Carnevale 2011
 
 
CARNEVALI Carnevale 2011
Carnevale 2011 PDF Stampa E-mail

Clicca sotto e guarda le foto.

Carnevale 2011

 

TESTAMENTO DI MESSER CARNEVALE CARNEVALI

 

NELL’ ANNO DEL CARNEVALE 2011.

 

  

PROLOGO:

 

In nome del Popolo e così sia!

 

Addì, i 9 de marzo dell’anno 2011

 

alle ore 21,00 e qualchecco’.

 

Avanti a me notaro pubblicu,

 

natu ‘nte stu paese, co’ a presenza dei testimoni,

 

scritti giò funnu,

 

se presentava de persona

 

Carnuale Carnuali

 

a me notaro pubblicu, conosciutu …mutuè.

 

Che pensanno a certezza de a morte sua e

 

a u periculu dell’ora,

 

 sanu de tutti i sentimenti dell’anima e de u cervellu,

 

benché malatu de corpu,

 

de testa sua ordina e lassa scrittu ello

 

che vene appressu:

 

ATTENZIONE, ATTENZIONE…

 

Parla qui Carnevalone,

 

che in procinto di morire

 

qualche cosa vi vuol dire.

 

 

E’ uno scherzo preparato

 

dai cronisti e il comitato,

 

qui nessuno è compromesso

 

chi si offende è un gran fesso.

 

 

 

A chi tocca, a chi non tocca

 

ve lo dico con la bocca.

 

Chi se stizza non fa niente …

 

dia la colpa al Presidente.

 


 

U presidente non c’è più

 

Gete dal Sindaco… ce pensa lu’.

 

 

 

Ve lo dice Carnevale …

 

ogni scherzo e burla vale.

 

Quel che ho da dir, io lo proclamo …

 

state zitti che incominciamo …

 


 

entra Rosaria:

 

Mamma mia quant’è tardi,

 

Signore benedetto salvame da stu cicchetto.”

 


 

Damiano:

 

Do’ si stata fino ade’co se penne de fagiani,

 

gio’ l’allevamento de Capitani?”

 

Rosaria:

 

Perché non te piace?

 

L’ho comprate a sciopping villàge!”

 

Damiano:

 

mettete gio’ immediatamente

 

che è un pezzu che spetta sa gente!”

 


 


 

1. Autlet ROSARIA

 


 

Na matina passo su pe piazza,

 

e sento qualchidu’ che schiamazza.

 

Non c’era pel corso ‘na manifestazione!?

 

Dico: eccola, è scoppiata a rivoluzione!

 


 

Macché, a fa’ casciara in mezzo a piazza,

 

non era il popolo, ma sulu qualche ragazza!

 

Era u gruppu delle belle munelle,

 

quelle che ha sfilatu cumu modelle!

 


 

Dopo gli abiti e le foto in primo piano,

 

vulìa pure il corso de Staffulu … cumu Milano!

 

U vulìa tuttu pieno de butic,

 

deve esse – dicìa – ‘na cosa propriu scic!

 


 

Stacìa tutte in piazza co nu striscione,

 

e guardaa verso il comune, su u balcone.

 

E mentre il sinnico studiava ogni mossa,

 

lì a piazza facìa a chi a sparaa più grossa!

 


 

A fa’ nico’ ce pensa illu co a machina inglese,

 

quillu che vòle cambià i connotati de stu paese!

 

A bottega de Giscetto Cimarelli?

 

A famo diventa’ u negozio de Roberto Cavalli!

 


 

L’osteria de Melella, co ‘na mbiancata che je do,

 

è pronta pe diventa’ u negozio de Benettò!

 

Ndo sta a Croce Rossa de Fiorino …

 

Vadi, vadi pe la butic de Valentino!

 


 

Do’ stèra invece a Democrazia Cristiana …

 

Que c’è mejo de … Dolce & Gabbana?

 

Scì, ha dittu Pacchiarotto, ma fate presto,

 

che a sede… è sotto sequestro!

 


 

Invece do’ stèra a macelleria de Enzo,

 

lì ce mittimmo … Kenzo!”

 


 

Il sindaco se facciava pianu pianu da u balco’,

 

e dicìa: “Peresse apre pure Luì Vuitto’!”

 

E a folla in piazza urlava:

 

Scììììììì! Vulimmo pure Max Mara!

 


 

A postu dell’uffici del comune ce dispiace,

 

ma ce vulimmo u negoziu de Versace!

 

Per esempiu, lì u garage de i vigili urbani,

 

ce sta be’a butic de Giorgio Armani!

 


 

L’idea è de un architetto vinutu da Milano,

 

pe daje a stu paese na bella mano!

 

Ha dittu: affittateme pure i garage,

 

pe facce Staffolo Sciòpping Villàge!”

 


 

Un contadi’ dicìa: “vacce a capi’ qualchicco’,

 

ma io je fitto quello che ciò!

 

U fienile mia… non ce riga su a strada,

 

scinno’ era bonu pe u negozio de Prada!”

 


 

E il corso via 20 settembre … attenzione,

 

u chiameremo via Montenapoleone!

 

E pe e machine previste all’arrivu:

 

a Carotto non je frega piu’ … va be’ u campu sportivu!”

 


 

Articuli su i giornali, internet, interviste …

 

Ma vua’ e botteghe nòe, l’ete viste?

 

Sopra l’arcu c’ha fattu scrive: APRIREMO…

 

Ndo’prima de lu’ ‘n antru … c’aìa scrittu: VINCEREMO!

 


 


 

2. A bottega aperta DAMIANO

 


 

Invece - una dicìa - tocca sta’ allerta,

 

perché l’unica bottega sempre aperta,

 

se anco’ non ti si accorta,

 

è quella che sta giustu for de porta!

 


 

A sera quanno se fa scuru,

 

attenta a cammina’ lappe u muru!

 

Pe sta’ sicura e non vedenne tante,

 

tette lontanu pure da e piante!

 


 

Propriu jeri sera, for de porta,

 

non sai de que me so’ accorta?

 

Ce sta unu che non je frega …

 

Quanno c’ha voja apre a bottega!

 


 

Dietro ‘na pianta, lì a qualche metru,

 

vedo qualchidu’ fermu là dietro!

 


 

Era ‘n omo che je parìa de non esse notatu,

 

e stèra rittu rèto na pianta, fermu e impalatu!

 

Un omo che tinìa na ma’ sui fianchi

 

e l’altra s’a tinìa lì davanti!

