve saluto staffulà, chi l’attività è finita!”
E ha tiratu giò a saracinesca ruginita.

Pare che pure a moje per rispetto
ha proferito: “Chiudo pure io a saracinesca,
…e ce metto pure u lucchetto!”

FINALE

Mamma mia me sento male,
chiamate u prete oppure u spezziale!
Me sento tutti i gricciuli pe a vita,
me sa che sta olta è daero finita!

Però… prima de murì
n’antra cosa ve devo dì…

L’ultimu dell’anno
non per sport ma per guadagno!
Issi de a banda ha organizzato u ceno’
e subitu dopo un bel vejo’…

Me so’ facciautu verso l’una de notte
da u fracassu me paria che facia a botte!

Invece… chi pinnìa de qua
chi turcìa de là…

Po tutti in pista e daje a balla’
Qualchidu c’aia l’occhi picculi
e gera via de traersu!

Qualcun altru invece stava a sedé
Stravaccatu e mezzu lessu…

Me c’è vulutu pocu per capi’
che più che de magna’ era satulli de vi’!

In mezzo a sta gran tarantella
gera giranno una vistita da sardella.
Ballava ballava e invitava a balla’
po’ pure u tuca tuca s’è messa a fa’.

Per cavaliere c’aia n’umittu
un po’ traccagnotto e picculittu
A lu je piacia pure fasse tocca’
ma non s’era accortu che a moje u stera a guarda’…

Dopo un po’ con na botta su a spalla l’ha rchiamatu
a lu moscio moscio s’è rtiratu.

Donne… o volete capi’
Che si poli mariti se vole diverti’?
A solita minestra dopo un po’ fa male a testa.

Allora mejo balla’ con na giovanottella
Che vulia fa a sirena e s’è vistita da sardella.

Giranno fra i tauli’
M’è capitatu da dui sinti’ di’
“non te pare che pe sta serata
quella è troppo scollacciata?
Qualche annittu mo’ ce l’ha
co le fardelle ndo’ girà?
Guardala i sbirlocchi che porta
me pare de vede’ a Madonna de a grotta”

“Oh, guarda l’altra che calandra che strascina
e po’ col u vistitu rusciu pare un lume che camina”

Cumu sempre staffulà
i fatti vostri non vi sapete fa.

Oddio me sento un gran dolore gioppe u filu da schiena
na palla ce l’ho sgonfia e l’altra è bella piena
c’ho un bruttu presentimentu
ma anco’ devo fa qualche commentu.

Quissi che a Roma sta a comanna’
ha scopertu na bella novità…
Ade’ vole forma’ e ronde pe controlla’
a gente che gira pe a città.

Bella scoperta che ha fattu si governanti
Nua’ a Staffulu è da mo’ che de frusciù ce n’emmo tanti
e ronde staffo lane c’è sempre state
è nate spontanee nisciunu l’ha ‘nventate.

Nua’ ce l’immo dentro a voja de sficcanasa’
adesso se dirria che è il DNA (dienneà)

Ce piace propriu impicciasse dell’altri
gi in giro e scopri’ dell’altri e marachelle
ma se qualchidu vene a casa nostra a fa’ e ciambelle…

U focu ce‘ ncenne a zocca
guai a chi ce tocca…
E allora… sai que te dico
sci… sci… parlo per te mio caro amico

è inutile che ogni anno
te fai pija’ l’affanno
e prima de u testamentu
te preoccupi de spedimme un bel documentu…

Carnuale, scrivi che u tale e a tale
se incontra giò u Muso’…
scrivi io l’ho vistu lu porcaccio’!

Carnuale, scrivi che giò da Tombolini
ce sta l’amori clandestini!

Cernuale, scrivi che lì u passu de Calvisi
ce va a fa l’amore quilli che anco’ non è divisi.

Mi propriu stufatu
Staffula’ fantasma
Ma ti si mmattitu? Voli fa’ scoppia’ un marasma?
Ma tutte se ciarle cumu e sai
dentro casa non ce stai propriu mai.

Specchiete un po’
guardace bembe’
perché me sa tantu che…
E corna e porti sulu te.

U testamentu che lasso è nu scherzu
non è na cosa seria
se dico quello che scrivi
me rtroo co e pezze ntel cul, tra a miseria.

Vojo muri’ tranquillo
vojo che rida i staffula’
non ma sento de falli arrabbia’

Adesso me sento propriu male
non c’ho più mancu u fiato
per quantu ho parlato.
Ve spetto ‘n antr’anno

se qualchidu non me fa danno.

Ve vojo be’ staffula’
ma i fatti vostri
‘mparateveli a fa’
cuscì tutti mejo putimmo campa’.

VOCE DELL'ALDILÁ

Aspettate, ma do gete Staffula’!
C’ete prescia ‘o so, è normale,
sentete sta voce che vene dall’aldilà!
È ‘a voce de stu poru Carnuale!

Fino a che ride ve fo,
stacete a sinti’ tutti attenti,
ché da ‘o ride’ ‘n antru po’
ve se caa pure i denti!

Po’, me voltate tutti il culu.
Almeno ricordateve de me durante l’anno!
Non me lassate da doma’ sulu sulu
e ridete che sta vita… è tuttu un inganno!

‘A questione è che vua’ ridete
non perché u testamentu è comicu,
ma perché sgravati ve sentete
de un pisu da lì u stomicu!

E’ nu ride un po’ speciale:
anche se unu te dice che si un fesso,
cumu quanno pija na paralise facciale,
‘a faccia te continua a ride lo stesso.

E’ che quanno i vizi dell’altri è stati smascherati…
Tutti quanti, brai, ce ridete!
Perché ve sentite liberati
datu che i vizi dell’altri è pure i vostri

(…e questo ciò sapete!)

E allora n’è campatu per aria
sci dicimmo che u testamentu frati
è cumu n’indulgenza plenaria!
Un obolo, ‘na benedizione, un Gloria Patri…
e tutti i peccati ce simmo leati!

Pe’ finire: ve lo dice Carnevale
perché nisciù mai se scordi
de ride anche sci e cose va male,
ecco la benedizione Surdi et Orbi:

“State allegri, se potete fate i boni… (gete for dai …)
cioè… gete pure in pace…
e so contentu che a scherzà
a tutti anco’ ve piace!

Ché nella vita simmo in tanti a preferire
magari e trappole ma che ce fa ride!
Piuttosto che a verità che, dimocelo gente,
non è affatto divertente!


Staffolo, i 25 de febbraru 2009

Pe Carnevalone chi u funnu pacca la croce:
Palummu.