CARNEVALI Carnevale 2012
Carnevale 2012 PDF Stampa E-mail

Se volete acquistare il libretto del Testamento sarà messo in vendita presso lo Spaccio di Staffolo,

in via XX Settembre.

IL COMITATO 

  

Dim lights

TESTAMENTO DI MESSER CARNEVALE CARNEVALI

NELL’ANNO DEL CARNEVALE 2012.

PROLOGO:

In nome del Popolo e così sia!

Addì, i 26 de febbraro dell’anno 2012

alle ore 21,00 e qualchecco’.

Avanti a me notaro pubblicu,

natu ‘nte stu paese, co’ a presenza dei testimoni,

scritti giò funnu,

se presentava de persona

Carnuale Carnuali

a me notaro pubblicu, conosciutu …mutuè.

Che pensanno a certezza de a morte sua e a u periculu dell’ora,

sanu de tutti i sentimenti dell’anima e de u cervellu,

benché malatu de corpu,

de testa sua ordina e lassa scrittu ello che vene appressu:

 

ATTENZIONE, ATTENZIONE…


Parla qui Carnevalone,

che in procinto di morire

qualche cosa vi vuol dire.


E’ uno scherzo preparato

dai cronisti e il comitato,

qui nessuno è compromesso

chi si offende è un gran fesso.


A chi tocca, a chi non tocca

ve lo dico con la bocca.

Chi se stizza non fa niente …

dia la colpa al Presidente.


U presidente è dimissionario

Gete dal Sindaco… o dal segretario.


Ve lo dice Carnevale …

ogni scherzo e burla vale.

Quel che ho da dir, io lo proclamo …

state zitti che incominciamo …

 

 

 

1.

 

Stanno u testamento sarà breve

ma a colpa, o sapete, è da neve!

È che a stu poru notaru pe riga’ chi

je c’è volutu tantu e tanti quatrì!

 

E’ gitu a Londra pe na gita che je piacea,

ma u riturno è stata cumu l’odissea!

E’ passatu pe Venezia, Treviso, Rimini, Bologna …

Pure il treno je s’è ruttu che scarrogna!

 

Je c’è vulutu più a vini’ su da Jesi

che a traversa’ Londra co i bus inglesi,

ha pagatu un albergo a cinque stelle,

po pe gi’ sul treno strittu cumu sardelle!

 

Ma adesso eccome chi’, famo prestu,

a lègge je do lestu lestu.

St’anno co sta crisi monetaria,

non m’ha datu mancu a segretaria!

 

1 bis.


Cumu sempre e date a me e colpe …

ma que c’entro io, co a tana della volpe!

È successe cose grosse, anzi … molto grosse,

cose da locale a luci rosse!

 

È successu a sera de hallouìnn

Daje e daje a forza de fa “cin cin”…

Una signora a sede’ su nu sgabello

non s’è messa a fa u spojarello!?

 

Ma quanno stèra pe rmane’ tutta nuda,

u maritu ha dittu: stop censura!

Tutti l’omini presenti …che delusione

non sa spettava sta conclusione!

 

U maritu invece soddisfattu

j’ha vulutu fa’ più de nu scattu.

Ma quanno a moje ha rvistu a fotografia…

essa propriu non ce se rcunuscia!

 

Chi, me pare che c’è un difettu…

Non pole esse u mia tuttu stu pettu!

Non pole esse … co una de ste tette

de e mia ce ne vene almeno sette!

 

De chi sarà statu lu pettu “ignoto”

o sa sulu chi ha scattatu a foto!

A machinetta su e ma’, porco demonio …

Tantu ce l’aìa sulu Antonio!

 

2.


Ho pijatu na sera a bicicletta

e pe torna’ a casa gero un po’ de fretta.

Co a lengua de fori e a zocca bassa pedalao

lungu a pista ciclabile del vallao!

 

Fra cingue minuti a casa rigo …

da a fame svoto pure u frigo!

Invece …  quanno cantao vittoria

non me rtròo un ingorogo su a rotatoria!?

 

Ho datu ‘na frenata secca …

Momenti non casco da bicicletta!

Machine ferme, non se muìa più gnente

Ce sarà statu un incidente?!

