CARNEVALI Carnevale 2010
Carnevale 2010 PDF Stampa E-mail

Video testamento.

Testamento di Messer Carnevale Carnevali

Versione integrale

 

Castigat ridendo mores

 

NELL’ANNO DEL CARNEVALE 2010

In nome del Popolo e così sia!

Addì, i 17 de febbraio dell’anno 2010 alle ore 21,00 e … qualchecco’.

Avanti a me notaro pubblicu,

natu ‘nte stu paese,

co’ a presenza dei testimoni, scritti giò funnu, se presentava de persona

Carnuale Carnuali

a me notaro pubblicu, conosciutu …mutuè.

Che pensanno a certezza de a morte sua e a u periculu dell’ora, sanu de tutti i

sentimenti dell’anima e de u cervellu, benché malatu de corpu,

de testa sua ordina e lassa scrittu ello che vene appressu:

ATTENZIONE, ATTENZIONE…

Parla qui Carnevalone

che in procinto di morire

qualche cosa vi vuol dire.

E’ uno scherzo preparato

dai cronisti e il comitato,

qui nessuno è compromesso

chi si offende è un gran fesso.

A chi tocca, a chi non tocca

ve lo dico con la bocca.

Chi se stizza non fa niente…

dia la colpa al Presidente.

Ve lo dice Carnevale…

ogni scherzo e burla vale.

Quel che ho da dir, io lo proclamo…

state a sentir che incominciamo…

Il notaio

Come avrete già notato,

quest’anno qualcosa è cambiato.

Purtroppo non è un dettajo,

ma prima de Re Carnuale è morto il notaio!

Semo tutti dolenti e affranti,

partecipamo a u cordojo tutti quanti.

A sintì lì a piazza stamatina

a mazzallu è statu de sicuru a suina!

Io che so’ a segretaria ce vo’ co i piedi de piùmmu,

ricordanno la bonanima de Palummu!

Ma se propriu déo parla’ paru paru,

più che un porcu, è mortu un somaru!

Tantu pe comincia’ … Differenziamo?!

Sta mondezza tutta do’ a portamo?

Simmo tutti disperati

co sti sacchitti separati.

Loro te dice CISiamo

e nuà pagamo.

Ma stu sindaco que vole fa

cià vole fa’ magna’?

Ha fattu porta’ via i cassunitti

li pochi che c’è rmassi c’ha missu pure i lucchitti.

Ma!... suppe il corso non te poli presenta’

c’è i sceriffi su a piazza che te da’ l’altola’!

Da fuma’ no o poli compra’,

o pa’ non se pole pija’

Se vai a compra’ na cannottiera,

se commeda subbitu a visiera,

po comincia a spedeca’

e lu fojetto propriu te vole stacca’.

La sicurezza

.....

Il defilé

J’ha dittu: “simmo stufi de e solite feste;

soliti balli, solite magnate, solite teste!

Fate qualchicco’ de più fino, piu’ de particolare

… na cosa più intima, meno popolare!”

Ma non poli di de intimo che te pija subitu a parola.

Il sindaco ha pensatu: un defilé de moda.

Je s’è illuminata a mente,

que c’è de più coinvolgente?

I compari la stroàti inti ‘n secondo:

unu è Luca Toccafondo.

L’altru chi è? A pensallu ce vole un po’…

Vu dico io: è u cuàffeèr de Sanvitto’!

“Me raccomanno – dice u sinnico - e ragazze e vojo belle.

alte, gioani e snelle!

E scejo io che so’ n’omo de mondo,

… non me posso fida’ de lu Toccafondo!”

Parìa de sta in televisione.

C’era pure due presentatrici pe l’occasione!

A gente facìa a cazzotti pe bocca’ …

tutti da sotto u palcu e vulia sta a guarda’!

“Que madonna sarrà state, nete vistu mai coè?

Sci … belle fije, gioinotte, da defilé,

a me me pare un po’diperite!

quattro sbiascinelle, pure patite!”

“Quantu era mejo se su a passerella

facia sfilà a me, Simona e Barbarella!

Dicia impippate mancu poco

se donne del comitato de a Pro Loco!

Cosce lunghe, carne fresca, abbronzate …

Però, a vedelle camminava un po’ sciancate!

Non c’ha stile, è troppo smagrite

una c’ha pure a cellulite!

A cunti fatti: non era mancu belle!

A dillo era e moji, … co a taja XXL!

Ma a sorpresa duia riga’,

bastaa sulu sape’ spetta’!

All’improvvisu que tira fòri Sanvittore?

Fa scappa’ su a passerella… a moje de Fiore!

“Guarda che robba, che tondo!”

Gridò l’assessore Toccafondo!