 


 

Quanno ha vistu a me che stero lì vicinu …

 

Piccicatu su u tronco s’era fattu finu!

 

Stacìa tuttu rtiratu

 

che mancu ce pijava fiatu!

 


 

Pe sta’ bonu e non fasse rconosce

 

e calze j’era rigate all’altezza de cosce!

 


 

Te pare quissu u postu pe fa’ se cose …

 

Figurate che Turì c’ha piantatu e rose!

 

I rispostu te che non ce steri?

 

E intantu e calze, j’era rigate gio’ i piedi.

 


 

Po’ alla fine ha parlatu,

 

rmanenno sempre lì impalatu:

 

Sape’, a fa’ cuscì, io ce guadagno,

 

resparmio, lì u scaricu del bagno!”

 


 


 

3. A segretaria DAMIANO

 


 

Ist’anno cume vedete c’ho ‘na segretaria.

 

È stata dura, ma a fine ho troatu a Rosaria.

 

E’ propriu braa, que ve ne pare?

 

Segretarie cuscì è propriu rare!

 


 

Pe troalla a Staffulu è stata ‘na cosa grossa,

 

non se tròa più ‘na segretaria in giru …

 

sta tutte lì a Croce Rossa!

 


 

Pe non parla’ po’ de i presidenti:

 

lì a Croce Rossa n’ha cambiati venti.

 

Ecco perché l’altre associazioni gente,

 

non ne tròa più mancu unu de presidente.

 


 

Ma ste cose, cumu sarà possibili

 

che tutti se sente incompatibili!

 

C’è chi m’ha giuratu, e io so sicuru

 

che ha vistu Fiorino fa cagnara pure da sulu!

 


 

Io non ne chiedo tante, ma una bona

 

-dicia – “Vojo ‘na carica ad persona!

 

Io so’ circondatu da tutta sta mazzumaja:

 

Antonelli, Gilberto, … pure Pazzaja!”

 


 

E allora, segretaria, vistu che stai chì a pagamento,

 

cuntinua un po’ a legge su testamento!

 

Che immo decisu st’anno pe compassio’

 

de non di’ male dell’Amministrazio.’

 


 

E soprattuttu pe non fini’ subitu in tristezza

 

de non parla’ de u capitulu de a monnezza!

 


 


 

4. Teletocco? DAMIANO

 


 

Finalmente dopo numerose indagini,

 

dopo ave’ cercatu fra tante immagini…

 

Dopo ave’ fattu spia’ tutte e donne du paese

 

(pure da un ex carabiniere in borghese …)

 


 

È statu scopertu l’arcanu misteru,

 

quillu che cercava de sape’ u paese interu.

 

Sape’ finalmente de chi è la latteria,

 

che su Tele Tocco c’ha a fotografia.

 


 

Quella che co e ma’ se tène strette

 

le du gran belle grosse tette.

 

E’ statu scopertu, insomma, che le pocce toste

 

è niente de meno che … de una de Coste!

 


 

Non dicimmo coè, non facimmo commenti,

 

però il Comitato ha decisu de fa’ cambiamenti:

 

invece de Tele-Tocco dittu chiaru e tondo

 

la nuova TV se chiamerà: … TeleToccaFondo!

 


 


 

5. A piazzetta dell’Ospedale ROSARIA

 


 

Al centro du paese, a piazza più vitale

 

a Staffulu, è diventata a piazzetta dell’ospedale!

 

Tutte l’associazioni lì c’ha e sèdi,

 

si cerchi a unu, o prima o dopo, lì o vedi!

 


 

Per esempiu a sede’ lì al Centro Sociale

 

ce troi a Ferna’ che legge u giornale;

 

ha dittu: “Lì a ferramenta no ja fo più a pija’un caffè:

 

c’è sempre tre operaji del comune … a fa a fila

 

avanti a me!”

 

 

I gioanotti gioca a bijardi’ da piedi de scale,

 

e donne e l’ommini, a briscola lì il centro sociale!

 

E moji istruite va de sopra in biblioteca,

 

i mariti, più spissu, de sotto … all’enoteca!

 


 

Adè che Gusti’ fa u presidente,

 

ce ne va mutavè de gente!

 

E la piazzetta che parìa disabitata,

 

pure a notte ade’ è trafficata.

 


 

Infatti pure qualche coppia scunusciuta

 

ce passa de sera, e nisciu’ sa di’ da ndo’ è venuta!

 

Sarrà turisti mannati da n’agenzia?

 

Vidi che riga e dopo du ore va via!

 


 

I vidi che fra u scuru qualco’ va cercanno

 

e a qualchidu’ va pure domannanno!

 

E anche sci è scuru scuru che se coppa,

 

loro a chiave cumu sia … cia caccia lì a toppa!

 


 

Ma ve pare a vua’ che a fiuta’ l’odori,

 

per primu, non putìa esse i cacciatori?

 

Capirai quissi, non se l’è fattu di’ du òlte

 

e c’ha fattu subitu a Tana de a Volpe!

 


 

Me dice tutti che è ‘na volpe jotta,

 

quella che s’è rintanata lì nta grotta!

 

Ma chi c’è boccatu e la vista e la toccata

 

dice che invece è sulu na volpe imbalsamata!

 


 

Conunque …

 


 

Carlino ‘na domenica è rigatu su a piazza,

 

co, mortu lì a machina, un cinghiale de razza.

 

Momenti non je pija un colpo all’amici cacciatori

 

de doveje fa’ sulu da spettatori!

 

 

Ma unu de quissi invidiusu parlava dietro.

 

E ha dittu subbitu a tutti u segreto:

 

U mèritu non è propriu u sua, va dico vera

 

u meritu è tuttu de na fattucchiera!

 


 

E’ gitu da una che legge e carte

 

e po’, su caco’, ha fattu a parte!

 

Quessa ha capitu che non era un problema di cuore,

 

che quillu ju risolvia nti ‘parde ore!

 


 

J’ha dittu: te vedrai bel cacciatore,

 

è questione sulu de poche ore:

 


 

non c’hai bisogno mancu de mira’ …

 

Un ciuffittu de pilu nero

 

come un esule pensiero

 

tu ritroi nte e ma’.

 


 

E tre giorni dopo, co un tiru sulu,

 

non ha mazzatu un cinghiale, vaffanculu!”

 


 

Ma se sa, che quanno unu è invidiusu

 

non se vede mancu a punta de u nasu!

