Carnevale 2008
 
 
CARNEVALI Carnevale 2008
Carnevale 2008 PDF Stampa E-mail

TESTAMENTO DI MESSER CARNEVALE CARNEVALI NELL’ANNO DEL CARNEVALE 2008.

PROLOGO:
In nome del Popolo e così sia!
Addì, i 6 de febbraio dell’anno 2008 alle ore 21,00 e qualchecco’.
Avanti a me notaro pubblicu,
natu ‘nte stu paese, co’ a presenza dei testimoni, scritti giò funnu, se presentava de persona Carnuale Carnuali
a me notaro pubblicu, conosciutu …mutuè.
Che pensanno a certezza de a morte sua e a u periculu dell’ora, sanu de tutti i sentimenti dell’anima e de u cervellu, benché malatu de corpu, de testa sua ordina e lassa scrittu ello che vene appressu:

FORMULA D’APERTURA

ATTENZIONE, ATTENZIONE…
Parla qui Carnevalone
che in procinto di morire
qualche cosa vi vuol dire.

E’ uno scherzo preparato
dai cronisti e il comitato,
qui nessuno è compromesso
chi si offende è un gran fesso.

A chi tocca, a chi non tocca
ve lo dico con la bocca.
Chi se stizza non fa niente…
dia la colpa al Presidente.

Ve lo dice Carnevale…
ogni scherzo e burla vale.
Quel che ho da dir, io lo proclamo…
state a sentir che incominciamo…

INTRODUZIONE

E’ pe’ colpa de Nisciu’
che st’anno carnuale non se fa più.
Carri, feste, castagnoli, c’è troppo da fadiga’,
nisciu’ se vole più pia’ e responsabilità.

Non facimmo nomi né cognomi
però… che rotta de palloni,
se qualchidu’ c’ha qualcosa da ridi’
facesse a fila lassù il comune, u giuidì.

Ma che paura de stu Testamento!
Allora stacete un po’ più attento!
Prima e fate grosse senza pensallo,
e po’ ve gete a raccomannà dal Maresciallo!

Pensa ‘n po’ quantu tocca a corre
finu a mezzanotte simmo stati a discorre!
Tutti i presidenti alla riunione ho convocatu
e pe de più co’ la presenza de ‘n avvocatu.

La risposta è stata all’unanimità:
“U testamentu è na bandiera de libertà,
basta di buon senso fare mostra
e soprattutto… non parlà de e corna nostra!

Su via!… Ma scherzammo!…
U testamentu l’ immo fattu anche sta ò,
volete che u leggemmo?
Basta dì: SCI’ O NO????

Quanno il Sinnico ha saputu che nisciu’ u vulia fa’, curri curri… ha fattu subbitu telefona’:
“Prontooo! So’ Dolciotto,
il Sindaco te spetta doma’ a le otto.
Me raccomanno non manca’
perché u testamentu, pe forza, sa da fa’”.

Parla il Sinnico:
“Me raccomanno, con rispetto e onestà,
se dica tutte e cose cumu sta’.
E’ n’antr’anno che se rvòta
mica vojo lassa’ sta sedia vòta.

(che n’è successu a unu sulu
de non remettece più il culu!)”

Pe’ mantene’ a promessa
l’intenzio’ ce l’emmo messa,
però tanti nemmo cercati
ma pochi nemmo rdunati.

Una pare che è sparita.
Prima era tutta inviperita!
Ade’ corre a destra e manca
drento ‘na uno bianca.

Ha vidi corre tuttu ‘nturnu a u paese
e, a sinti’ di’, parla sulu in cinese.
Pure i monelli lì a scola na capisce più,
parla stranu e …fa pure e mosse de kunfù!
‘N antru, al contrariu, non parla cinese
ma va sragionanno su u paese.
U testamento va a capi’
sci u vulia o nu vulia di’!

U terzu compare è sparitu.
Sarà il vvvento che se l’è portatu.
Quanno scrivia era pure tristu;
toccherà a gi a “Chi l’ha vistu”!

Alla fine chi c’è rmassu infilzatu
è stu poru disgraziatu.
Ma io parlo per voce altrui
quel che penso so fatti miei!

TESTAMENTO

Parte I (per l’Amministrazione)

St’anno doimmo ammette
che fra tante cose viste e lette,
n’immo troatu niente de speciale
da di’ sui napoletani ‘nti stu giornale!

(Purtroppo, stanno non putimmo di’ ‘na parola!
Purtroppo, non c’immo un’idea che sia, una sola!)
E vistu e consideratu che
sui napoletani non c’è coe’,
parlammo con allegrezza
del problema d’a… mondezza!

Ha fattu be’ l’Amministrazio’
a lea’ i cassonetti drento u paese.
Tutta la mondezza pe i viculi puzzava
pure e pantecane protestava!