“Guarda te che gnocca!”

(a momenti non se pija un boccato’ su a bocca).

Al sindaco che apprezzava cumu era fatta,

je tirava … pure u nodu de a cravatta!

E quanno ha scopertu che portava a quinta,

ha cominciatu a tiraje pure a cinta.

Chi s’è persu per disgrazia u defilé,

su pò pure, rgi’ a vede’.

A moje de Fiore co u nuovo look

A potete vedé sul u sito de Facebook!

L’incrocio

Tocca sta attenti ade’ co se pari opportunità.

‘Na donna, bella o brutta, na poli mancu guardà!

Non ne parlamo po’ de toccaje qualco’ de particolare

che vai dentro, senza condizionale!

Sarà pe quesso che a detta dei giornali,

dice che va tantu de moda i transessuali!

Pe u paese gira un parde nòe:

se sa che quanno trona, da qualche parte piòe!

Pare che a giunta co i dipendenti comunali,

è giti a cercasse esperienze speciali!

Ha invitatu un po’ de donne a cena:

menù di pesce tutto al lume di candela.

Ostriche, sciampagn, cozze e pannocchie

Occhiolini, sussurri inti e recchie!

Duìa esse ‘na serata molto speciale:

c’è gitu pure u segretario comunale!

Ma quanno era ora de e conclusioni,

ha fattu tutti a figura de i … cojoni!

E donne è partite satolle e soddisfatte

ringrazianno pe a cena e per le chiacchiere fatte!

U segretario c’è rmassu cusci’ male:

“Non doveva finire così, non vi pare?”

“Certo, dice u sinnico, non ne valia propriu a pena,

immo spisu un mucchiu de soldi pe sta cena!

Mo’ que famo pe fasse smorcia’ le voje,

mica me toccherà gi’ a lettu co mi moje?!”

Dice il vice: “vistu che stammo chi a Rocca,

gimmo a fa’ un giru, sulu pe vede’ qualche gnocca!”

“Venete reto a me - dice Pollonara - che io c’ho nasu,

pe e donne so’ cumu u ca’ da tartufu!”

Quanno gira a u biviu de a Rocca:

“Guardate che stanga, che bocca!

“Scii …, guarda mejo, sull’l’incrocio,

gimmo via, che quillu è un frocio!

Pacì…fista

Ve racconto que è successu all’ultima elezione,

allu poru Pacì e a quilli dell’opposizione.

Al momento che se stava pe fa u conteggio,

tutti s’era mucchiati dentro u seggio!

Sèmmo pochi a sinti’ i risultati,

cumu sempre ce sèmmo radunati!

L’ultimu a riga’, è statu Dolciotto

È boccatu zittu e chiotto.

Mancu dentro u seggio ce mette i piedi,

eccoli, che te riga du finanzieri!

co a faccia scura cumu i tòri,

a Pacì je dissero: “Lei, foriiii!”

Lu, è rmassu un po’ spauritu.

Que c’ha quissi u male du rabbitu?

“Que volete da me, so’ rigatu adesso,

perché l’altri sci e io no: que so’ u più fesso?”

Issu a ragio’ sua vulìa

e quilli de pisu u vulia portà via!

Subitu s’è lèata ‘na gran cagnara,

unu luccava, un strillava, mamma mia che casciara!

Pacì se svolta: “che modi sono questi!”

Risponne u finanziere: “zitto o la metto agli arresti;

lei di sicuro è un agitatore politico!”

“Ma que dialu dici? Io so Pacifico!

Tutti o sapimmo che lu è Pacifico.

ma per lu adesso u momento è critico!

Sta a combatte lì a casa de riposo,

certi giorni u vidi nte ’nu statu pietoso !

De quantu è straccu o vidi da a faccia.

Non vole gi’ più mancu a caccia!

Sarrà si vecchi che je fa pijà e madonne,

opure sarrà che combatte co ste donne?

Sta de fattu che, pe sta dietro all’una e l’altra cosa,

Rita è diventata più gelosa!

Pare che j’abbia dittu: “io so’ capace de fa un disastro

te porto a urologia e po’ te castro!”

A lista

A proposito dell’opposizione

pure quissi ha fattu na gran confusione!

Basta co e parole e con l’intenzioni,

adesso c’è da fa i fatti, simmo rigati all’elezioni!

Cumu sempre quanno se fa pe scherzo,

oltre ai due candidati c’è sempre un terzo.

Tutti vole fa’ il sinnico a parole

po se ritira appena pòle!

Ma sta òlta l’opposizione non fa scherzi.

cinque anni fa de voti troppi n’ha persi;

stanno facimmo ‘na lista vincente,

cumu simbulo ce mettemo: Biagioli presidente!