 

E stu cacciatore non s’è accortu

 

che l’unica cosa vera è che u cinghiale era mortu!

 


 

Perché Carlino sul serio l’aìa troatu,

 

ma lì a macelleria de un supermercatu!

 

Di fatti stu cinghiale nti na recchia,

 

c’aia anco’ u prezzu e l’etichetta!

 


 


 

6. Pe amicizia … ROSARIA

 


 

Carnevalo’ m’ha dittu, prima che sonasse l’ora:

 

questa è successa, daero, a ‘na signora;

 

e t’a vojo racconta’, prima che moro,

 

che chi tròa ‘n amicu, tròa un tesoro!”

 


 

J’ha dittu “t’ho portatu ‘na sporta de grugni,

 

è pochi sa, que te pare, un parde pugni!

 

L’ho laati e puliti, con dovizia …

 

cuscì, te l’ho portati, tantu pe amicizia!”

 


 

J’ha respostu a signora: “Te rengrazio pe su pensiero …

 

Ma fammete da’ qualco’, due o tre euro!”

 

Ma que me dai, c’ho persu un pard’ ore…

 

Sci me voli fa’ contentu non me da’ coè,

 

facimmo l’amore!”

 


 

Bruttu zuzzu. Scì … non vidìo l’ora …

 

Ma que te pare, io so’ ‘na signora!

 

E po’, a pensacce be’, non te vergugni,

 

que ma chiedi pe ‘na sporta de grugni?”

 


 


 

7. Miss Bandiera …! DAMIANO

 


 

E’ gita su ‘na professoressa, tutta permalosa

 

Sindaco, te déo di’ ‘na cosa:

 

vojo vede’ a delibera approvata

 

de chi c’ha utu sta bella pensata:

 


 

quella de fa’ miss bandiera arancione,

 

che delle donne è solo mercificazione!

 

Questa è mentalità maschilista,

 

vua’ co e donne ce fate cumu co a pista!

 


 

Ce volete fa’ a pezzi cumu co u maiale:

 

a me e cosce, a te e chiappe, a lu’ u guanciale!

 

Adesso chì qualchidu’ ne dée responne:

 

è ‘n’offesa pe tutte nualtri donne!

 


 

N’è vero!- responne il sindaco - questa è

 

Miss Bandiera Arancione!

 

Non è pe tutte e donne, è sulu pe elle bòne!

 

Per esempiu, per te che si acida, cumu ‘na remasta,

 

putimmo fa’: miss Bandiera … ma a Mezz’asta!

 


 


 

8 . Miss Bandiera Arancione! ROSARIA

 


 

Ma a protesta più sintuta in realtà,

 

l’ha fatta un po’ de ragazze pe via dell’età.

 

Spiegatece vualtri - una de quesse disse -

 

perché io non putrìo èsse ‘na bella misse.

 


 

Chi ha decisu pe il limite de 25 anni,

 

Toccafondo o il sindaco Ragni?

 

Che sci era pe il vicesinnico Tesei,

 

ce stera be’ pure una da quarantasei!”

 


 

Ma dico io: fra le tante more,

 

non ce stacia be’ pure a moje de Fiore?

 

Ma, se dice che pe mettela fòri gara,

 

c’è stata fatta pure ‘na cagnara!

 


 

Ve dico a verità è statu u maritu

 

che, daje e daje, s’è ingelositu.

 

Ha dittu: “basta non tu consento,

 

gimmo sempre a fini’ su u testamento!

 


 

So’ stufu dell’altri che parla e mette l’occhi

 

sempre su a moje de Marco Finocchi!

 

E’ ora che facimmo i patti chiari,

 

sci voli sfila’, sfili… ma gioppe i filari!

 


 


 

9. U palazzu de Sanso’ DAMIANO

 


 

Non passa n’istate che lì a chiesa de San Francesco

 

non ce se fa ‘na mostra co tantu de rinfresco!

 

Bisogna esse, però, cumu al solitu degli esperti,

 

pe capi’ il maestro che se chiama Garimberti!

 


 

Una mostra come mai l’avete vista”

 

Dicìa in giru u farmacista!

 

Quanno so’ boccatu … che meravija!

 

Aìa espostu l’album de famija!

 


 

Po’ m’ha dittu: “Te voli fa’ ‘na foto?

 

magari ‘n ingrandimento?

 

Prego accomodate: euro 1800!”

 

No grazie – j’ho dittu - mica so matto,

 

Primetta co 5 euri me ne fa quattro!”

 


 

Comunque l’artista ha apprezzatu u paese.

 

Ha dittu bellu il panorama e belle ste chiese,

 

ma a cosa che più je piacìa

 

è statu u palazzu di fronte a farmacia.

 


 

Fra le tante cose, j’è piaciute soprattuttu

 

le riprese su u muru fatte co u stuccu!

 

Tutti li belli ghirigori …

 

Robba da veri intenditori!

 


 

Ha dittu: “Che bello quel palazzo, è di stile rococò?

 

No, no! Ha respostu il sinnico: “E’ u stile de Sanso’!”

 


 


 

10. A Giunta in Polonia ROSARIA

 


 

Ce s’era preparatu a partì da maggio,

 

pe stu importante gemellaggio;

 

ma quanno ha saputu che duìa pija’ l’aeroplano,

 

ha dittu: “Getece vuà per me è un po’ troppu lontano!”

 


 

Ma alla fine s’è fattu convince da Rosaria

 

e s’è decisu a fa’ il battesimo dell’aria!

 

Ha dittu al suo vice: “Non me lassa’ da sulu,

 

che io c’ho na gran pippa de … culu!”

 


 

A ogni vòtu d’aria discendente,

 

tirava a cordella de u salvagente!

 

Nti ‘na ma’ tinìa u santu dell’avviatori,

 

nti l’altra i santissimi … suoi protettori!

 


 

Finalmente arrivatu a terra s’è inchinatu

 

e, cumu il Papa, il suolo di Polonia l’ha basciatu!

 

Sulu dopo che s’è accortu che era belle e toste,

 

ha basciatu, una per una, tutte l’ hostes!

 


 

U problema s’è presentatu po magna’:

 

5 magnate al giorno je facìa fa’.

 

J’ha fattu magna’ a colazio’

 

l’òu sodu a bagnu nti u minestro’.

 


 

A pranzu i tajulì che gèra a galla

 

lì un piattu pienu … d’acqua calla!

 

J’ha dittu: sci non ve aggrada magnate pure

 

e salcicce! C’è de tutte e misure!