Allora il Sinnico ha deciso la chiusura:
“Tutti i secchi de monneza fori dalle mura!”.
L’altru giornu passeggiao da e parti de casa de Righetto
e ho vistu un omo a sede’ vicinu a ‘n cassonetto.

Era triste, piagnìa,
se sciugaa l’occhi cu fazzulittu;
e taccatu a stu cassonittu
delicatamente je facìa na carezza!

“Pare’, que t’è successu!”
“C’ho a nostalgia, me manca tantu a monnezza!”.

Co tutti sti pisi dell’Amministrazione
al Sinnico j’ha pijatu un po’ d’agitazione.
Era un periodo che era tantu stressatu,
no j’ha facia più…a pressio’ alta…sera m’pressionatu…
Decise de fa un viaggiu rilassante
co illu che lì u Comitatu facia u Presidente.
Suli suli, senza moje
pe gi’ a caccia de …cicogne.

“Fischia presidente gemmo a Ischia?
Oppure gemmo a Giava do se magna se bee e se …cava!
Me raccomanno portate a Rincrocca!
che ce pole servi’ pe…a gnocca!”

Zittu, zittu senza di coe’,
mancu a u fiju de Vincè,
ha cuminciatu a organizza’ la vacanza:
“Ce metto: mutanne, carzitti, conottiera,

… a panciera,
u vistitu co’ e penze
(che so gitu a compra’ a Firenze).

Chissà a portasse pure a fascia
che sci ma pija chi dico io…
po quanno m’ha lassa! ”

‘N’ora prima da partenza
s’è missu a lava’ a machina con innocenza;
ma a moje, mica è stubbita, era sicura
che gera a cerca’ l’avventura:

“Sauretto, do te pare de gi?
Dà retta a me, è mejo che remani chi…
se voli che doma’
te rmane i denti pe magna’!”

Staffula’… state attenti prima de parti’…
bisogna sempre ricordasse d’avverti’,
de nascosto non se pole gi più là
de lu nàit che sta a Pigna’.
Però prima de gicce non bisogna fa i matti
“a Pigna’ se fa pigne e… fatti!”
E bisogna sta’ attenti quanno se ‘rvene a casa
perché le serpi de moji, se scappatelle e nnasa!

Ma comunque…

Si gioanotti de ade’… n’è più quilli de na ò!
Guarda ‘n po’ a Turì… non so fa di’ du ò!

A Dolciotto invece je riga i messaggini
al telefonino…:

“Daniele carino, sento freddo, vieni un po’!”
E lu, su incarico della giunta, corre… a piccia’ u termosifò.
“Daniele ma è freddo, come se fa?”
E lu, su incarico della giunta, corre… a chiama’ Lardà!

“Daniele, c’ho bisogno de ‘n po’ de tepore!”
E lu, su incarico della giunta, manna a caldaia a tutto vapore.

A Natale, su consiju della giunta, a Daniele
je pare de ave’ capitu ndo’ sta o mèle !
Sta olta se fa un po’ de coraggio
e è lu a manna’ stu messaggio:

“Cara, vòi che te rescallo?”

L’altra je responne:
“Te n’accorgi mo’ che è Natale? Ah bbbello!
Mo’ pe’ scallamme posso sceje fra il bue… e l’asinello!”

Dopo del Sinnico e Dolciotto all’avventura
Pe’ non scontenta’ a nisciu’
e pe’ fa bella figura
ce mettemo a parla’
perfino de cultura!

St’estate l’Amministrazio’ pe’ fa ‘na cosa coi fiocchi
s’è rivolta alla ditta Finocchi!
Duìa gi a pija’ i quadri dell’artista
che era statu chiamatu da u farmacista!

Mazza quantu era brau!
Non ce se capia coe’!

Ma Fiore,
da buon intenditore,
osservanno sti capolavori tantu belli
vede ‘n cartò tuttu sporcu
do’ u maestru ce pulìa i pennelli.

Dice Fiore:
“Maestro, di capolavoro, carichiamo anche questo?”
“Azzo Assessore, Lei se ne intende di pittura!”
“Ce manchiria, so l’assessore dell’agri-Cultura!”

Eh! Staffulu! E’ ‘na terra d’artisti e de maestri!
hai da vede’ cumu è tutti lesti!
S’è missi tutti a pittura’, in vari modi,
c’immo più quadri che chiodi!
Il Maestro del Balestruccio, il Maestro Ristoratore,
quillu del Cardo e quillu Assicuratore.

Tutti fanno mostre e non c’è più spaziu
tantu che l’assessore non ce capisce più un mazzu.

St’estate c’è stata na gran confusio’
su e date pe’ l’esposizio’:
“Domé, que se fa, que se decide!” “Chette saccio, io sto a venne e medicine!”