Decisero tutti quanti:

“mejo esse modesti, Sindaco Aquilanti!

Sotto a lu a lista è indifferente

cumu ce insegna il nostro Presidente!”

“Numero uno Aquilanti,

2,3,4,5 … ce n’immo tanti!

Ma Paolo que fa nell’attesa?

Non te preoccupa’ duìa gi’ a fa’ a spesa”.

“A dittu a Luigino ( a quillu de e bocce)

a lista è pronta ce l’ho dentro e saccocce!”

E quanno è rvinutu co e sporte piene

tutti je chiedia: “Li fatta bene?”

“Quete capitu, séte propri gnoranti”

Ha dittu a tutti Paolo Aquilanti!

“Io a lista non l’ho mai presa!

Quella che c’ho io è a lista de a spesa!”

L’ultimu giornu curria a cercà i nomi;

chiedi, domanna e telefona a Cesaroni.

“Quistu ce sta, quella pure ha dittu de scì,

quell’altru a moje c’ha da sinti’.

Alle dieci de sera Paolo era il candidato;

un’ora dopo u nome sua è cancellato.

“Se propriu devo fallo io - dice Morici -

me me costa un saccu de sacrifici!”

Insomma a matina alle otto e venti,

il capolista n’antra òlta era Aquilanti!

Ce starrìa be’ pure na bellona!

Volemo chiamà a Beccecona?

Mo’, però c’è troppa abbondanza …

Pe comannà basta e ‘rvanza.

Ce n’immo uno de troppu,

perché Pannichella vale duppiu!

Riassumendo, simmo in tutti nove.

A lista è pronta, chi non ce piove.

Mo’ il giudizio spetta all’elettorato,

l’esito, se sa, … era scontato!

L’incidente

Rvenìo a casa ‘na sera, era scuru.

Gèro piano co a machina vulìo gi’ sicuru.

Lì na curva, dopo un dossu,

non c’era ‘na machina dentro un fossu!

Madre santa, chi è gitu stortu?

Speriamo che non c’è scappatu u mortu!

Me fermo da ‘na parte spauritu.

Piano me vicino preoccupatu

e chiamo: “responnete, ve sete rutti l’ossa?

fateve vedé almeno co ‘na mossa!”

Vistu che a mossa na facia

Telefono a a Croce Rossa lì a segreteria

a più brutta sci non se sbaja

mannerà na machina co Franco Pazzaja!

Mancu fo a tempu de di’ sta parola

che qualchidù se mòe po’ scappà fòra.

Que fai, sta bonu, si c’hai qualco’ de ruttu?

Sci – responne da lontanu- mica so’ mattu!

Mejo me roppo tutte l’ossa,

piuttostu che gi’ gio’ co a croce rossa!

Prurito

Tuttu è successu lì u ristorante de Danilo.

Va racconto para, pe segno e pe filo.

Una signora seduta al tavolo giò in fondo

chiamava a gran voce Toccafondo.

visto che lei è così carino,

mi risolve un problemino?

Perché … è più de due ore

che c’ho un certo pizzicore!

ha cominciatu a pizzicamme

da a testa fino a giò e gamme:

“Signora se je pizzica non è un problema.

Je posso porta’ subbitu na crema!

E se propiu je pizzica da scortecasse…

pò gi’ lì il bagno … a grattasse!”

“Signora mia, che devo fa, qui diventammo matti!

Chi non ce n’è unu che non se gratti!

A chi je pizzica u nasu, a chi l’orecchie,

io da gratta’ de cose ce n‘ho parecchie!”

“a mo’ i vigili del foco troverà u motivu de stu pizzicore!

Tuttu se risolverà nel giru de poche ore!

Però, signora mia, si non me credete,

ve pizzica perché ete magnatu e mazzancolle co o pepe!

A settimana bianca

Dopo sta disavventura,

Danilo ha decisu qualche giorno de chiusura.

Dopo tanti giorni de lavoro,

finalmente un po’ de ristoro!

Chiuso per ferie, pronti via,

tutti a sciare in compagnia!

S’è decisu finalmente a chiude a cassa

e è giti tutti in Val di Fassa.

Su a machina cantava: “Tutti in montagna,

se scia, se bée e se magna!

Si po’ so brau cumu Alberto Tomba,

poesse pure che se _romba!”

“Sci, guanti, occhiali, scarponi,

ce sta pure Simona, senza fa i cognomi!

Appena rigamo in pista, promesso,

me butto senza mancu chiede permesso!”

Ma quanno s’è missu sulla pista,

a Simona mancu la più vista!