 


 

Sarrete matti, io ne magno quesse”

 

dicia Toccafondo … ma prima che beèsse!

 

Po’, vistu che era invitatu, pe non fa’ figuracce

 

s’è missu a magna’ pure lu le salcicce!

 

 

 

e pe mannalle gio’, le salcicce nere,

 

daje che biìa ‘n antru bicchiere!

 


 

Bée il sindaco, bée l’assessore, il vice non so fa di’,

 

a giunta era al completo …ma sotto un taulì.

 

Biìa tutti, pure le belle consijere …

 

Sempre pe manna’ gio’ le salcicce nere!

 


 

E discurria: “De que sarrà fatte, ce piaceria sapello …

 

De sicuru non è maiale … sarra’ asinello!”

 

A ‘na consijera, no o dico pe scherzu,

 

momenti una no je se mette de traersu!

 


 

Il sinnico invece ha cambiatu colore

 

quanno s’è missu a balla’ co u gruppu del folclore:

 

illi girava da ‘na parte, a zocca je girava dall’altra versu …

 

Ha colcatu du polacche … de quantu era persu!

 


 

Quanno il sindaco è rigatu a 15 bicchieri,

 

quissi ha chiamatu a machina de i pompieri!

 

Per smorcia’ a sbronza del sindaco non basta poco

 

(ha dittu) tocca chiama’ i vigili del foco!

 


 

Parte l’autista e corre cumu un mattu.

 

Il sinnico sgaggiava: “Diteje de gi’ piano a su polaccu!

 

Pianu, che de curve ce n’è tante!

 

Va a fini’ che gimmo addossu a una de se piante!

 


 

Ma appena a machina è ripartita,

 

l’interprete ha dittu un po’ risentita:

 

Sindaco, CURVA è una parola da noi conosciuta,

 

ma sa che in polacco vuol dire prostituta?!”

 


 

Que è, que è, curva vole di’ prostituta?

 

Questa propiu non l’aìo mai sintuta!

 

Allora fermite un po’, lì nti stu piazzale,

 

che è mejo fassele a piedi … se curve …

 

Ché co a machina me po’ fa’ male!

 


 


 

11. E medaje d’oro DAMIANO

 


 

Ma u successu più strepitoso in Polonia,

 

l’ha fattu Lucia durante ‘na cerimonia.

 

J’ha fattu vede’ a tutti si polacchi …

 

il made in Italy … in minigonna e tacchi!

 


 

Il sindaco polacco j’ha fattu il baciamano per primo.

 

Il presidente j’ha fattu pure l’inchino,

 

ma quanno piegannose ha vistu le parde cosce,

 

j’ ha dittu: “Cocca, Solidarnosce!”

 


 

A u presentatore, muri’ mmazzatu,

 

pure un baffu je s’era indrizzatu!

 


 

Ma Lucia con fare molto educatu

 

ha volutu anche essa partecipa’ a u giocu su pratu!

 

Non te dico i polacchi a ride per terra, stisi,

 

quanno essa ha dittu: “fo il sollevamento dei pisi!”

 


 

Ce ridia tutte se polacche toste e tignose,

 

capirai mancu era invidiose!

 

Do’ va quessa – dicia - … la bella Lulu’!

 

Sulu ‘na cosa essa po’ sape’ tira su!”

 


 

Lucia prima ha cantatu Volare con bel sorrisu,

 

po’ ha tiratu su … ottanta chili de pisu!

 

Il sindaco de Zamosc ha dittu: “Mèi cojoni!

 

Quessa se merita pure a coppa dei campioni!”

 


 

N antru po’ je ne da’ una doppia,

 

quanno co Simona ha gareggiatu in coppia!

 

Tutte e due ha fattu a corsa co u canestrellu de cipolle.

 

E’ rigate ultime: co Simona longa su u pratu molle!

 

 

 

I polacchi, u mutivu o sa’ di’ loro,

 

j’ha datu pirùna … tre medaje d’oro!

 

Al vicesindaco, invece, primu lì u giocu du ferru de cavallu …

 

L’ha mannatu via, senza mancu salutallu!

 


 


 

12. I ladri da Don Giovanni ROSARIA

 


 

O sapete tutti, mia brava gente,

 

ormai è un fattu piuttosto ricorrente.

 

Ogni annu, sia dittu senza offesa,

 

tocca a racconta’ de i ladri lì a chiesa!

 


 

È boccati i carabinieri lì l’ufficio de don Giovanni:

 

Maria Santissima, que ha fattu, un macello de danni!

 

I ladri ha buttatu peraja dappertuttu,

 

ha apertu pure ogni cassittu!”

 


 

Ma no - j’ha respostu u sacrestà -

 

Chi è cumu sempre, lassate sta’!

 

I soldi, je l’ha fregati su l’appartamento …

 

i ladri è bboccati propriu là drento!

 


 

Non ha duutu mancu butta gio’ a porta,

 

peresse c’aìa a chiave de scorta.

 

È boccati lì a cammora da lettu …

 

Calmi calmi ha apertu u primu cassittu …

 


 

Cercanno tra e mutanne du prete,

 

ha troatu … que credete!?

 

Robba vecchia e mai usata…

 

Calzitti, camisce, ‘na pancera anco’ incartata!

 


 

Ma fra o mezzo, senza mancu cercalla tanta

 

ha stroatu ‘na mazzetta de banconote da 50!

 

L’aìa messa lì pe pagacce a pulizia da sagrestia

 

E invece, ha dittu: “C’ho pagatu a pulizia …

 

ma dell’appartamento mia!”

 


 


 

13. Don Don Don DAMIANO

 


 

A Chiesa accoje tutti, giusti e peccatori.

 

È che de solitu i secondi c’ha postu dentro,

 

i giusti invece rmane de fori!

 


 

Ma non sia dittu pe stu paese.

 

Nuà, infatti, l’immo fatte grosse e chiese.

 

E allora, rèprobi e santi …

 

Bocca drento tutti quanti!

 


 

C’è stata grande commozio’ e anche rèssa,

 

quanno ha festeggiatu 50 anni de di’ messa!

 

A festeggia’ il vero pastore,

 

c’è vinuti pure il Vescovo e un monsignore!

 


 

È statu un prete di grande cuore:

 

ha adorato santi, sante e … signore!

 

Non ha mai adorato il vile denaro,

 

de quello dell’altri però … non è mai stato avaro!