“Sloggiamo Piattella, mettemo Tomassetti”
anzi no:
“Sloggiamo Tomassetti e mettemo Piattella”

“Oh questa è bella!
Sono io il Maestro, no Oscar Piattella!
Sìano esposti i miei quadri sui muri
Sci no chiamo l’avvocato Paùri!”

L’assessore un po’ sturbatu
ha respostu da istruitu:
“Non c’è più decoro,
altru che… e palle de Pomodoro!

Rassegno le mie dimissioni
m’avete rotto proprio i peperoni!
Poi ce rpensa: “Quel che detto sia,
que c’è mejo de a sacrestia?”

Tomassetti a fine se rassegna,
storcenno un po’ a bocca,
e tacca su i quadri: unu co’ a natura (viva),
n’antru co’ na gnocca!

“Va ve’ – dice – mi va anche meglio!
Però prendete sto consijo:
“I quadri come li fa quello lì
li trovate pure all’edilizia de Gajardì!

Io, tanto, ho fatto un figurone!
Altro che Piastrella… Sto sborone!”

PARTE II (per tutti i cittadini)

Continuamo a parla’ de politica
scinno’ a gente dopo ce critica!
St’anno c’è statu un evento eccezionale
tuttu Staffulu vulìa gi lì u Cunsiju Provinciale!

Tutti li facciù taccati lì,
dacia fastidiu pure a Nannì!
“Prr! Booh! Guarda tutti quanti
che compagnia de teatranti!”

Facia tutti a campagna porta a porta
e se sintia promette cose de ogni sorta.
‘Nte e saccò cari concittadini,
me so troatu almeno trenta bijettini!
Chi me comannava, cumu dicia Totò,
“Vota Antonio, vota Antonio…”
Che sci durava ‘n antru po’
me mannava drittu al manicomio!

Pija e dà, dà e pija,
c’è pure chi s’è confusu e ha datu
un santino de ‘n antru candidatu!

Ma dopo tantu distribui’
pel corso c’ha pensatu Turì.
Prima de faje aprì bocca
pe tutti a resposta era fatta!

“Parè, non ce pensa’…
mancu mojeta u votu tu dà”.

A propaganda ha duratu un mese
e ha missu in agitazio’ tuttu u paese!
Unu u chiede, l’altru i promette,
bisogneria segna’ almeno tre crocette!

A fine non so mancu a chi l’ho datu,
sci a ziu, a mi soceru o a u fratellu de mi cognatu!

E poi, fra tutti i contendenti…
i Staffulà tutti perdenti!
Quilli che je la fatta a gi su
è perché a Staffulu non ce sta più!

Ma basta co’ a politica
scinno’ va a fini’ che se litiga!
Mo’ parlammo de stu paesellu
che a nua’ ce pare tantu bellu.

Però quanno righi for de porta
ne senti e ne vidi d’ogni sorta!
Su u muro de a chiesa
c’è ‘na bella sorpresa.

Tutte e lapidi l’ha taccate lì,
farra’ compagnia a Nannì!
Ma se continua stu vezzu
de mura tocca a fanne ‘n antru pezzu!

Pietre qua, sassi de là,
monumenti de sopra e ma’ de sotto;
quilli de a banda s’è rutti l’ottoni
de fa u giru de sti quattro cantoni!

L’ultimu monumentu è costatu un bastimentu!
Per fortuna che pe’ i quatri’ c’ha pensatu Turì!
Ha fattu na sottoscrizio’… ma co’ scarsu rendimento,
tantu che se vulia venne pure a 600!

Lu poru Torregià non sa più che pesci pija’.
“Torregià me porti a bandiera dei Combattenti?
“Scì, n’do sta, là a Sede?”
“E do’ altrimenti!”

Cerca, Torregià, in ogni postu.
Corre, suda, non c’è versu.
Turì, invece va giò e Coste
facendo almeno un par de soste.

“T’ha cerchi te!
io no ne voijo più sape’!

“Torregià non te ncazza’!
A bandiera a tengo sempre ritta!
Sulu che a st’ età non me ricordo…
sci ll’ho lassata su a soffitta!”
Fiji mia che ndecenza!
Che statu de trascuranza!
Sci passeggiate lì i banghitti
occhio a cammina’ dritti!

C’era unu che sbracciaa;
ero convintu che me salutaa!
Macché, stava facendo na spaccata
pe’ ave’ missu un piede su ‘na cacata!

Tutti sti signoretti
co’ sta mania de sti ca’, cagne e cagnetti!
“Come sta il piccoletto?
Se lo porta ancora a letto?”

E la pupù la barboncina
l’ha fatta stamattina?”
Almeno stacete zitti
E ni fate caca’ sui banghitti!

Che allora non è un casu
che a gente lì c’ha sempre a puzza sotto u nasu!