 

Sette machine mucchiate su na corsia,

sette in mezzo a strada che non partìa!

Unu sgaggiava co a parlata in cingolano

Leative de tunnu scinno’ ve spiano!”

 

Me affaccio pe vedé que c’era!

Ce sarà scappatu u mortu sta sera!

Vo avanti pe non  famme i mia de affaracci …

E non te vedo una signora co un gattu su i bracci!

 

L’ho rconosciuta a primu impattu!

J’ho dittu: i fattu stu casino pe un gattu?

Leite subitu e libera a corsia!

sci no, chiamo a polizia!

 

Ma non la vedi – me dice essa - un momento!

Poverina, tutta sola sai che spavento!”

Che spavento? E io che pe pocu non casco da bicicletta

Tuttu quesso pe carezzatte sa micetta!?

 

3.


Non se ne pole più co su digitale …

Non ja fo a vede’ più mancu il telegiornale!

Non vidio mancu quilli Rai de canali

Vulìo gi dall’oculista a rfamme l’occhiali!

 

Invece a colpa è de so digitale, vigliacchi!

Ecco perché vidio tutti a scacchi!

 

M’è venutu a casa unu, che se dicia un antennista.

Oh, non posso lascià niente in vista!

Lu è sparitu pocu dopo di soppiatto

e s’è portatu via pure un piatto!

 

Poi arriva l’altro tecnico della TV

(Posse pijarmi un colpo non lo chiamo più)

Mi ci lavora due intere sere …

Poi sparisce portannose via pure lu un bicchiere!

 

Finalmente sul letto distendo le membra e la testa

per guardarmi Porta a Porta di Bruno Vespa!

Accendo la TV, CO STO CAZZO DE DECÒDE

il televisore che fa s’accende? …

Noooo Esplòde!

 

Na bbotta … schegge vaganti , fuoco alle tende

Ma un soldato non si arrende!

Con un salto sono giu’ fuori dal letto

In divisa e su a zocca… c’ho messo pure l’elmetto!

 

4.


Illi de Coste ce fa a gara!

Basta gnè pe fa’ cagnara!

Parole grosse: tu sta attento a quello che fai,

scinno’ te rmanno in Argentina a fa quello che sai!

 

Se sa che je basta pocu ai costaroli,

fra de loro è abbastanza cagnaroli …

Po’ quanno de mezzo il condominio ce sta

Tutti, propriu tutti, vole comanna’!

 

Su a fine’ non se dee stenne i pagni!

Te, non fa casino mentre magni!

Non si parcheggia nel giardino,

a televisione n’a picci alle cinque del mattino!”

 

De stu passu ha decisu de fa na riunione

Tuttu il condominio senza esclusione!

L’amministratore ha dittu famo come dice il diritto

Lettera raccomandata, tuttu per iscritto!

 

Deserta come prassi a prima convocazione,

in seconda se pija ogni decisione!

Pe domenica matina, tutti d’accordu

Dicia unu: “tocca a gicce anche mortu!”

 

A prima convocazione se manna deserta

-dicia n’antra - io sono esperta!

Però …  vistu che a matina prestu me rleo

a curiosità de gi in prima convocazio’ …

quasci quasci ma leo.

 

N’ antra pensa: “tantu a matina vo a fa na passeggiata …

A prima convocazio’? … Famme gi’ a da n’occhiata!

O so, non ce sarà nisciu’ de sicuru …

ma sai pure… a fasse pija pel culu …!”

 

Sta de fattu che tutti i condomini,

tutte e moji e tutti l’omini,

in prima convocazione era tutti presenti

a domenica matina …  ma sape’ a che ora?

alle SEI E VENTI!

 

5.


Allora, ce so vinuta e non me ne gèra.

Ma, pe la famija se sopporta, è pe na sera!

O sai che non me piace il ballo,

ma pe la famaja tocca fallo!

 

A gi’ magnanno non ce tiro

ma quissi c’ha preso proprio in giro!

Quaranta euro a persona io dico …

Ma da mangia’ facea proprio schifo!

 

Ma pe la famaja te lo sai,

a certe cose non se rinuncia mai!