 


 

A spettallu fòri… Tanti amici cari …

 

Tutti quilli che j’ha fattu i regali!

 

In tuttu sarà stati guasci na trentina,

 

l’azionisti de a Banca della Vallesina!

 


 

C’era quilli che j’ha compratu i quadri,

 

prima che ce fosse passati i ladri.

 

Gli artigiani, che pe avelli fatti lavorare,

 

è venuti apposta a Staffolu a ringraziare!

 


 

Adesso che cumu nostro Signore è poveru,

 

fa u prete nti un ricoveru.

 

Vole venì a Staffulu a di’ e messe,

 

ma è mejo de no … tante ò qualchidu’ je menèsse!

 


 


 

14. Il matrimonio dell’anno ROSARIA

 


 

Marco me raccomanno – j’ha dittu Lavinia – fa’ a lista!

 

Ma non chiama’ sulu quilli de u Partito Socialista!

 

Ché scinno’ a u matrimonio tabula rasa

 

Non te ce vène mancu illi de casa!”

 

 

 

E’ statu, cumu se dice, un matrimonio co i fiocchi,

 

non putìa esse diversamente, fra Lavinia e Marco

 

Finocchi!

 

Ma fra tutti li festeggiamenti

 

de politica, non pulìa manca’ i commenti.

 


 

C’era un presidente che fra un ragionamento de partito

 

e un vi’ che, dicìa, sapìa de bisolfito,

 

brindava paonazzu co un calice de vino

 

a ‘na consijera … e a moje je stera lì vicino!

 


 

È vero che a moje era distratta

 

a senti’ parla’ u maritu de a Corvatta.

 

Che spiegava, da vero intenditore,

 

che a sape’ de bisolfito non era o vi’ de Fiore!

 


 

Il presidente cumu se non je freghesse,

 

ha mannatu alla consijera un essemmesse!

 

Ma a televisione non je dai retta?

 

C’è sempre qualchidù che te intercetta!

 


 

Fra o vi’, u partitu e altre cose …

 

J’ha scrittu pure parole un po’ scabrose:

 

A bistecca, a me me piace cruda …

 

Si mejo de a cugina de Lavinia … ella co a schiena nuda!”

 


 

Che ne dici sta sera fra un par d’ore …

 

De fa’ e stesse cose che fa Lavigna e Marco Fiore?

 

Tantu, fra un po’, mi moje va a durmi’,

 

che è cotta, … fra e chicchiere de Ciarpella e o vi’!”

 


 

Ma sa consijera non ha propriu gradito

 

e non sulu per divergenze di partito!

 

J’ha dittu: “Senti presidente, fatte passa’ i bollori

 

che chi non ce troi mica … Rubi Rubacuori!”

 


 

Però vua’ non pensate subitu male …

 

Perché u partitu du pilu è trasversale!

 

E allora, facimmo un sacrificio,

 

ve ne raccontamo ‘n’antra, per par condicio!

 


 

Ve recordate de ella che anno facìa a pista?

 

C’autu profferte da un puliticu leghista!

 


 

U maritu ha pensatu: “Quissi me frega …!

 

Va be’ che è un politicu e … è da Lega!

 

Ma prima de manna’ i messaggi a Luisa,

 

ho capitu che ce l’hai duru, … ma almeno ‘vvisa!”

 


 


 

15. Il naufrago DAMIANO

 


 

St’anno sci me mòo pe gi’ in vacanza,

 

vojo gi’ nte un postu do’ c’è eleganza!

 

Non me sposto da Staffulu pe riga’

 

al mare a Marina de Montemarcia’!

 


 

E po’, non me ne a de gi’ in giru da sulu…

 

Chissà a dillo a Pacì e Carlo de Palunculu?”

 

A casa sua, Aurelio, l’ha rdunati lì ‘na sera

 

e ha decisu insieme de gi’ tutti in crociera!

 


 

Tre giorni dopo stèra già in mezzo al mare.

 

Sul ponte se sente l’altoparlante annunciare:

 

Il comandante avverte: attenzione!

 

Domani matina ce sarà la prova di evacuazione!

 


 

Al suono della campana velocemente

 

metteteve tutti u salvagente!

 

E po’, ordinati e allineati come in truppa,

 

metteteve a sede’ drento na scialuppa!”

 


 

Carlo ha dittu a Paci’: “Domatina, altru che evacuazione!

 

Nuà gimmo a fa’ un’escursione!

 

Però, me raccomanno, non te scorda’, avvisa!

 

all’altri dui: Aurelio e Marisa!”

 


 

Sulu che Pacì, impegnatu co la signora,

 

quanno s’è svejatu de bonora,

 

non s’è ricordatu propriu più

 

de avvisa’ a Marisa e Aù!

 


 

Non era anco’ matina piena,

 

quanno se mette a sona’ a sirena!

 

Aù apre l’occhi e sgappa fòri da cabina:

 

Que succede non è mancu matina!”

 


 

Pe i corridoi currìa tutti cumu i scemi,

 

c’è chi sottobracciu tinìa pure i remi!

 

Quanno Aù vede tutta la gente

 

che va correnno co u salvagente …

 


 

A chi te raccomandi- dice - a San Biagio!”

 

Pensa: “Quistu è propriu un naufragio!”

 

Curri Marisa … curri a poppa,

 

che speramo de troa’ libbera na scialuppa!

 

 

 

Volèmmo fa’ ‘na vacanza scic,

 

e difatti facimmo a fine del Titanìc!

 


 

Quarantanni che non me mòo da a bottega …

 

O sapìo io, è a volta che me frega!

 

A prima ò che me metto in mare …

 

spettava a me pe gi’ a funnu sta nave!”

 


 

E’ sgappatu fòri da cabina,

 

cuscì cumu era gitu a durmi’a sera prima.

 

Sulu co e mutanne e a canottiera,

 

non era propriu in tenuta da crociera!

 


 

S’è missu a corre pe li corridoi,

 

co l’occhi e a lengua de fòri cumu i boi!

 

E co le mutanne, taja icselle,

 

je sonava u batoccu … e pure e campanelle!

 


 

Segnor, segnor, mucio elegante

 

- Je dicìa correndo un inserviente -

 

Stia calmo, senza emosiòn,

 

è solo una prueva d’evacuasiòn!”

 


 

Dopo tre ore, quanno ha vistu che anco’ stacìa a galla

 

C’ha utu a forza pe raccontalla:

 


 

Mmh!, A paura è stata tanta … da murì matti.