Allora, un po’ de educazio’:
i bisogni fisiologici i fa i ca’
cumu tutti i cristia’.

Però pijassero na paletta,
un guantu o na cucchiaretta!
Sci po’ Fru-Fru c’ha a diarrea
Cauli du padrò che a lèa!

PARTE III
(per le associazioni)

Ade’ non putia manca’ due informazioni
sulla vivace attività delle associazioni.

Per esempiu st’anno pe’ fa un programma più variu
a Pro Loco ha pensatu de fa’… u calennariu!

Tutti a l’opra:
“Io fo o sotto!, io o mezzo!, io o de sopra!”

“No! Date retta alla saggezza dei più vecchi!
Sono o non sono il comandante Bonvecchi!?
Se fa cumu in democrazia!
Ognuno di parlare è libero, grazie a Dio!
Tantu a fine, decido io!”

“Aspetta! Rispettamo i patti!”
dice il presidente
“Dee esse almeno più bellu de quillu de Carlo Chiatti!”

Dice una:
“Quillu de Carlo a guardallu era ‘nu spassu!
Responne ‘n antru:
“Ma quillu da ragazza… che pare fattu cu compassu!”
“Qu’ete capitu! Ma sete duri!
No stacimmo a parla’ de culi!

Fattu sta che a daje e dije
se va alla votazio’ cumu ‘nte mejo famije.
Tre vota pe’ fallu niru, due pe’ fallu biangu
due se astene per ripicca o per decenza,
a cassiera s’astene motivando:
“Io sto sempre in astinenza!”

Rigamo a fine anno che u calendariu s’è fattu.
Friscu de stampa, n’è propriu bruttu:
anzi, n’è bruttu pe gnente!
Ma piacerà alla Presidente?

“Tutte ste scritte… ste foto… sono orrende…!
Ma Fabbrizio, po’ …se ferma a u mese de settembre!
Nove mesi c’ha stampatu!
Ma que l’anno c’è calatu?”

Preside’ cumu mai stu 2008 dura cuscì pòco?
Risponde Pecorino:
“E’ u tempu …che durerà a Pro Loco!”

Un po’ ce se mette pure a scarrògna
che te fa fa rusciu da vergògna!
Certe cose addirittura!
Ve pare che st’ istate immo fattu ‘na bella figura?

Quanno c’è stata a festa du folclore
è successu tuttu in poche ore.
E a a presidente…
momenti no je pija n’accidente!

Pulman, sedie, denti e ossa rotte!
Quante botte!
Via de corsa al pronto soccorso
pe’ cerca’ de rimette tuttu a postu!

Si munelli du Saltarellu s’è stroati un po’ spiazzati;
non se persi de coraggio
e i danni guasci tutti la rpagati!

Tuttu quillu che è successu
è pe’ colpa de ‘na sbronza,
c’ha mannatu su u giornale
a livello nazionale!

Ma a u gruppu no je frega! No je cale!
Tantu a colpa l’ha pijata a Banda Musicale!
Tuttu a fine s’è risoltu quasci be’…
Ma u vitru da corriera… chi ju paga a Aristè

Difatti, curria voce tra sa gente
che Gianna non vulia fa più a presidente!

Poretta c’ha ragiò,
co’ tutta sa confusiò!
Però, mica sarete matti a fa muri’ u saltarellu.
Casu mai, a più brutta, a Gianna, j’ho consijatu
de rchiamà a Pannichellu!

Gianna stu cunsiju l’ ha pijatu e con decisione,
ha indetto una nuova elezione!
Ma quanno e schede è gita a contà
c’è rmassa cumu un baccalà!
“Zero voti ho preso?! Ma Santantò sia lodatu!
ma almeno u votu mia me l’avrò datu!

PAUSA (con bevuta)

Oggi gente pe be’ e magna’ ce vole pocu.
C’è nsaccu de ristoranti ‘nte stu locu.

Dui a Coste co’ a sala grande e capiente
co’ i parcheggi, u giardi’,
e non te fa’ manca’ niente;

unu quassù, su i banchitti
do’ se magna be’ l’ arrostu e i fritti.
‘N antru sta ‘nturnu e mura.
Da pocu ha cominciatu la sua avventura.

C’è stata una nova innaugurazio’.
C’era da magna’ a tira’ giò.
Se Vecchiette…
magnava leste leste
co’ tre forchette!

C’è statu pure chi dalla merènna
S’è fermatu fino a tardi
“Chissà se ce vulia mette pure a tènna”.

C’è quell’antru, co’ a rondine sull’insegna,
do’ ce magni a pizza cotta co’ u fornu a legna!
E n’antru? Nu sapete?
Sta su a guida “Magnate e no spennete”

E’ u ristorante “dello sportivo”
do ce magna tutto il direttivo!
A magna’ ce n’è sempre tanti
E te serve pure con i guanti.