Però na cosa te devo dire cocco:

fa leva’ l’intervista da tele tocco!

 

Non è decoroso, per me è un’offesa,

non se dice quelle cose dentro la chiesa!

Nell’intervista dici un sacco di parolacce,

Non me fa fa ste figuracce!

 

Te lo sai po dopo … le mie colleghe catechiste,

pare tanto bone…  ma quantu è triste!

 

6.


Quanno stacìa pe fini’ a festa,

a gente lì a piazza se sarà chiesta:

cumu mai, vistu che sta lì vicino,

Damiano non fa parla’ il primo cittadino!?

 

E difatti il sinnico prima del gran finale

se alza in piedi leannose da dossu u sinale.

Davanti a tutta la platea

cumincia a parla’ con prosopopea!

 

Care concittadine …  e cari elettori,

non sto chi a da’ l’acqua ai fiori!

De stu paese bandiera arancione,

Io so il sinnico, capo dell’amministrazione!

 

Nisciu’ me po’ da’ l’ordini per favore,

ho fattu pure il piano regolatore!

Io lì u lettu non dormo gio’ da piedi,

ho fattu u militare fra i carabinieri”!

 

Alcune cose vanno propriu chiarite,

prego ora: liberi, applaudite!

Decido io! Come un bon padre de famija

(col consenso de mi moje e de mi fija!)

 

Decido io quanno se balla e quanno se sona

a me non me se cojona!

Decido quanno se fa festa e quanno è ora de gi’ a letto …

Cocchi mia concittadini, chi ce sta Sauretto!”

 

U discursu era statu un po’ complicatu

Li’ a sintassi aìa un po’ inciampatu.

I staffula’, qualchidu’ non c’ha fattu casu,

Qualchidu’ u giornu dopo c’è rigatu!

 

Ma vallo un po’ a fa capi’ ai portoghesi!

Quilli a distanza de 8 mesi,

anco’ se chiede ma … “u vostru sindàcu

è sempre cuscì o quela sera era imbriacu?”

 

7.


Stacìa a fa a fila li’ a cassa al diperdi’

e j’è cascatu un fojetto da u taschi’.

Ho pensatu: sarà a lista de a spesa settimanale,

era scrittu a ma’ e ce liggio un po’male!

 

Ma me sa de no, me sa che è na ricetta!

C’è pure na lista dell’ingredienti, spetta!”

U rcojo per educazione

e u vo a legge con attenzione!

 

Subbitu me pare che c’era scrittu “crostata”

Anzi no,  a  legge mejo c’è scrittu “prostàta”!

Pròstata … ecco adè l’ho capita!

Non era na ricetta! È a lista de Rita!

 

Vojo’ di’, non era a lista dell’ingredienti

era ella de urologia, coi nomi dei pazienti!

 

8.


Pe i 150 anni dell’unita’,

s’è vista su pe piazza qualche novità.

Sta òlta il rinnovamento,

ha toccatu al monumento.


A postu de un fratto’, la bandiera tricolore

bisogna che se metta al posto d’onore!

Ma non ce vorra’ un ingegnere

pe sceje u postu pe un  palu e pe e bandiere!”


Que ce vole, que te costa

-Dice al sinnico Carlo Mosca! -

Io so il presidente dei carabinieri

Mica e po’, so natu ieri!


Metti lu palu dietro u monumentu,

almeno cuscì non pija u ventu”.

Ma sci non pija u ventu almeno a sera,

cumu pole sventola’ a bandiera!?”


Mettilu allora da parte più lontana

cusci’ sventola quanno è tramontana!

Invece sci u mitti do stera prima

sventola quanno è curina!”


Il sindaco allora telefona a Sua Eccellenza,

pe chiede a lui una consulenza.

Resposta: Tenendo conto degli onori e del cerimoniale

u palu cacciatevelu … ndo v’è più congeniale!


Finalmente pare decisu

Pollonara u palu u pija su de pisu.

U postu fra tutti quanti

è quillu che pensavo io: davanti!”


Noooo! Spetta, spetta!

Non mittimmo troppa fretta!”

-Dice il sinnico sul balcone angolare-

Qui ci vuole il parere di un militare!”