Ella sciava fra unu e n’antru palittu,

lu poracciu, mancu stèra rittu!

A sera era tuttu ‘bbacchiatu,

che co Danilo s’è confidatu.

A ginucchiù davanti ‘na buttija de grappa

tutti e dui momenti non s’a chiappa!

“Te parli be’, Danilo, ma io co Simona

non sarrò mai cumu “Fabrizio Corona”!

Co u friddu che fa quassù… e co sto vino

io rimarrò sempre … Pisellino!

Viabilità a Coste

Gio’ e Coste è sempre a stessa storia,

non je basta mancu che se fa a rotatoria!

Mo’, dice, appena finito de mette u catrame,

ce facimmo passeggià pure un parde … puttane!

Ridenno e scherzanno, Staffulà,

sapete que j’è venutu a unu da pensà?

Vistu che non ce n’è n’antru nturnu,

a Coste ce facimmo un bel locale notturnu!

Subbitu Gigio De luca l’occasione pensa de coje

“U locale u metto io, vuà pensate a e …. troje

Ma il sindaco da democristiano dice: non è morale!

Nascondete l’insegna, che almeno non se veda da a

statale!

Vistu che se prevede movimentu,

lì e Coste c’è un gran fermentu.

S’è missi su a zocca de cambia’

pure i sensi de a a viabilità!

A strada che porta lì a chiesa,

c’è chi a vole a senso unico in discesa.

S’è aperta na gran discussio’

Lubumba a vòle da ‘nsu, u Logicu a vole d’angiò

C’è chi a vòle chiude, chi a vòle aperta.

Chi vòle pure u parcheggio lì a scoperta!

Chi non ne vole sape’ niente,

c’è chi rivole u semafuru intelligente!

“Chi ci vurrìa n’a rotatoria co u svincolo gio’ da piedi,

un parcheggio e un parde marciapiedi.

Pe e strisce non ve dovete preoccupa’,

non c’è ‘n antru che e sa fa mejo de … Musculà!”

In mezzo a tuttu stu casino,

s’è fattu largu infatti Adelfino.

“Giàte vua’ sul comune a parlà col sinnico, lassù,

che io co quillu non ce parlo più!

Sapete que m’ha dittu su da Rossano,

quanno j’ho chiestu de famme fa’ u vigile urbano?

“allora non me senti quanno parlo!

Non voli propriu capi’, c’ha ragio’ Giancarlo!

se a guardia propriu voli fa’, a proposta è a stessa:

te poli mette a divisa de a vigilessa!”

Il matrimonio

Don Giovanni non ne pole più,

è gitu a raccomanasse pure lassù.

Fra a banda che sull’altare

je sona quanno je pare,

quilli che non je pare Natale

sci a Pastorella non sente sonare.

I sacrestà che pe u presepiu ha fadigatu un mese

e j’ha occupatu pure du chiese,

L’unica cosa che non je dacìa fastidio

era spusà lì a chiesa de Sant’ Egidio.

Si belli spusitti fra tanti parenti,

in mezzo all’amici felici e contenti.

I fiùri, a marcia nuziale, e porte aperte

… e tanti soldi lì a cassetta dell’offerte!

All’improvvisu i matrimoni non i vòle fa più.

al sindico j’ha dittu: “a me non me importa,falli tu!

L’ho sposati con tutti i sacramenti,

m’è testimoni amici e parenti!

J’ ho dittu, amatevi nella buona e nella cattiva sorte

…………………………

Io dico, menà,… ma no cuscì forte!”

A pensà che a cerimonia è stata perfetta,

u spusu ha carcatu a sposa su a motoretta.

A u pranzu c’era da magna’ cose de ogni sorta,

insieme ha tajatu pure a torta!

Quanno s’è ritirati nel nido d’amore,

s’è sintutu da fòri un gran rumore!

li a camera da sposa

si può fare qualsiasi cosa!

Ma i cazzotti no, fra urli e graffi,

chi proaa a boccà, pijava du schiaffi!

U padre de a sposa te pare gnente,

è sgappatu co u nasu ruttu e senza un dente!

A spusa co anco’ u vestitu d’organza,

è gita al pronto soccorso co l’ambulanza!

Tra tuttu stu casino, sta gran confusio’!

Ce mancava pure che rigava a televisio’.

Pe ‘n mese n’ha parlatu u giornale.

Voli vedé che vo a finì su u testamento de carnevale!

Protezione civile

L’aìa dittu su a televisione e previsioni:

attenzione, rischio de alluvioni!

Ma il sinnico a moje j’ha dittu: lassa sta’,

a casa mia non bocca mancu l’umidità!

A notte infatti mentre tutti durmìa,

dentro i garage l’acqua non boccava, … scurrìa!