Tantu che quilli del circolo delle bocce,
invidiusi de tutte ste bisbocce,
ha pensatu co’ ‘n po’ de fantasia:
“Volemmo anche nua’ a trattoria!

Ma a nua’ ce bastiria na baracchetta,
po’ ce pensa Enzo a còce… ‘na porchetta!”

Que ve pare Staffulà quiili de a banda è tantu mejo?

Quanno sta’ a Staffulu è tutti belli, boni e brai
ma quanno va’ fori cumbina un sacco de guai;
e je ne succede de tutti i colori,
sarrìa de non mannalli più fori!

Anno, in giru pe’ a Polonia, s’è scacarellati;
‘na metà l’ha pure ricoverati!
St’anno è giti in Sardegna tutti esaltati
e per pocu che no ce ‘rmane ‘ffogati.

Quissi n’aìa capito che in Sardegna il mare
non è cumu quillu de Marzocca.
Allora io me chiedo: “Do’ ce l’ha a zocca!
Se non sapia nota’
A fa’ u bagnu que ci porti a fa’!?”

Un pastore del Gennargentu j’ha dittu:
“Hajo! Non vi tuffate llà!
Ma allora siete proprio un branco di pecura’!

Durante a festa de a Banda Musicale
in pompa magna (magna) è rigata a Banda Militare.

E’ rrigati calmi, calmi
con cingue cammi;
de quanta robba c’aìa
lì a piazza non ce capìa.

Lì a piazzetta all’aperto
però j’è vinutu un Gran Concerto!
Mappi, drappi, sciabole e stellette,
ha fattu pure un saccu de marcette.

Davanti a tutti quanti
ce s’è missi i comandanti,
chi in divisa, chi in borghese
c’era tutto il Bel Paese.
(Unu c’è vinutu su dal mare
per vedere cosa c’era da mangiare!).

Finita a manifestazione però
s’è rabbiatu pure Fronzò.

Un umittu de colore che passa a tutte l’ore,
ha spostatu dall’ingresso il divieto dell’accesso,
ma s’è troatu a strada sbarrata
da u furgò della Grande Armata.

“Signore fammi passare a casa voglio andare,
io con tutto questo non c’entrare,
anch’io tasse sempre pagare
e tu mi fai ingazzare!

“Poorrrcc……calajiò ade’ te fo vederrree
che manovrra devi farre perrr poterrr passarrre”.

A st’umittu da o sedile l’ha fattu sloggia’
e a postu sua s’è missu a guida’.
Mette a prima e co’ ‘na sgassata
a machina davanti il comune è rigata!

Quanno ha sentutu a Fronzo’ che bastignava con furore,
a moje de l’umittu, che stèra dentro…
ha cambiatu de colore!

Sempre a Banda, anche st’anno
ha organizzatu l’ultimu dell’anno.
Ah! Non s’è fatti pija’ pel culu da nisciu’
e ha fattu, de tuttu, de più!

Anche pe’ a musica c’ha autu e mejo intenziò;
infatti ha chiamatu u Vecchiu de u Casciò.
Cassette de qua, schermu de sopra,
du’ piastre pe’ i dischi de là
non se sapia più ‘ndo’ para’.
Ma il diaulu c’ha missu u zampì
e una dopo l’altra e piastre l’ha lassatu gi.

E u Vecchiu de u Casciò, sentenziò:
“Ah! N’è cumu na ò
chi se roppe nico’!!!”

Più smanettava, più sbiancava
ma se no n’era pe’ Patà,
st’anno…
non se putia mancu balla’!

Un giornu che un po’ mejo ce stacìo
e non pensao proprio che murìo,
ho chiestu a Fiorino a chiave,
e so gitu a fa un giru pe’ via Ospedale.

Ma non duia esse un ostellu, Staffulà
u palazzu ‘n do’ stacìa u Cellà?

Chiedenno in giro, infatti, ho saputu
che lì ade’ ce sta un magazzi’
del noto Comitato de o Vi’.

So’ boccatu e ho vistu un gran macellu:
piatti de qua, bicchieri de là,
ma a sorpresa quale è?
Teste staccate… zocche de morti…,
eppo’, eppo’… a guarda’ be’,
ho vistu che c’è pronta
a cassa da mortu…ella per me!

Tramente mia, ho sospiratu,
chissà quanno ha pijatu i soldi l’Amministrazio’
que c’ha scrittu su la relazio’!!
“Qui adesso invece che a gioventù
ce facemo u cimitero dell’imbriacù”.

PARTE IV
(Le attività)

Ade’ gimmo a da’ ‘na guardata Staffulà
a ello che rmane delle nostre attività.