Pocu dopo tuttu contentu,

se affaccia pe decide su su monumentu!

Allora, davanti è divieto,

a bandiera va messo rèto!”


Ogni òlta che de postu se cambiava

Daje che Pollonara bastignava!


Po a fine, in mezzo a i spettatori, sotto u monumento,

ha fattu u sua de commento:

Io dirrìo, che ve dovete mette tutti a schiera,

il sinnico in mezzo, po ce penso io  pe u palu da bandiera!


Ma a propositu de pali …

 

9.


Dolciotto ha dittu: “vistu quantu è brai si polacchi

C’ha mannatu pe rgalu a Natale ben du pacchi!

C’ ha missu un bijetto ma … se legge male

Sara’ de sicuru l’auguri de Natale!”

 

C’era pure un piedistallu pe tene’ a bandiera

stranu però che u palu non ce gera.

C’ha proatu un po’ a ficcaccelu dentro bè

po ha decisu “n’è per me”!

 

Sulu dopo 5 mesi s’è risu cuntu

de quantu è statu tuntu!

U piedistallu che i polacchi ha mannatu

era quillu che a Banda là, l’aìa lassatu!

 

Fronzo’, era 5 mesi che u cercava

Quante n’ha ditte, quantu imprecava!

Chissa’ se donne ndo l’ha andato a lassa’

-dicìa - mo, la bandiera do me la tengo, fra le ma’?!”

 

10.


A neve del 12 c’a ricorderemo tutti,

co lu mucchiu de nee sui banghitti.

Sci cascavi davanti u spacciu

rigavi for de porta pe o ghiaccio!


E nel momento della tormenta,

tutti a compra’ e pale lì a ferramenta.

Fabbrizio te dicia appena lì l’ingresso:

l’ultima l’ho vinnuta propriu adesso!


I candelozzi dai titti pinnia cumu spade,

e referine aìa copertu tutte e strade!


Chi aìa parcheggiatu prima de a nevicata

a machina sotto a neve se l’è scordata!

De qualchiduna se vede sci e no i tergicristalli,

ma quelle se tira fori sulu co i primi calli!


A unu je parìa che a machina j’era stata fregata,

quanno leata a neve non ce l’ha stroata!

C’è chi giura che sotto un mucchiu de nevo’,

c’era rmasta a machina co dentro pure Sego’!


A paura de tutti era quella dei titti!

Daje a vede’ se i trai era fitti!

Ma io sto tranquillu u mia non va gio’

Casu mai prima tocca a quillu de Sanso’!


I mejo è stati li operaji comunali,

notte e giurnu senza uguali!

Gio’ a contrada de Campagliano

lì però s’è sfioratu il dramma umano!


Pollonara mentre bufava

Stera lì che ruspava!

Je parìa che c’era un dossu,

invece era gitu a fini’ dentro un fossu!


U Benfre je s’era piegatu su un fiancu

Inturnu vidia tuttu biancu!

Guarda te che cazzu de lavori

Adè me dici te chi me tira fori?


Telefona sul comune al sinnico

Oh, parè, io sto chi in billico!”

Chi se rovescia u mezzo co me dentro,

m’è rmassu sulu de fa u testamento!


Sgappa via!  Prima che se moe!

Salta fori, non fa l’eroe!”

Ah no, u Benfra affonda in mezzo a o brino

ma io so Pollonara, mica so Schettino!”

 

11.


Po arrivo’ l’esercito liberatore,

co u cammiu e u trattore.

Trattamento pe i militi un po’ poveru:

magna’ e durmi’ lì u ricoveru!

 

Non ve preoccupate u trovammo un appoggio

-Dicia il sinnico – senza problemi vitto e alloggio!

Insomma na sistemazio’ tranquilla

weekend a Villa Arzilla!

 

I miltari ha leatu a neve lì i banchitti,

ce n’era sei metri a stacce stritti!

 

Quilli del Comitato se preoccupava

ogni giornu je nevicava …

po sci dopo fa pure e gelate

-dicia - do’ u mitimmo u palcu st’istate?

 

Marasca, Scali’ e Pasto’ facia a gara

a chi più neve spalava …

Su li bob ha ruspatu giornu e notte senza sosta,

mo cio sapremmo rdi’ quantu ce costa!