Quanno a moje a sintutu mólle a coperta,

Ja dittu: “Sauro que t’è rimassa a cannella aperta?”

“Chi, s’è aperte e tredici cannelle,

daje a rcoje su l’acqua co e callarelle!”

Telefona alla protezione civile del luogo!

“Pronto … curri Daniele, che chi me fògo!”

All’apparire della Protezione Civile, tranquilli,

a dare gli ordini ci pensa Antonelli!

“Presto Pompeo, monta la pompa,

occhio però che non se rompa!”

Unu ‘ttacca, unu lèa, unu parla alla radiu,

va finì che a pompa a monta all’ incontrariu.

Quanno ‘ttacca a corrente guarda un po’,

l’acqua invece de scappà, ne bocca n’antra po’!

A moje de Sauro chiede a Dolciotto:

“Daniele cosa facciamo, gonfiamo il canotto?

Guarda che qui l’acqua ci cresce,

ce manca solo che ce metti il pesce!”

La gatta

Non poli gi’ a fa na pennichella salutare

Che di’ pure te sona u cellulare!

“Daniele? Pronto, so Tiziana,

vieni che è successa una cosa strana

sapessi quantu me manca

È a pelo rasato, tutta bianca!”

Dolciotto ntuntitu da a pennichella

n’ aìa capitu coè que vulìa quella

r vestitu co a divisa non a caso

Parìa spuntatu il commissario Bertolaso!

Quanno riga lì vicino a banca

Ha capitu que era la cosa rasata e bianca.

C’era da tirà gio’ da un tittu

Na gatta bianca, … co o pelo rittu!

“Daje, Daniele, salva la micetta!”

“N’ antra ò a tenesse nte a gabbietta!”

Mancu i gatti in ti stu paese troa locu!

C’ho na voja de daje focu!

Ma guarda te co tutti sti pensieri

Me tocca chiama’ pure i pompieri!

E quanno je la fatta a tiralla gio’

J’è passata fra e gamme a lu cojo’!

La rissa

Ade’, ‘ndo vai, trovi i distributori automatici,

e sapimmo tutti quantu è antipatici!

I trovi dappertuttu e funziona anche a domenica

pure nti i cessi pe distribuì a carta igienica!

Pe non parlà po’ dai benzinari

che sci sbaji lì, è propiu cazzi amari!

A Coste invece, no ja fo mai a capì

si è apertu, chiusu, o si deve rapri’!

Te pare che non c’è nisciù, pensi de fa da sulu,

ma appena piji a pompa, … te piji un vaffanculu!

Sgappa fòri u benzinaru da dietro u fabbricatu,

poli sta tranquillu che de sicuru è rabbiatu!

O perché non sai fa’ o perché i lettu male,

lu è sempre ingrugnitu, mai cordiale.

Però si se presenta na bella signora,

je pulisce i vetri, ce mette più de un’ora.

sfrega e larga e pupille

e po’ i sciucca co a pezza de pelle!

Un giornu però, j’è gita male,

lì a pompa s’è fermatu un tale,

era un po’ nirvusu je rombava u motore!

Non vulìa perde tempu lì u distributore.

a pompa da sulu ha pijatu

pure i vitri s’è lavatu

u benzinaru l’ha vistu dall’altra colonnina,

è cumu se J’aesse biutu du litri de benzina!

“Que fai, chi t’ha datu u permesso!

Io que sto a fa io chi … u fesso?

Non te permette più de fa’ da sulu,

che te pijo a calci in culu!”

Quillu mancu j’ha respostu,

che subbitu i nervi se l’ha ‘mpostu

Appena è rigatu, u benzinaru,

ha cominciatu a menaje cumu a un somaru!

Dicemmolo tra de nuà

voli costa’, prima de menà!?

Ade’ quanno vai a fa’ benzina u vidi chiotto

chiusu dentro u casotto!

Sci je chiedi o gasolio o a benzina verde,

te responne: “non c’ho tempu da perde”.

Te dice: “Si c’hai fretta parè,

fa, fa, …fa pure da te”!

Gara di briscola

Si a volete sapé para, para,

a gara de briscola l’ha organizzata Marco, lì da Lara!

Iscrizioni, carte, beùte, leàte e spese,

primo premio un maiale della cinta senese!

A partecipa’ c’era tanti giocatori

fra mezzo pure i du professori:

“Vincimmo nua’, non ce sarà gara …chi”

dicia Dolciotto co Paolo de Latì.

Pacì aggià aìa invitatu lì casa a tutti,

pe faje sintì i prisciutti!

Paolo j’aìa promissu de gicce

portannose na collana de salcicce.