Sci ve ricordate, l’anno scorso, gente mia
ha chiusu su u paese ‘na macelleria.
St’anno non ce vedo chiaru
ma a me me pare che chiude pure u benzinaru!

E l’altre attività? N’è vero?
Fadiga sulu a farmacia e il cemetero!

Pare che Lea
abbia fattu barcalea!
‘Nti n’attimu, mamma mia,
ha decisu de chiude a pizzicheria!

E, con la chiusura dei conti
ha decisu de fa’ pure i sconti!
Cumu prima ò, tantu male no j’è gita
vistu che a merce je s’è tutta finita!
Io non ho fattu in tempu a pija’ u portamonete:
era rmassa sulu ‘na coda de baccalà e l’opiète.

Ade’ si pori vecchi do’ i mannammo
a compra’ a mortadella:
a Staffulu non c’è mangu ‘na bancarella!

Però gira voce che poco più là
apre unu de Filottrà !
Sete giti mai a u mercatu?
Che casotto, se fa mejo un terno a lotto!
Se vecchiette…
è tutte pronte pe le sette.
Ma dico io,
perché non dormete ‘n antru po’
vistu che state pure in pensio’!

E lassate più libertà
a chi va fa’ spesa
prima de gi a fadiga’!

A cosa mejo m’è successa ‘na matina.
So’ gitu lì il bar a pija’ un caffè
e po’…me so’ missu a sede’:
85 centesimi! Cuscì sull’ogna!
Costa meno gillu a pija’ a Bologna!
E po’ n’accidente,
drento a tazza non c’è gnente!
Lì u funnu c’era sulu du gocce...
… però… a commessa!
Presidente onoraria du gioco de bocce!

U problema è gi alla tolètte!
Perché quella a chiave non c’ha mette!
Tutti i torti non ce l’ha!
Ma un purittu, do’ è che dee gilla a fa’?

Oh gente! C’è pure da di’
de quello che succede al “Dì per Dì”.

Du “gioinotti”, senza fretta,
stava lì u macellu a magna’ a porchetta.
Carne e cotica s’è magnati,
che a momenti non ce rmane strozzati!

“Oh Sergio, guardame un po’ nte a gola,
me pare d’aecce ‘n agu!
“Dialu Dagovè! de a porchetta
ti si magnatu pure u spagu!

PARTE V
(per la parrocchia)

Staffulà, sape’? Voltamo pagina.
Ho fattu ‘na passeggiata giòppe a Salmagina.

Oggi perché è festa …doma’ perché c’è l’arvanzi,
un piede dietro e uno ‘nanzi,
bisogna cammina’
anche quanno non te ne a.

Ma lì a Salmagina è un piacere!
Bellu è u posto e bellu u quartiere.

Ho contatu sei ville nòe.
Mo’ vene su, pure quella de Finocchi.
Spetta un po’. Me ce fa l’occhi?
Lì c’era ‘na casa fino a l’altru giornu!
Do’ è gita a fini’! C’era pure u fornu!
Senti cosu! Damme ‘n attimu retta!
Che fine a fattu la casetta?
“Ma me sa che ti si sbajatu!
Lì c’è statu sempre u pratu!”

Tantu che lì, fra la pace e l’armonia,
u prete ce vole di’ un’ Ave Maria.
Anzi, vistu che c’è… pure ‘na messa
pe’ mantene’ na promessa.

Fortuna che il Sinnico sta lì davanti
e prima de facce di’ messa ha avvertito Don Gioanni:
“Parroco sono il Sinnico. Le do assicurazione
che il prato sarà pronto per la celebrazione.
Manno giustu a lea’ un po’ de li… pallunci’ usati
dai soliti screanzati!

“Non ti preoccupare fijo mio
- j’ha rispostu Don Giovanni-
i palloncini fanno allegria,
per favore non li gettare via!

Il Sinnico non sapia cumu spiegasse mejo
e all’assessore lì presente chiede consijo!

“Que je racconto Dottore
al mio confessore!?
Per tutti sti preparativi,
io vulio falli lea’ i preservativi!”

L’assessore bon consigliere
Je rilassa stu parere:
“Dije che i pallunci’ è tutti sbiaditi,… è gialli!
E sci i vole, …c’ha pure da gonfialli!

Pagnotta?
Pagnotta o sapete??…
Ha fattu pace co’ u prete!

Anche st’anno pe’ Natale s’è dattu da fa’….
sega, ‘ncolla, bolla...
ma i pupi non l’immo visti camina’.

In principio…
ha parlatu u sacresta’:
“pe’ primu non s’ha da bastigna’,
tantu si pupi ‘nte un modu dee gi su”
“Te a fai facile...ma con quale gru?”
Francì, Albè chi ce pole da’ ‘na ma’?”
“Ma facemmo da per nuaaa’!”