 

Scali’ pe tirà drittu

s’è portatu via un banchittu!

L’ha scarpitu tuttu pe interu,

sta in cima e scalette du cimiteru!

 

C’è chi a vistu Pasto sgappa’ dall’arcu

co u bob pienu pienu carcu!

Ma non sulu de neve e de ghiacciu

In mezzo c’era pure qualche stracciu!

 

Immo pensatu che stranezza

Sarà qualche mballa de monnezza …

Invece dopo immo capitu che era pagni,

quanno u giru dopo, spignìa pure u stendipagni!

 

Insomma lappe i viculi pulizia.

Ogni cosa ha portatu via:

cocce, cassette do gas, palitti …

Ma se restroa tuttu …

Quanno calerà u mucchiu lì i banghitti!

 

12.


Brai pure quilli de a protezione civile

Se non c’era loro a neve ce stera fino aprile!

Curria dappertutto cumu pazzi

È stati propriu brai li ragazzi!


J’ha dittu state tranquilli munelli,

se c’è qualche problema chiamate Antonelli!

Basta che il pronto intervento se chiama …

e chi riga per primu? Primo …  Gentilama!


Oh! ndo c’era a gente e c’era da fa,

lu pruntu co a pala su e ma!

Po perché non putia carica’ l’apittu de neve

Che non ha troatu quelle giuste de catene!

 

13.


A parte i scherzi co su nevo’

c’è stata pure qualche cascato’!

L’incidente più seriu in via Leonardo da Vinci

N’è cascati dui…  propriu du pinci!


Un’antra sgappa co a machina da un parcheggio

e ha combinatu propriu a peggio!

N’ha guardatu coè, tuttu sotto sterzo

U primu no, u secondo mancu, ha beccatu u terzo!


Ju dicia Marì: “leite che te mette sotta,

dopo se non si surdu a senti a botta!

Ma chi? Ma ndove? Ce possene prova’

Nun c’è nessuno nte sto paese, ma ndo sta?


Quanno j’è rigata sopra co u paraurti de dietro

Che botta! J’ha fattu fa un saltu da un metro

Po è cascatu lungu in mezzo al corso …

Aiuto aiuto portatelu al pronto soccorso!


Po, quanno ha vistu che non c’aìa coè:

alimortacci dovea prenne proprio a me!

Numme so fatto niente però m’ha steso

Numme so accorto, m’ha sorpreso!”


Era un po’ tutti preoccupati pe Bebo

A quissu de sicuru je ce vole na flebo!

Nooo – ha dittu lu - che flebbo, annamo va!

Soccorreteme, subbito … ma dda o Pana’!

 

14.


Tuttu imbacuccatu, fra a nee, gèro a zonzo

Passa unu de corsa: ma chi è Alonso?

Invece a guida tuttu giocondo,

non era l’assessore Toccafondo!?

 

È vinutu su co a machina da Coste

ha dittu pe gi’ d’urgenza lì e poste!

Sulu che dietro, taccatu lì u parafangu

Dico: “Je c’è rmassu taccatu un cosu biangu!”

 

L’ha fermatu i carabinieri lì a fornace

J’ha dittu adè ce spieghi … se si capace!

Chi è quissu lì de dietro taccatu con la corda

U conosci o li troatu suppe a scorta!

 

No, sa … j’ha dittu Toccafondo

È un nuovo modo di fare sci da fondo!

Volemmo batte un recòrd

De velocità … su snowbòrd.

 

Senti a nuà non c’ha racconti

Adè fammo subbitu du bei conti!

Tira fori a patente

Per noi è come un carico sporgente!

 

vo dico io!” E’ intervenuta tiranno gio’ u vetro

a ragazza che stava a sede’de dietro:

sta machina non c’ha i carichi sporgenti,

è sulu carica de du deficienti!”

 

15.


Po’, se sa che a neve fa brutti scherzi

Quanno ne fa tanta ce sintimmo tutti persi.

Quanno a neve tuttu intorno ha copertu

È cunu sta in mezzo a un desertu!