 

A paura de murì fogati cumu i gatti!

 

Pensao ai fiji, a Marisa, … la mia vita,

 

e a li stronzi de Carlo e Pacì che stacìa in gita!

 

 

 

Me vidìo già in mezzo all’acqua, porco cane,

 

e nturnu che me girava un pescecane!

 

A paura è stata grossa, ma più che a morte …

 

Pensao au Rolex che aìo lassatu drento a cassaforte!”

 


 


 

16. La Banda de devoti ROSARIA

 


 

Issi da Banda è brai e devoti,

 

tantu ch’è giti in Portogallo facenno i voti!

 

Facimmo i brai, gimmo a cenne ‘na candela,

 

prima a Lourdes, po’, a Santiago de Compostela!”

 


 

Ma quanno è rigati in Portogallo …

 

Que votu ho fattu? Vatte un po’a ricordallo!

 

A nuà ce piace a gente de sti paesi …”

 

Dicia Damiano e Guido …davanti a du more portoghesi!

 


 

Mentre c’era unu che girava un girarrostu

 

co un maiale cottu, oramai quasci arrostu!

 

Guido, co un occhiu, guardava a porchetta

 

e, coll’altru, fissava na moretta!

 


 

Po’, dicìa cunvintu Guido,

 

È propriu bòna, … io me fido

 

Io ste cose e capìscio a vista …

 

So’ n’esperto de maiale e de pista!

 


 

Ma tocca sta attenti a quillu che gira, o vedo …

 

Non vurrio che, invece de a porchetta,

 

ce dèsse o spiedo!

 

Io ste cose e capiscio a occhiu,

 

a quillu, co a porchetta…

 

je ce piace pure o finocchiu!”

 


 

Ma quillu mentre girava u spiedo lentamente

 

j’ha dittu: “Stai munto attiento Presidente!

 

Sci continui a guarda’ sa portoghesa

 

su u spiedo ve ce metto a Luisa e Teresa!”

 


 

Ma nua’- ha ditto Guido - mica simmo scemi …

 

non te ce mala’ parè, quissi non è problemi!

 

Fa’ cumu voli, basta che e moji non ce scopre,

 

che nua’… te ce pagamo pure sopre!”

 


 


 

17. Olive padane DAMIANO

 


 

Sempre pe guadagna’ qualchicco’,

 

s’è ingegnatu cumu al solitu Fronzo’.

 

Stufu de gioca’ sempre co i martelli

 

a ciacca’ e noci e … i giocarelli:

 


 

Gimmo in Pianura Padana

 

a venne e patate e l’ulìa ascolana!

 

Sta òlta famo e cose cumu se deve,

 

gimmo a guadagna’ qualco’ … no a fa l’opere de bene!

 


 

Non te ricordi cumu l’altra òlta è gita?

 

Che a Bologna, l’ulìa era già tutta finita?

 

Pe strada unu ssaggia, unu taja …

 

a fine era rmassa sulu a carta paja!

 


 

Pe non sta sempre, po’, a ripete lu fatto vecchio …

 

su que fine avrà fattu la dama de Verdicchio!

 

A Guido, dimoje che sta olta chi’

 

immo portatu sulu l’acqua e non o vi’!”

 


 

E invece s’è ripetuta a stessa storia …

 

Co Guido che 9 òlte ha giratu ‘nturnu ‘na rotatoria!

 

J’ha toccatu a cala’ gio’ e, a machine ferme,

 

pe capi’ ndo cazzu se gèra pe Darfo Boario Terme!

 


 

Po’, quanno è rigatu in terra della Lega …

 

C’ha troatu però ‘na bella béga!

 

Ma io n’a racconto pe non faje un tortu …

 

sci no me mazza prima de esse mortu!

 


 


 

18. La campana del villaggio DAMIANO

 


 

Que sta a fa’ sta campana chì,

 

sopre stu vecchiu tauli’?

 

Ve domannerete certamente

 

Staffula’ mia brava gente!

 


 

Mèmore dei tempi del diciotto,

 

quanno gettero a pija’ i tubi dell’acquedotto,

 

sulu co u somaru e, u carrittu nemmeno,

 

e se troarono tre chilometri de tubi, sopra un treno!...

 


 

C’ha pensatu be’ sta òlta Dolciotto

 

prima de gi’ a pija’ a Jesi a campana de coccio!

 

Gimmo giò co u cammiu del comune scarcu,

 

- ha dittu - ce portamo du operai, u bracciu

 

e pure a Marco!

 


 

Que ne sai te la campana quantu sarà grossa!

 

Daje maestranze, dammose ‘na mossa!

 

Mica putimmo gi’ a pija’ ‘na campana de coccio

 

co un somaru e un biroccio?!”

 


 

Aìa fattu postu pure bembe’ lì u capanno’

 

pe mettece, giustu giustu, stu campano’!

 

Pensa quantu era stati brai …

 

Aìa spostatu pure e machine l’operai!

 


 

Ma quanno l’ha vista cusci’, momenti non casca;

 

ha pensatu: “Tocca a nisconnela lì l’ufficio de Marasca!

 

Ché de sicuru nisciu’ a stròa lì drento!

 

Cusci’ stanno ma scampo da u testamento!

 


 


 

19. La patente DAMIANO

 


 

Porco cane me so’ persu a patente …

 

Ade’ al sinnico chi u sente?

 

C’aio pure a patente dei pulmini …

 

Mo, chi i porta a casa i “bambini”?”

 


 

Con santa pazienza e … tantu giramento

 

è gitu a fa’ a denuncia de smarrimento.

 

Il maresciallo j’ha dittu: “Dimme te

 

c’ aìi a patente A, B, C, D o E?”

 


 

Minimu minimu era tre, se non me sbajo,

 

te scrivi, che po’ controllo mejo!”

 

Ma quanno va alla Motorizzazione,

 

se ccorge che de patenti ce n’ha due sole!

 


 

Torna su a caserma dei carabinieri,

 

dice: “So’ vinutu a corregge a dichiarazio’ de ieri”

 

Te ce vòle ‘n’antra pratica - Je responne il Maresciallo -

 

Tuttu l’iter te tocca rifallo!”

 


 

Que dici te … me voli da’ ‘na sòla …

 

Io c’ho da porta’ oggi i pulmini da scòla!

 

Non posso perde tempu, devo esse in orariu,

 

che chi u sente lu pallusu de u segretariu?!

 

 

 

Senti un po’ Marescia’, a pensacce be’ …

 

Dammeli un po’ si documenti, dammeli a me!