Francì da piazza comannava
e l’altru se rampicava:
“San Giuseppe è gitu su….a Madonna sta là….
il bue e l’asinellu eccoli qua….
u bambinellu c’ù mettemmo doma’
e da ‘ndo’ scappa stu pastorellu?”
“Ma che pastorellu e pastorellu,
so’ Gajardì, lardellu!”

E po’ so’ gitu a vede’ giò a chiesa.
I pupi noi..., stelle e lucette taccate su,
oro, argento… paria de sta’ in TV.
E c’ha compratu pure u carrellu
pe’ fa’ vede’ tuttu più bellu!

Però me dice che su presepio
c’ha qualchicco’ de stranu…

Giò da piedi, gira voce
c’ha missu tre croce...
Me sa che ho capitu male:
simmo rigati a Pasqua o è Natale?

Cristu, mangu è natu
che già l’ha mazzatu?!

E po’ st’anno sapete qu’è successu?
Pe’ mette a posto l’ufficio parrocchiale
c’ha volutu a visita pastorale!

A u Presidente del Consiglio Pastorale
l’ha fattu fadiga’ cumu un manovale!
A e donne l’ha fatte sempre fadiga’!
senza sosta, sempre a lucida’!
Pagnotta e Francì controllava:
tutto quanto filava!!!.
Que ne sai quantu c’è costatu pe’ fa’ bella presenza
con (inchino) Monsignore Sua Eccellenza!

Staffulà… gente mia!
Avoja nua’ a daje l’offerte
sci quillu lassa sempre e porte aperte!

PARTE VI (di altre cose notevoli)

L’anno scorso a carnuale
con tante maschere
non era gita gnente male;

unu era vestitu da carabiniere
e paria propriu tale e quale.
Un carabiniere, co’ i baffi e bandoliere,
de quilli: “Nei secoli fedele!”.

Ha vistu riga’ a machina du fiju de Francì,
che tuttu spauritu…j’ha frenatu proprio lì.
Già era sicuru de essese giocatu punti e patente…
Pensava tra sé: “Mo’ a mojema chi a sente?!”

“Buona sera benzina’, cumu a mettemo...?
senza cinte, senza luce, senza u criche…….
Sarnààààà… non ti si accorto che so Brikke?

E po’…se badanti!
Ce manna via de zocca tutti quanti!
Che belle fije, ce fosse state ai tempi mia…..
altro che mojema… pussa via!

Un po’ de tempo fa,
me so’ naccortu, mentre stacìo lì da Spasià
che c’era a Finanza che gèra a pesca…
tantu che qualchidu’ ha pensatu be’
de tira’ ggiò a saracinesca!

L’ha bassata a mezz’asta
pe’ non da’ sull’occhiu
ma po’ non s’è ricordatu
e quanno è gitu a rebbocca’ lestu:
a serranda n’ha fattu ‘na mossa…
ma a lu l’ha fattu restu!

Che BOTTA!!!! Tuttu tortu
je paria de esse mortu!

Passava lì da sola ‘na badante stagionatella
(ma che anco’ se vede bella)
e con aria un po’ saputa je dice:
“Ha visto che succede a guardar le giovinotte?”
Con filu de voce e n’occhio pistu
j’ha rispostu Carlo de Gistu.

“A…di’ a verità non vedo chirio’ nisciuna gioinotta,
sarà perché ho pijatu sta gran botta!”

Certo che se badanti de danni ne fa’ tanti…

Co’ a machina, ‘na matina, uno della protezione,
venia su u paese senza troppa attenzione;
invece de guarda’ a strada davanti
guardava ‘ndo guarda tutti quanti!

E pe’ scruta’ mejo lì
non s’è accortu du furgò de Culuccì.
Non ve dico che cracca!!!!
Vistu i danni pe’ ‘na polacca!

Da llaò a moje no u lassa scioltu,
da sulu no u manna a paga’ mancu un vaja,
je tocca a fila’ drittu, sci no se nguaja!
Cuscì ‘mpara a da’ l’occhiatina
gioppe a strada de Santa Caterina!

Ma, a proposito de Santa Caterina,
que succede lappe la stradina?

Gioppe a scorta de Palunculu
quanno se fa un po’ più scuru,
laggiò se fa un via vai
che non finisce mai:
unu a piedi… un antru co’ a machina…
unu, mancu tantu gioanottellu,
ce salta pure u cancellu!

Santa Caterina, che macellu!

Un condomino col cagnolino
vole mette un banchittu e fa paga’ lo scontrino!
Vole fa paga’ na tassa
a tutti quilli che ce passa!

Tutte e moji è preoccupate:
“Ma ste donne chi ce l’ha portate!
Que c’avrà se vijacche!
Mittimmoce anche nua’
a parla’ cumu e polacche!