 

Succede allora che fra tuttu lu biancu

Cuminci a sintitte triste e stancu!

E te pare de vede’ in mezzo a provinciale

I cammi in mezzo missi propriu male!

 

Oppure cumu è successu gio’ i reosci

De vede’ ddirittura du lupi feroci!

Ma non succede sulu a certi personaggi

È propriu il fenomeno dei miraggi!

 

Ma è bastatu qualco’ da magna’ e da beve

che è sparitu tuttu, lupi, cammi e pure a neve!

 

16.


Però a nevicata del 12 è passata

quanta neve è stata spalata!

Speriamo che sia l’ultima pe stu febbraru

Anche perché po’ dopo finisce u calendariu!

 

Dice infatti che alla fine dell’anno

Non ce se riga stanno!

L’ho sintutu di’, lì da a macellaia …

L’ha dittu il popolo  dei Maia!

 

Ma… si Maia … io non ce credo

Io do retta sulu a quello che vedo!

Loro non sapia che nti stu Paese

u problema non è riga’ a fine anno …

ma a fine de u mese?

 

17.


Che bella figura immo fattu sul TG

L’immo vista tutti in primo pianu, stacia lì!

Vicino al Papa ha fattu un bell’inchino …

po’ j’ha regalutu pure il vino!

 

Ma que j’ha dittu il Papa quanno è rigata lì …

È na cosa che non se putrìa di’…

Chissa’ se qualche parola è gita in onda …

O se c’è in giru qualche canestra sfonda …

 

Se dice che il Santo Padre Benedetto

J’ha dittu ste parole all’orecchio:

Luzìa, cara fijola mia,

brava, tu essere qvi con tuo fidanzato!

 

Ah!? Non essere tuo fidanzato!?

Allora, chi tu hai portato?

Aaahhh! Tu fai a me molta meraviglia

hai penzato proprio a tutto figlia!

 

Tuo fidanzato arrivato in ritardo,

allora tu portato … Riccardo!

E se tuo fidanzato arriva troppo presto

Tu portare chi?… Ernesto?

 

E se tuo fidanzato arriva in orario

Tu portare uno con nome Mario!?

E se tuo fidanzato non venuto percoè?

Aaahh, allora tu fare festa con … Neri Marcorè!”

 

18.


Facìa tutte e proe da un anno,

Cumu fa e modelle, sculettanno!

E siccumu l’intimo se duìa mette,

tutte in palestra pe rassoda’ culi e tette!

 

Quanno è state per scende in passerella,

a qualcheduna j’ha pijatu a tremarella.

Tutta sa gente me guardiria?

Cuscì nuda non me c’ha vistu mai …

mancu u ragazzu mia!”

 

Io sapé, vistu che so a più anziana

Io me metto u pijama!

Elle che c’ha tutta la bella chioma …

su metterà essa u perizoma!

 

Io non me so fatta be’ mancu a ceretta,

e po’, a quarta misura me sta stretta!

A me me rigati anche i parenti da Roma,

non me vojo fa vedé in perizoma!

 

Insomma prima tutte donne esperte…

Ade’ volete sfila’ tutte coperte!

Allora  … l’organizzatore che stubbitu non è,

ha dittu, famo un brindisi che porta be’!

 

Ha cominciatu tutte a be’ senza decenza,

perdenno ogni reticenza …

Ade’, dicia, tutte mezze imbriache:

Oh, u perizoma … ade’ ce piace!

19.


Il sinnico, Fiore, Rino, Pompeo e il Togno!

Chi c’è pocu da racconta’… non c’è bisogno!

Sapimmo tuttu, è cumu  stacce,

pe sape’ que ha fattu in mezzo a lle polacche!

 

U primu fattu a gi’ storto

è cuminciatu lì all’eroporto.

J’ha dittu “oh, io me vergogno

Dijelo te che c’ho da fa un bisogno!”

 

Ma non sarrai mattu propriu adesso?

Parte l’aereo e te vai al cesso?”

Senta signorina, ce manca un signore

Spettate un attimu a parti’ che manga Fiore!”

 

Dopo un po’ l’annuncio: se parte tutti a bordo

Ma que fa Sandro, do sta, que è sordo?!