Ma se sa’ che e carte è propriu strane,*

sci non te porta te dà un saccu de grane

E sta òlta ha giratu in modo propizio

invece per Carlittu e Fabbrizio.

Tutti e dui soddisfatti,

ridìa cumu du matti!

A Carlittu je se cavava i denti

e pijava per culu i due perdenti!

Dicia: “U porcu è nostru… a Latì je rosica,

no je facemo licca’ mancu a cotica!

Quanno ha ritiratu u porcellu

Carlittu su carezzava cumu un munellu!

“Fabbrì, u mittimmo nti a stalla mia

De sicuru non scappa via”

Appena u lassa dentro a stalla

je zompa da a finestra cumu na palla:

“Fabbrì u porcellu è sgappatu a tradimentu,

sta’anno gimmo a finì su u testamentu!”

Fabbrizio però n’è convintu pe gnente:

“Su maiale sarà pure intelligente,

ma a a scappa’ da na finè è assurdu

non c’ha mica l’ale cumu un turdu!

Io me so vista tutta a scena

Puritti quantu me facia pena

A vedelli corre tra li filari

Ma paria un porcu e tre somari.

I Bar

U lunedì matina lì a piazza u friddu moccicava.

Me se vicina unu, incappottatu che tremava.

“Scusate sape’ … ma un bar do’ posso troallu,

spetto a corriera e vurrìo qualco’ de callu.

J’ho indicatu il bar de Lara, con premura

po’ ho pensatu oggi è giornu de chiusura!

“Non c’è problema, parè mia,

bocca lì l’arco, quanno stai davanti a farmacia

in fondo al vicoletto,

ce troi il circoletto!

“ho già fattu un giru fino a là,

me so’ ntisitu cumu un baccalà.

Quanno ho vistu che Il circolo era chiusu,

ce so’ rmassu proriu delusu”.

“Me tolga na curiosità

Pe strada ho lettu na pubblicità!

FINALMENTE RIAPRE IL BAR DE GIUBBÌ!

Dimme do sta, che vo subbitu lì!”

“Ah nooo! Guardi … ha aperto, però è chiuso

Nel senso che c’è ma ne fa n’antru uso!

Quanno non c’è a machina e altri arnesi,

ce poli troa’ dentro un parde cinesi …

Insomma non pensà de capicce te,

ché io è 40 anni che sto e non c’ho capitu coè!”

Dopo, m’è vinutu un lampu de genialità.

Que ce vulia a pensà?

Davanti a porta c’è un mucchiu de robba in esposizione,

bocca dentro e chiedi de fa’ colazione!

Non ce fa casu, è na ferramenta,

venne de tuttu, a pranzu pure a pulenta!”

Ce poli gi’ tranquillu a fa colazione,

ce va l’operai, e pure l’Amministrazione!

Lì se pole fa’ a colazio’ completa a matina,

tantu chi comanda è Cristina!

Se sta lì pe scallasse li a stufa,

cumu oggi che fòri è friddu e bufa!

Ma c’è chi pija o caffè co e ciambelle,

u problema è che, pe restu, te rifila du rondelle!”

Sempre a propositu de Pelatelli …

Na matina u pustì lì a ferramenta,

oltre a portaje i funghi e a farina pe a pulenta,

Je portò pure na busta del Comune sigillata

quanno a apre … è na vera multa salata!

120 euro da pagà tutti den bottu!

Me l’ha mannata il sinnico lu …. buco rotto!

Ma te pare che pe dieci minuti d’aiutu de n’operaio,

me tocca a svotà u cassittu e rompe pure u salvadanaio?

Questa non m’a spettao, non m’a duìa fa’,

Ade’ vo su il comune a protestà!

Prima parlo col segratario po’, co a Pizzicotti:

se non m’a lèa sta multa, a butto a cazzotti!

Quanno va da u segretario

je responne: “sei fuori orario!

Va su de sopra da Fernà:

“Adesso non c’ho tempu – je risponne - c’ho troppu da fa’”

Rva’ gio’ u negozio, su a faccia c’aìa na fiara,

pe strada che te ncontra … propriu a Pollonara!

“Fabbrì, da’ retta a me, non ce gi’ da li sfadigati.

Te fa sulu perde tempu, si impiegati!

Pagheli a me i soldi del conto,

io so n’amicu … te posso fa u sconto!

A Banda

A propositu de scherzi, c’è chi se raccomanda

che déo racconta’ de quilli de a Banda!

Al gran completo è gita in Svezia in turné,

e per pocu non ce deve rmane’!

Duìa esse tutte spesate, e beùte e magnate,

vuà doete pensà sulu a e sonate!