Ma que diaulu ce starrà…sape’ ?
Toccherà propriu gicce a vede’
Vistu mai che quillu è un postu …
Che fa be’ pure a me?
Que volete, gente mia, Staffulà!
A se badanti ce semo duuti raccomanna’.
Non sulu i vecchi vene a guarda’
ma pare pure a quilli …de mezza età!

E que di’ de illi de Coste?
Ormai c’ha tuttu, je manca sulu e Poste!
“Coste s’è fatta città,
mo’ Staffulu sta sotto a nua’!”

C’è i ristoranti, u supermarchet,
i giornali, l’estetista e u benzinaro.
Pare de sta al centro de… Catanzaro!

Ma a vera notizia è che ‘nte sta città,
prima c’era sulu il capoperaio
che capia fra ‘lla gente!
Ade’ ce n’è dui:
L’altru è u semafuru intelligente !

Anvedi, Staffolà, a volete sape’ l’ultima?
Na matina è partita na coriera versu a capitale
con un programma niente male!

Tutti erano contenti…
tutti quanti sorridenti!
Anche se c’era da paga’
e per de più portasse da magna’!

Se donne, tutte imbellettate e coi tacchi,
era pronte pe’ gi a vede’ u programma de i Pacchi.
Ma quanno è rigate lì a televisione:
non ce vulia, che delusione!
L’ha mannate tutte a sede’ su u loggione!

A ritorna’ a casa su a corriera
ho sintutu due de se donne che discorrea:
“Eh Lucìà, pure u pranzu al sacco!
altru che giocu…
quissi c’ha datu propriu un pacco!”

CONCLUSIONE

E pe fini’ st’ultima cosa!
Questa era ‘na notizia scandalosa!
Era da dà in principio…
sono cose accadute in municipio!

Non se dica ma me l’ha detta n’impiegata
che co’ l’orecchie sua l’ha scoltata!
Era gita a parla’ co’ Marasca
e a sentilla momenti che non ce casca!

A porta da giunta era appena aperta
E, pe’ casu, ha fattu sta scoperta!
Se sintìa da drento ‘na voce da u tonu soffocato
Che dicìa cuscì, spiccicato, spiccicato!

“Gustalo! Guardalo!”
“Godilo! Prendilo!”
“Eccoloooo!”

E po’ altre cose sporche che me vergogno a riferi’
sci n’è vero, possa pijamme un colpo chi!

Tramente mia, ho pensatu
chi sarà lu degeneratu!?
Tutti ommini c’è lì a gionta,
a chi tocca mo’ sta monta?

Po’ co’ l’altri impiegati ce simmo distesi
quanno immo scopertu tutti sti malintesi!
Era sulu un assessore che liggia u deplia’,
illu du marchiu «Staffolo Qualità».

Ma che je pijesse, chi è lu grafico!
Je paria de scrive su un giornale pornografico?
Manca sulu e foto lì a copertina
della bbonadonna de Cicciolina!

FINALE
(col botto)

Staffulà, amici mia, finiscio chi!
Scinno’, quanno ve manno a durmi’?
Anche sci da dinne ce n’avrio n’antre po’,
elle l’ho scartate…
perché me paria troppu pepate!

L’ultima cosa che ve dico,ade’
quanno gete a casa, è:
dormete tranquilli,
perché quello che vo dittu
è tutti fatterelli
che scì… pizzica, ma non fa’ dòle.

Non va pijate a male
perché ve la dittu Re Carnuale.
Però sci qualchidu se sentesse toccatu
ve ssicuro che non l’ho fattu con malizia
(anche perché non ce stava Patrizia!).
Ve dico pure che sci sento a di’
che qualchidu’ se l’ha pijata a male,
un antr’anno, sci j’ha fo,
je ne dico n’antre po’
e divento un cuoco sopraffino
e ben be’ me lo cucino,
… ce metto pure o pepe e o sale!
Allora scì che dopo je fa MALE!


FINALE  (voce dall’aldilà…)

Staffulà, non va pijate!
È da secoli che va avanti stu tormento
che se chiama: “Testamento”.

E’ ‘nu scherzo, è solo un gioco.
A verità, con tutto questo, c’entra poco!

Tutte ste storie so’ falsità:
corna, gelosie, invidie, avidità.
Sono storielle eterne, reinventate,
forse da qualche parte ricopiate!

Quel che resta de verità
È la vita… e tuttu stu gran dasse da fa’!
De a parte che aimmo recitato…
Ce ne corgemmo sulu... all’uscita del teatro!

Che giò da piedi ogni cosa è vana!
Resta sulu sta grande, buffa…
“Commedia umana”.

Staffolo, i 6 de febbraru dell’anno bisestu

De Carnuale, che stanno è gitu prestu!

Pe Carnevalone chi u funnu pacca la croce:
Palummu.