Ndo se sarà cacciatu … mo que famo!

A valigia sua a chi a damo?”

 

Se ppiccia i motori … allacciarsi la cintura!

Que je dimo ai polacchi, che cazzu de figura!

……….

Ma propriu all’ultimu in mezzo a u piazzale

riga un autobus e se ferma vicino a e scale.

 

Se apre u portellone dell’aeroplano

e tutti u vede bocca’ con calma, piano, piano

È propriu lu: “davanti ai nostri occhi …

un applauso, “wellcome mister Finocchi!”

 

20.


Unu dei 5, u più intraprendente,

(ma sui nomi non putimmo di’ gnente)

aìa puntatu una da sola

e non sapenno di’na parola,

a guardaa co nu sguardu stranu,

tantu che ella s’è allontanata pianu pianu!

 

Poretta, s’era messa propriu paura,

quissi, dice, è chi pe un gemellaggio su a natura!

Mah, co tutte quelle che se sente…

quissi de natura cerca quella vivente!

 

Ha chiamatu u fratellu che de mestiere

lavora a Danzica lì il cantiere!

J’ha dittu: se il polacco no o ntendete

vedrai che e botte e sentete!

 

Al ritorno, a Staffulu, c’è chi de mestiere

l’affari dell’altri vole sempre sapere!

Ha ncontratu a Pompeo Zaccaria,

e j’ha dittu: famme un po’ a spia!

 

Dimme un po’ que ha fattu Fiore,

Il sinnico, Togno …  e l’assessore?

Que ete fattu su li posti?

Pompeo ha rispostu:

Ce simmo fatti ognunu i cazzi nostri!”

 

21.


Cumu se niente fosse, un mese dopo

Illi de a Banda era li’ co l’istesso scopo!

A sera dopo i concerti sinfonici

Tutti a balla’ un po’ … euforici!


A na festa de un matrimonio polacco,

(omini in cravatta, e donne col tacco)

a sera nti un locale i parenti numerosi

ballaa e magnaa pe festeggia’ gli sposi.


Issi da banda, nisciu’ l’aìa chamati,

da perissi s’era invitati!

U più scic, in tenuta da sera,

era Itolo co e calzole corte e a cannottiera!


È boccatu co a scusa de fa e riprese,

(da fa rivede’ su Teletocco nel suo paese).

Ma cumu ha vistu una co a gonna roscia,

che ballaa scoprendo pure na coscia,


cumu u toru a corna basse momenti na colca

dicenno che cuscì se balla a polka!

Girava, saltava, sbuffava cumu na caffettiera,

sempre co le calzole e la canottiera …


U maestro invece più moderato,

ballava con garbo un po’ affettato!

Fino a quanno vedenno il buffè ha dittu: “urka!

io lasso perde de balla’ a mazurka!”


Insomma i spusi i parenti e la gente de là,

era rmassi tutti fissi cumu i baccalà!

Pensaa: altru che banda cittadina,

quissi è contadi’ che riga ade’ dall’Ucraina!


Quanno ha capitu cumu buttava a serata,

a spusa s’è un po’ arrabbiata.

I parenti allora s’è fatti avanti,

dui co i baffi paria du giganti.


A di’ a verità non se capìa

na parola de quillo che dicìa.

Ma da e facce rosce e i baffi dritti,

Immo capitu tutti che era mejo de sta zitti!


Il Maestro con grande stile lì davanti,

ha dato il tempo ai musicanti:

mi raccomando come al solito al quattro

tutti via de soppiatto!!!!


E po’, co a bocca anco’ piena

Controordine: correte che chi se pija’ pe schiena!


22.


Da Staffulu parte la Protezione:

Tutti a Genova che c’è un’alluvione.

Pijammo sulu quilli scelti,

non se pole mica parti’ in venti!”


Vestiti e calzati da a testa a i ginocchi,

cumu canarini, a guardali facia male all’occhi!

Pronti ad andare incontro all’emergenza,

tutti in macchina, pronti e … partenza!


Aìa caricatu u picap de ogni occorrente

compresa a radio trasmittente.

Filava dritti cumu su un’alfa romeo,

alla guida c’era Zaccaria Pompeo!