Quanno era ora de gi’ via da stu paese,

je s’è presentatu l’albergatore svedese.

“Presidente non faccia l’indiano,

ecco il conto, denaro alla mano!

Se non ce l’hai, fatte vini’ n’idea,

altrimenti te sdogo cumu i mobili dell’IKEA!”

E Damiano je se raccomandava disperatu:

l’organizzatrice c’aìa assicuratu,

che sèmo tutti spesati,

mo’ se ‘nventa … che i soldi, j’è stati rubbati!

Ma u svedese allarmatu

de na banda d’italiani non s’è fidatu.

“Te a sai lunga ma non me la racconti,

sbrigate a pagamme tutti i conti!”

“Quissu de soldi ne vole tanti,

io non vojo sapé coè - disse Patrizio Bianchi -

Piuttostu non magno pe un giornu

Ma fo a piedi tutta a strada de ritornu!”

“Sciiii, ma dei traversà il mare!”

“A non me frega coè, io non voglio pagare!”

Damiano il dialu su mpunnìa.

Non vidia l’ora de gi’ via!

Nua’ non pagamo na lira,

mancu sci ce pija e ce rgira!

Sci o sa Fronzo’ de stu fattu,

è capace de diventacce mattu!”

Quanno a Graziano j’è rigata a voce,

a cominciatu a fumaje subbitu e froce!

Dopo ave’ pensatu,

solennemente ha dichiaratu:

“non pagherò sta sicuru

neanche se me mette a culo nudu!

Mancu si mu fa roscio come un pomidoro

i frustatori Cassani di Solarolo!

La ruzzola

Pe Sant’Egidiu s’è fatta na cosa speciale,

u campionatu de ruzzola Nazionale.

Co quilli de Cupra non se fa più cagnara,

insieme organizzamo na bella gara.

Preparativi lunghi e complicati,

momenti non tocca fa du comitati.

E pe risolve tutti sti intrallazzi,

s’è giti a raccomannà da Ragnu e Fazi.

Tanta gente la matina è rigata,

pe vede’ chi gioca e pe a magnata.

Figuramose se pe l’occasione,

putìa manca’ a televisione!

U cameramen rpijava i colli,

a campagna, e vigne e i polli.

O vi’ era bonu, l’aria era fina,

pocu prima era passatu nti na cantina!

Stacìa lì a strada, mezzu brillu,

u contadi’ vulìa avvertillu:

“Occhio pare’ che te cutùla,

sci traèrsi quanno tira a rùtula!”

Oh dio, chi parla in questa maniera!

Sono capitato in terra straniera?

Ne ho girati tanti di paesi,

sembra di stare in mezzo agli albanesi!

Intantu u giocu se vicinava,

u cameramen più in mezzo se cacciava!

Una l’ha schivata, n’altra per pocu nu tocca,

l’ultima rùtula l’ha chiappatu nti a zocca!

A botta j’ha fattu lassa’ nico’

E per terra è cascatu gio’

“Adè avrai capitu que te vulia di’

Co le strane parole lu contadì!?”

Caritas

Intanto anche nella nostra chiesa

la situazione continua a essere tesa!

A domenica de Santa Caterina

c’è stata n’antra olta na rapina!

Durante la lettura del secondo brano,

don Giovanni s’è accortu de qualco’ de strano.

Quanno le parole del Pater ha elevate,

ha vistu Giulietto co e ma’ alzate!

Madonnetta na rapina co a chiesa piena?

Que ja puntatu, na pistola lì a schiena?

Visto che i fedeli continuava con l’orazioni,

ha finitu a messa senza interruzioni.

Quanno a chiesa s’era tutta svotata

chi bisogna che vo a da’ n’occhiata.

Sentenno nu rumore sull’altare de Sant’Anto’,

” Sarrà un gattu, famme vede’ un po’”!

S’è n’accortu che n’omo stacìa lì dentro

T’ha pijatu nu spaventu!

Non se sa mai, me dacesse ‘na botta,

famme chiama’ un po’ a Pagnotta!

Po’ vicinannose ha vistu che co na busta

Lu omo co a robba de a Caritas, facia provvista!

Ma che ha cambiato questa chiesa

per un supermarket do se fa a spesa?

Don Giovanni con molta premura:

“Mi scusi mi ha messo paura!”

“Parroco, son venuto sull’altare

solo pe fa’ a scorta alimentare.

Lei, domenica, durante a messa,

hai ripetuto questa promessa:

a pasta, a carne e i frutti,

prendete e mangiateli tutti!!

A pista

A proposito de Sant’Anto’ e de u maiale,

per fortuna l’immo ritroatu, meno male!