 

Ché, capisceme, non è pe scortesia …

 

Ma famme gi’ a parla’ co illi de a Polizia!”

 


 


 

20. L’usu capione! ROSARIA

 


 

Quella de Totò a Roma… c’ha ricordamo?

 

che vulia venne a fontana de Trevi a ‘n americano?

 

Beh! Sci Roma è caput mundi

 

Staffulu è subbitu secundi!

 


 

Na signora de Staffulu a vénne ha proatu

 

un appartamento che era già affittatu.

 

All’acquirente j’ha fattu vede’ l’appartamento

 

mentre l’inquilino stèra, ovviu, già drento.

 


 

Al dunque, alla signora, st’acquirente

 

j’ha dittu, in modu innocente:

 

Ma io, u prezzu l’ho già trattatu …

 

Anzi, simmo già d’accordu: è compratu!”

 


 

Ma mi scusi - j’ha respostu - bisogna che me perdona,

 

ma con chi, sci so’ io a padrona!?”

 


 

Ecco allora che riga, facenno un gran casino,

 

pàciu pàciu, lu mariuolu dell’inquilino:

 

Te sei a padrona? Ma quando mai? E chi l’ha detto?

 

Io so’ u padro’, che chì ce magno, ce piscio e ce vo a letto!

 


 


 

21. Ancora Pro Poco! DAMIANO

 

 

 

Intantu a Staffulu a Pro Loco

 

Pare propriu che non stroa loco.

 

Era partita co e mejo intenzioni,

 

tocca a rfa’ invece l’elezioni!

 


 

Pe ‘na olta che aìa troatu peresse

 

du belle presidentesse…

 

Chi era a mejo facia a gara

 

è gite a fini’ che ha fattu cagnara!

 


 

Que sara’ successu, nisciu’ o sa.

 

Ma co du prime donne è sempre un can can!

 

Io no so’ si c’ha raccontatu storie vere,

 

io posso di’ sulu quello che ho pututu vedere!

 


 

È gite al mare insieme addirittura!

 

Pe pija’ tutte e due l’abbronzatura!

 

Ma ce sara’ statu qualche imprevistu

 

Perché a vedelle u sole non l’ha mancu vistu!

 


 

Po’ ugnuna pe cuntu sua a casa è tornata.

 

Una ha dittu: “U sòle mancu mezza giornata!”

 

L’altra tutta nera, j’ho dittu: “Che abbronzatura!

 

Nooo! So nera perché so incazzata dura!”

 


 


 


 

22. Chi paga? DAMIANO

 


 

A propositu però de belle signore

 

a Staffulu ce ne sta che se fa’ onore!

 

Sulu che non je basta l’apprezzamento de i paesi,

 

vole gi’ a fa’ e belle pure a Jesi!

 


 

Je tocca a gi’ntel bar della città

 

pe fasse vede’ e pe fasse nota’,

 

ché a Staffulu sci sgappi prestu oppure tardi,

 

non ce n’è rmassu mancu unu che te guardi!

 


 

Ah, sti posti no i tròi certo nti i paesi!

 

Simmo lì u postu più scic de Jesi”

 

E sedute con grazia al bancone

 

facia sicuru un gran bel figurone!

 


 

Appena bocca du gagà jesini:

 

A ste signore possiamo offrire un Martini?”

 

Dopo un po’ riga un rinomato ingegnere:

 

Posso offrire a entrambe n’antru bicchiere?”

 


 

Eccote po’ l’avvogado jesino

 

che offre alle signore nu spumantino.

 

Poi arriva il professore insigne:

 

Pago io: du capirigne!”

 


 

Quanno cumincia a fasse sera,

 

tutti via, a casa, è ora de cena!

 

Però, che omini, che cortesia,

 

anzi che a tròi a Staffulu sta galanteria!”

 


 

Scappate dal bar verso San Pièdro,

 

vede u barrista che je curria dièdro:

 

Signore belle, tornade un po’ chi!

 

Tutti lèsti a beve, ma nisciu’ a tira’ fora i quadrì!

 

Ade’, senza offesa, sapede,

 

tocca a vu mette le ma ‘ntèl portamonede!”

 


 


 

23. Quanno se rompe … se rompe. DAMIANO

 


 

Ce sta’ li giorni propriu del càulu,

 

che te vene da di’: porco diàulu!

 

E quanno po’ te pija propriu male,

 

al massimu dirai: porco maiale!

 


 

O te pole sgappa’ dittu de ‘nfiatu:

 

porco il mondo latru!

 

E sci non te convinci,

 

rimedi co un porcoddinci!

 


 

Ce sta quilli che invece smoccola:

 

porca della porca zoccola!

 

Ma quanno propiu scòde u signu

 

e dimmo tutti senza ritegno:

 


 

cuminciamo da educati co un porcobboja

 

pe riga’ a di’ porca troja!

 

Che sia dittu senza offesa pe la donna

 

è sempre mejo che tirà gio’ na … colonna!

 


 

Po’ sci è tu moje a fatte veni’ la paranoia,

 

ce pòle pure sta’: porca della puttana troja!

 

E sci invece a rompe è propriu i fiji

 

ma dico io… con chi ta piji!?

 


 

Ma u prete sull’altare … sputa casu,

 

mentre predica je se rompe …un vasu.

 

Oppure anche sci è un casu raru,

 

je se po’ rompe un preziusu candelabru!

 


 

E allora tutti vua’ ce chiedete,

 

ma que avra’ dittu sull’altare u prete,

 

quanno a cascaje da e ma’ daéro

 

è statu un candelabru de cristallu vero?

 

 

 

Quanno ha vistu, boja de un ladru,

 

per terra a pezzi lu candelabru?

 

Alzando gli occhi al cielo, afflittu

 

tutti ha pensatu: adè tira gio’ pure u suffittu!

 


 

E allora ecco chi s’è missu e ma’ su i capiji,

 

chi ha tappatu l’orecchie ai fiji …

 

Chi è sgappatu da a chiesa veloce …

 

e chi s’è fattu, al contrariu, u signu da croce!

 


 

Invece non ha dittu coè … zitti!

 

Ma i denti i tinìa belli stritti.

 


 

E co a faccia roscia de rabbia

 

de sicuru Dongi ha imprecatu: “Porco Barabba!”

 

E po’ pensanno: “ce ne vòle una più secca, che me juda!”

 

Avrà dittu un più canonicu: “porco Giuda!”.