Te, guarda e carte stradali,

che io guardo i segnali!

Che in tre ore senza intervallo

rigammo a vede’ il mare a Rapallo!


Da squadra operativa a centrale

Nuà sintimmo pocu e male …

A Nua’ non ce dovete di’ mancu grazie,

rigammo appena sintimmo a puzza de disgrazie!”


Ma si ce sentite malappena

Preparatrice 4 posti pe gi’ a cena!

Che ce sarà pure l’emergenza nazionale,

ma a nuà a magna’ non ce fa propriu male!”


Da centrale a squadra operativa

Ndo’ ve pare de gi’, allegra comitiva!

Chi vi ha autorizzato a venire in Liguria?” 

Sgaggiava quillu cumu na furia! -


4 posti per la cena, magari pure l’autista!

volete pure e camere con vista?

non ce proate co me, non so mica stubbitu,

tornate a casa prima de subitu!


E po’ appena arrivati al paese,

preparateve a paga’ tutte e spese!!!


23.


Eh! Carlo mia, c’ho dovutu rinuncia’,

co i maiali non ce so propriu fa’.

Cumu ogni cosa ce vole mestiere,

mica è cumu fa l’ingegnere!

 

Na sera me telefona Giulio’.

Me dice “curri curri veni gio’!”

Quinto … Giulioni Quinto …

Dice: “è sgappati , è sgappati da u recinto!”

 

Daje io a corre, corre a cercalli,

me c’è vulutu pe stroalli!

A fine l’ho stroati che stera al bar!

Ma no i maiali, l’amici che me dacia na ma!

 

N’antra ò, è sgappati gio’ pe a terra,

non te dico, è stata na guerra!

Era de notte non ce se vidia da chi a lì,

era giti a sfrugula’ giò da Dibbuli’!

 

Pocu prima aìo biutu na sambuca …

E pe chiappalli, non so cascatu nti na buca!

A rena me era rigata finu a su e gamme,

fortuna l’amici è vinuti a salvamme!

 

24.


L’ha missu a fadiga’ taccatu vicino

al capooperaio Adelfino.

Tu mittimmo accanto cuscì impara

a doprà a zappa e a pala!”

 

U problema più grossu ha dittu

sarà cacciallu dentro all’apittu!

Non ce boccaa mancu a piegallu

Sarrìa sulu da segallu!

 

Il sinnico ha chimatu Adelfino in ufficio:

Sta a sinti’ be’ quello che te dico!

Te, co la tua esperienza, non me sbajo

Je dai l’ordini come capoperaio!

 

Lu fa tuttu quillu che je dici

Me raccomando t’o dico da amici!”

Po’, quanno ha finitu de parla’

 Il sinnico ha chiamatu da parte  Amat:

 

Amat, sta a senti’, un momentino:

te stai dietro ad Adelfino!

Po’sta a senti’… capiscimi bene

me raccomando … stacce sempre insieme!

 

Io capito bene: conosco Adelfino

Lui bravo però come bambino …  

Insomma più che fare suo dipendente

Bene bene … devo fargli da assistente!” 


Finale


E chi finisce carnuale, e pe facce rima,

dicimmo che è cominciatu tardi e finitu prima!

Non se pole propriu di’ che st’anno è statu grassu,

st’anno non c’immo autu tempu de gi’ a spassu …

 

Perché e chiacchiere pe u paese se sente,

sci vai in giru e incontri a gente!

Ma in ti stu paese c’è casu che sgappi su a piazza

e de persone non tròi mancu a razza!

 

Eppure, oh, c’è chi ha dittu in modo poco gentile,

che quistu è un paese do’ se fa troppo “cortile”!

Un paese do’ basta sulu un commento …

che ecco lì a piazza se apre il Parlamento!

 

Ma a nua’ che de Staffulu non putimmo fa senza,

na chiacchiera ce piace, purché non sia maldicenza!

E po’, è mejo un po’ de chiacchiere da banghitti,

che un paese ndo’ tutti, pe paura o pe tristezza …

sta sempre zitti!

 

Staffolo 26 febbraio 2012

 

Per Carnuale chi u funnu pacca la croce

Palummu

U Notaru