Non parlo de quillu de Carlittu e Pelatelli, zitti un po’,

sto parlanno de Mario de Sego’!

E’ tre anni che u cerco pe giustamme u vaterclò,

ogni òlta me dice: a prossima ò!

E’ da sei mesi no u vedo più mancu a sera,

almeno l’avesse missu in galera!

Un giornu pe divertimme

Su Tele Toco ho vistu un filme

Quilli che fa li scellerati de Palombo e Carlaì

che gira e rigira va a finì sempre lì!

(lì se intenne, pe chi no i conosce:

culi, tette e cosce!

Pe non parlà del resto del comitato,

a cumincià da Guido, che è u più screanzato!)

Se vede che bocca dentro un garage

Je paria che Guido facia il decupage

Apre a porta piano senza far rumore,

sorpresa, chi compare con stupore?

Stera tutti in fila co u parnanzò,

Guido, a moje, a sorella e Mario de Sego’!

Zitti, seri, concentrati

Tajava e salava l’insaccati!

Per chi non l’ha vista,

stacìa tutti a fa a pista!

Ammo’ immo capitu Mario ndo stai

quanno te chiamamo e non righi mai!

A cosa più divertente

(se non sei un suo cliente)

quanno l’ha intervistatu,

ha fattu finta de esse smemoratu!

J’ha chiestu: “per fare la pista ci vuole il manico,

lei per lavoro non fa l’idraulico?

“Non me pare … non vedi cumu tajo?

Io pe mestiere fo il norcinaio!”

Associazioni

Il gruppo del folclore se sta rinnovanno.

Adè pija su i munelli anche de ‘n anno.

Tutto è cominciatu l’estate passata,

lì a rassegna e vecchie leve ha rfattu na serata.

Ha fattu un figuro’

co li coriandoli che cascava gio’

Ma quanno a festa è passata

A Presidente s’è pijata na frgata.

Aìa troatu n’uscita a Cupramontana

“Dateje, lesti che anch’io me metto a sottana!”

Siccumu pe balla’ ce vole de fa coppia cumu in amore,

Donatella ha chiesto ai ragazzi de vestisse da signore.

Elio ha ditto: “va be’ che manca e donne,

chiedeteme tutto, ma no de metteme e gonne!”

Allora s’è levata ‘na gran questione

“Cercamo qualchidu’ che ce iuta a troa’ ‘na soluzione”

“Chiama a Gianna” – “Gianna non ce sta più!”

“Chiama a Mosca” – “Manco lu’”

“Chiama a Massaccesi”

“Sci, è gitu via da sei mesi!”

“Chiama a Toccafono, l’assessore

“Quilu se sta a gratta’ da u pizzicore!”

“Sai que famo,: non ce gimmo più, damme retta”

“E quilli su a Cupra?” “… E quilli anco’ sta lì che ‘spetta”.

Adesso “quilli che il calcio”, tuttu tace.

Issi de a sportiva s’è missi il còre in pace.

Adè je va bè nico’ pure e patate lì u campu,

cusci’ a Fernà je dà un po’ de scampu.

È passati i tempi dell’Apiru,

quanno non je dava respiru!

Adè sta tutti zitti senza fiatà,

poche parole, pensa sulu a giocà.

A bella figura invece l’ha fatta l’amatori,

che a vedelli non pare mancu giocatori.

Basta guarda’ a Concialana e Fiore

diteme que c’ha de calciatore!

Sandro dice de corre cumu quanno c’aia trentanni,

è un gioinotto che non sente malanni.

dopo na partita, a matina s’ è alzatu con fatica

a moje ha dittu: correrai pure a sera, a notte non curri mica!

Quissi ‘na coppa comunque l’ha vinta!

Il sindaco l’ha premiati con ‘na medaglia finta:

te pare che il sinnico pirdìa l’occasione

pe rompe i palloni co un sermone.

Il momento di vero onore

è quanno è stato premiato il nuotatore;

è l’unico staffolano

ad ave’ vintu un campionato italiano.

Infatti ha parlato Alessandro Coppari,

che ha salutato tutti gli amici cari:

“Signori, ringrazio in quest’aula troppo piccola

Il signor sindaco e tutta la sua combriccola”.

Saluti finali

E con queste parole sacrosante,

saluto e donne tutte quante.

Che quanno s’ommini se mette insieme,

racconta de nualtri cumu fossimo e sceme!

Simmo nualtri e stupide e galline,

petulanti, gelose, farfalline,

oppure, quanno va peggio, simmo e sdreghe.

Sulu che senza de nuà, per loro è sulu … beghe!

Staffulu, 17 de febbraru 2010

Firmatu: a segretaria de u notaru

Rosaria de Tamburu

FINE