 


 


 

24. Il presepio e i magi ROSARIA

 


 

Non ce venite mancu pensanno

 

de fallu dentro a chiesa cumu anno!

 

Stanno carissimi fratelli famo i gnorri

 

u presepiu ciu’ famo fa’ dal Sindaco Ragni!

 


 

Che grossu cumu anno, per favore

 

n antru po’ ce vole il piano regolatore!

 

Dopo, te Pagnotta, … dici, dici …

 

Ma non me pari lestu a pagà l’I.C.I.

 


 

Non s’è fatu di’ cojo’ il sinnico Ragnu!

 

Di fatti, all’ultimu, ha mannatu un comannu.

 

Ordina: “Fatelu, ma senza fa’ cagnara,

 

tutti e tre: Togni, Fefo e Pollonara!”

 


 

Guerrino, Maccio’, Franci’… tutti a guarda’.

 

Dicia: “Vulimmo vede’ sci o sa fa’!

 

In mezzo se mette a Sacra Famija col bambinello.

 

Po’ più dietro il bue e l’asinello.

 


 

No! Adè no i re magi! Che quissi

 

Dietro, più dietro, va missi!

 

Loro riga quanno riga a Befana,

 

all’ultima settimana!

 


 

Ah, a me non me frega coè, te dirò

 

-dicia Pollonara - io u postu no ju fo!

 

Io vojo a gente che se sbriga,

 

n’antra ò mpara: prima riga!”

 


 

E difatti i magi non ce stera e chi vede’ i vulìa

 

duìa gilli a stroa’ lì a sacrestia!

 

Ma subbitu è vinuta n’idea a Gajardì.

 

J’ha dittu: “Don Gioanni veni un po’ chi!

 


 

O sai que se pole fa’ anche? …

 

I magi i pulimmo mette sparsi oppe e panche!

 

Cuscì quanno bbocchi, a chiesa fa più scena

 

e a gente je pare più piena!”

 


 


 

25. Maratona ROSARIA

 


 

Ma a mejo l’ha pensata Pollonara,

 

quanno è gitu a parla’ co a macellara.

 

J’ha dittu: “Vojo parla’ co a titolare,

 

che c’ho pe e ma’ un bell’affare!

 


 

Orietta, te do na nutizia scioc:

 

vojo gi’ a fa a maratona de Nu York!

 

Che sci rigo all’arrivo sotto u striscione …

 

tutti me vedete su a televisione!

 


 

Però… de ‘nu sponsor c’ho bisogno,

 

che me porto dietro pure al Togno!

 

Me metto na scritta tutta intera,

 

davanti e pure dietro a canottiera!

 


 

Ma a macellara quanno l’ha vistu tuttu sfasatu

 

J’ha dittu: “Te que me sponsorizzi o castratu?”

 

Te non capisci coè … io posso fa a reclàme,

 

ha respostu lu … de na mejo marca de salame?”

 


 


 

26. Finale

 


 

E vistu che l’immo raccontate tutte per intero,

 

ve chiederete quantu ce sarà de vero.

 

Ma non ce domannate ndo l’immo attinte,

 

perché e storie de u testamentu è tutte finte!

 


 

E anche sci è cundite con piccanti salse,

 

è storie finte … ma de sicuru non è false!

 


 

Va be’, e con questa immo finitu.

 

Anche pe stanno u testamento è gitu.

 

Adè, cumu u prete a fine messa, ce simmo decisi

 

de leggeve anche st’ultimi importanti avvisi:

 


 

Siccumu ieri era l’8 de marzu,

 

o dico io senza tantu sfarzu,

 

che la donna è na cosa grandiosa

 

basta a pensa’ sempre a la cosa!

 


 

A essa duimmo porta’ grande rispettu,

 

anche quanno c’ha più de un difettu!

 

E citanno i versi de un grande poeta

 

che tuttu sapìa, ma era analfabeta:

 


 

d’inverno, quanno cala la notte e fòri gela

 

e nel cielo splenne appena una stella…

 

Basta che smorci a candela

 

che pure a donna più brutta diventa bella!”

 


 


 

27. P.S. ROSARIA E DAMIANO

 


 

Ricordamo a tutti che a prossima festa

 

stu mese riga propriu lesta.

 

De sicuru con grande sfarzo

 

festeggeremo tutti il 17 marzo!

 


 

A festa dell’Italia Unita!

 

Speranno de rigacce prima che sia sparita.

 

Insomma speramo che bene o male

 

quessa dell’Italia sia a festa e non u funerale!

 


 

A propositu il comune ha mannatu l’inviti,

 

pe a festa … chissà si è stati tutti spediti?

 

C’era scrittu interverrà tiziu, caju …

 

non ce stèra, de sicuru, mancu nu sbaju!

 


 

Po’ figuramoce, st’invitu a controllallo,

 

ce s’è missu il carabiniere scelto Mosca Giancarlo!

 

J’ha dittu guardene unu, ché l’altri è fotocopiati!

 

No, no. – ha respostu lu – tutti va letti e controllati!

 


 

Caperai, sbaja u prete sull’altare, se dice

 

figuramoce na fotocopiatrice!”

 


 


 

E anche scì de sti tempi, de ride pocu ce sarrìa,

 

a tutti quanti un salutu e l’auguriu de tanta

 

Allegria!

 

 

Staffulu, li 9 de marzu dell’anno 2011

 

Firme:

 

 

A firma de u notaru Palummu


è quella gio’ u funnu.

 

A firma più bella de sicuru

 

è ella de Rosaria de Tamburu.

 

Chi l’ha scritto e non l’ha letto

 

Non firma perché interdetto!



 

 

PROGRAMMA:

SABATO 05 MARZO 2011

Ore 21,15 Sala Polivalente:

Commedia Teatrale "E' UNA TRAGEDIA"

Compagnia Acchiappasogni Regia di Adrea Bartola 

INGRESSO € 5,00

DOMENICA 06 MARZO 2011

Ore 16,30 Sala Polivalente:

CARNEVALE DEI BAMBINI

Musica e animazione per ragazzi

MARTEDI  08 MARZO 2011

Ore 16,30 Sala Polivalente:

CARNEVALE DEI BAMBINI

Musica e animazione per ragazzi

MERCOLEDI 09 MARZO 2011

Ore 21,15 Sala Polivalente:

Intervento chirurgico a RE CARNEVALE

Lettura del Testamento

Funerale e cremazione di RE CARNEVALE